Criseo 2016, un grande bianco da complantazione a Bolgheri

I Sommelier AIS hanno deciso di dare il massimo riconoscimento (4 viti) della loro guida Vitae 2019 al nostro Criseo Bolgheri DOC Bianco, annata 2016. Voci di corridoio ci hanno fatto sapere che è arrivato anche in finale per i TreBicchieri del Gambero Rosso! Purtroppo non ce l'ha fatta quest'anno, ma comunque rimane un bel riconoscimento di qualità.

Criseo 2016 ha già preso tanti importanti riconoscimenti e recensioni entusiaste, fra tutti ricordiamo anche i 91 punti di Wine Enthusiast. Anche le annate precedenti hanno avuto successo. Ricordiamo ad esempio il giornalista americano Tom Hyland che lo ha definito qualche anno fa: "the best Italian white wine you've never tried" (Il miglior vino bianco italiano che non hai mai provato).

Tuttavia non ci stupisce tutto questo: ogni giorno sentiamo le lodi e l'amore per questo vino dai nostri visitatori e clienti più affezionati. Questo è, alla fine, il parere più importante noi. E non è retorica: è chi ha speso per acquistarlo, anche non pochissimo, e noi dobbiamo dargli qualcosa di grande, quel qualcosa capace di regalargli momenti di grande piacevolezza, a tu per tu col nostro terroir.

Criseo è infatti l'espressione assoluta del nostro territorio e del vino artigianale italiano: un bianco che nasce da una singola piccola vigna (Campo Bianco), da 5 varietà in complantazione, raccolte e vinificate insieme in modo sensibile e rispettoso delle uve, senza aggiunte o correzioni in cantina (previo un grande lavoro di cura e selezione in vigna), affinato per 1 anno sui lieviti in acciaio e almeno un altro anno in bottiglia.

Un grande vino bianco a Bolgheri?

Non deve stupire: ormai Bolgheri è conosciuta quasi solo per i rossi ma è sempre stata terra anche di bianchi. Già nelle nostre vigne è documentata la presenza importante di uve bianche (Vermentino, Trebbiano toscano e altre) da metà Ottocento, quando era parte della tenuta Espinassi Moratti. La stessa tenuta, nel 1925, vinse il primo premio all'esposizione vinicola di Roma per il proprio vino bianco.

Il territorio, per fare un grande vino, è condizione necessaria ma non sufficiente. Poi ci vuole la cura e la sensibilità di chi vi opera, i gesti del lavoro umano che si mette al servizio della Terra, capace di portare il terroir a compiersi al suo massimo. Noi abbiamo Michele Scienza, con la sua sensibilità, esperienza  e competenza sia in vigna che in cantina, con la sua voglia di percorrere vie spesso controcorrente che lo portano all'essenza del suo territorio, senza curarsi delle mode del momento. Una di queste è proprio l'aver scommesso, vent'anni fa, sulla possibilità di poter fare un grande vino bianco a Bolgheri, da complantazione. Può dire di esserci riuscito.

Grazie a tutti

 


Gli Etruschi e il vino III: la produzione

Finora abbiamo imparato a conoscere gli Etruschi e le loro vigne, basate sulla vite maritata. Parliamo ora della produzione del vino.

Come per la viticoltura, anche quando si parla di vinificazione antica, in Italia, si accenna quasi solo a quella Romana. Eppure i Romani impararono dagli Etruschi anche a fare il vino. La stessa parola vinum, vino, è passata al latino dall’etrusco. Dal latino è poi rimasta nelle moderne lingue europee (vino italiano e spagnolo, vin francese, wine inglese, wein tedesco, ecc.). La sua origine è però ancora più antica e viene da lontano. Sembra che sia una sorta di “parola viaggiante” che ha seguito molto probabilmente lo stesso percorso storico-temporale della vite e del vino, da Oriente ad Occidente:

winuwanti nell’antica Licaonia (Caucaso)

wnš / wnšt in egiziano antico

wo-na-si o wo-no a Micene

foinos- voinos in dialetto eolico

vinom in falisco (antichissima lingua dei Falisci, popolo che viveva nella parte meridionale dell’Etruria, fra i monti Cimini ed il Tevere, nella zona dell’odierna Civita Castellana)

vinum in etrusco e, poi, in latino.

L’attuale georgiano (Caucaso) gwino segna il punto di partenza.

vinum
"Vinum" scritto con l'alfabeto etrusco. Si legge da destra a sinistra.
liber linteus
Particolare di testo etrusco, dal Liber Linteus, con evidenziata la parola "vinum" che ho ingrandito sopra.
liber_zagabria
La parola "vinum" (qui sopra) è tratta dal IX frammento del "Liber Linteus" (III-I sec. a.C.), “libro di lino” o detto anche “Libro della mummia di Zagabria” (nome legato alle incredibili circostanze del suo ritrovamento), il libro più antico d’Europa, un testo religioso Etrusco che descrive cerimonie e rituali. È l’unico libro arrivato a noi di questo popolo perchè sembra che impiegassero materiale deperibile, come il lino appunto (usato anche nella Roma arcaica). Per questo motivo ci sono arrivati pochissimi testi di una certa lunghezza, oltre che le sintetiche scritte su monumenti o reperti. L'incredibile conservazione nel tempo del "Liber Linteus" nasce da un fatto fortuito. Questo libro arrivò in Egitto probabilmente al seguito di viaggiatori o emigranti Etruschi. In qualche modo finì nelle mani dei locali che, non comprendendolo, ne usarono il materiale (il lino).  Ne fecero delle fasce che impiegarono per avvolgere una mummia (epoca Ellenistica). In questo modo, senza volerlo, permisero la conservazione nei secoli di un documento preziossimo. Nel 1848 un croato acquistò questa mummia in Egitto e la portò al museo di Zagabria. Quando gli studiosi svolsero le bende, si accorsero che riportavano all'interno un testo, scritto in una lingua che non era egiziano antico. Dopo mille congetture, nel 1892 l’egittologo Jakob Krall dimostrò che la lingua misteriosa altro non era che l’Etrusco. Questo libro divenne uno dei testi più studiati per comprendere la lingua di questo antico popolo.

La parola etrusca vinum deriva quindi da un'influenza straniera, dalla cultura greca. Si pensa quindi che sia entrata in uso solo dal VIII sec. a.C. Esiste una parola autoctona per indicare questa bevanda: temetum. Questa appartiene alle radici protostoriche delle genti Etrusche e Latine. La parola vinum sarà però quella vincente.

 

Dopo questa digressione linguistica, veniamo al nostro punto. Come facevano il vino gli Etruschi?

Non è semplicissimo rispondere a questa domanda. Alcune cose le sappiamo per certe, altre le possiamo desumere per affinità da altri popoli mediterranei. Sicuramente possiamo prendere molte informazioni dagli autori romani. Sappiamo infatti che sono stati gli Etruschi ad insegnare loro la produzione del vino. Quindi, le tecniche produttive della Roma arcaiaca ci raccontano molto dell'enologia etrusca.

In epoca molto primitiva, in generale, gli studiosi ipotizzano che l’uva venisse schiacciata in piccoli contenitori, semplicemente spremuta con le mani o usando pietre come pestelli.

037s
La pigiatura con le mani, da un laboratorio didattico che abbiamo fatto nella nostra cantina, con i bambini di una scuola dell'infanzia.

Tuttavia da quando l’uomo ha iniziato a rappresentare le scene di vinificazione in affreschi o su vasi (o almeno su quelli che ci sono pervenuti), già prevaleva l’uso di pigiarla con i piedi, in contenitori più grandi.

Sappiamo per certo che ad un certo punto, presso gli Etruschi, si iniziò a schiacciare l'uva in rozzi pigiatoi scavati nella pietra, detti PALMENTI, scavati in affioramenti rocciosi naturali. Questi, prima della domesticazione, erano realizzati in prossimità dei luoghi dove si trovavano le viti selvatiche. Con l’inizio della coltivazione, i palmenti furono realizzati nelle vigne. Questi potevano essere coperti con strutture leggere, tipo cannicciati o altro, per ombreggiarli o per proteggerli da piogge leggere. Lo sappiamo perchè, in alcuni di essi, sono stati trovati 4 fori intorno, scavati anch'essi nella roccia, come basi per alloggiare i pali di sostegno di una tettoia.

palmento
Palmento del sito etrusco di Tolfa (RM), utilizzato dai contadini locali fino all'epoca medievale.
039
Pigiatura coi piedi in un palmento. I pigiatori si reggono, per non scivolare, con bastoni e fra di loro.

Si pensa che i palmenti in pietra comparvero più o meno dal primo millennio a.C. Esempi rari risalgono all’età del Bronzo ma diventano più numerosi in seguito. La loro datazione tuttavia non è semplice, perché furono usati anche per secoli. In Italia, molti palmenti antichi furono utilizzati dai contadini del luogo fino all’epoca medioevale e, a volte, anche in quelle successive, alcuni addirittura fino alla metà del Novecento.

Palmenti rupestri sono stati ritrovati in Toscana, nelle Marche, nel Lazio, in Campania, in Calabria, in Sardegna, così come in quasi tutte le aree del Mediterraneo Orientale. Si sono trovati anche nei paesi del Mediterraneo Occidentale (come Spagna, Portogallo e sud della Francia) ma risalgono alla colonizzazione romana.

Mancano invece, se non per rare eccezioni, nelle colonie greche dell'Italia del Sud. Ma come, direte, i palmenti non sono tradizionali in Sicilia ed altre zone della Magna Grecia? Sì, ma arriveranno dopo, con i Romani. Si pensa, verosimilmente, che nella cultura greca si usassero maggiormente contenitori in legno per pigiare, dei quali ovviamente non sono rimaste tracce archeologiche. Le testimonianze sono soprattutto artistiche, come è possibile vedere nelle numerose scene di vendemmia sui vasi, come quelle qui sotto. Da esse si desume che in Grecia, in epoca arcaica, si utilizzassero soprattutto pigiatoi in legno trasportabili, con gambe, che si posizionavano direttamente in vigna o in cantina.

satiri_vinificazione_winex_museo_del_vino_firenze
Da un'anfora greca del V sec. a. C., scena di pigiatura dell'uva su un pigiatoio in legno portatile (quello al centro con le gambe)
1200px-Cup_vintage_Cdm_Paris_320_n1
Lo stesso tema del pigiatoio in legno compare su questa coppa della fine del VI sec. a.C. rinvenuta in Etruria, a Chiusi, attribuita all'artista chiamato appunto "il pittore di Chiusi". Ci sta quindi che gli Etruschi abbiano anche conosciuto le tecniche di pigiatura greche ma non abbiamo riscontri che le abbiano utilizzate.

Il palmento, comunque, appartiene anche ad altri popoli mediterranei. A Creta, in epoca precedente (età del Bronzo) le raffigurazioni mostrano la pigiatura dell’uva, con i piedi, in specie di tinozze in ceramica. Anche in Magna Grecia si ha testimonianza di alcuni pigiatoi in argilla rivestiti di calce. Costruzioni simili, fatti con mattoni crudi, sono testimoniati anche nel mondo fenicio-punico e in Egitto.

PSM_V51_D243_Pressing_the_grapes_and_storing_wine
Dalle tombe di Tebe del XVI sec. a.C., come in diverse zone del mediterraneo orientale, si usava un pigiatoio in argilla cruda rivestito in calce. Chi pigia l'uva evita di scivolare attaccandosi a corde fissate al soffitto.

Tornando ai palmenti etruschi, questi erano scavati all’interno di affioramenti rocciosi trovati sul luogo, in materiale di origine vulcanica e quindi facilmente lavorabile, come il peperino, il nenfro, la trachite o il tufo. Il materiale usato, molto tenero e facilmente corrosibile anche dagli agenti atmonsferici,  ha fatto sì che molti palmenti non siano arrivati a noi, diventati col tempo irriconoscibili nella loro funzione.

Erano formati da una cavità o, più frequentemente, da due, comunicanti per un canale di scolo. L’uva era pigiata a piedi nudi nella vasca superiore, di forma più o meno squadrata e non troppo profonda, col canale di scolo chiuso con argilla. Il pigiato era lasciato riposare e poi si apriva il foro comunicante e si lasciava filtrate il liquido in quella di sotto, più profonda e più piccola, spesso semicircolare. Qui si completava la vinificazione. Il mosto/vino era poi raccolto in otri in pelle o anfore, dove poteva completare la fermentazione. I contenitori in terracotta erano simili a quelli che i Romani chiameranno dolii (dolium, al singolare).

palmenti disegno

 

Le vinacce, rimaste nella vasca superiore, erano schiacciate per recuperare il liquido ancora contenuto. I sistemi più primitivi di torchi si basavano semplicemente sullo schiacciamento, fatto con pietre o pezzi di legno appoggiati sopra alle vinacce.  In seguito, esse potevano essere spremute in sacchi e ripassate con l'acqua, producendo vinelli leggeri destinati alle classi inferiori (i Romani chiameranno questi vini loria, pratica che rimarrà comune fino alla modernità).

egyptwineprs_18721_lg
Queste immagini dalle tombe di Tebe in Egitto ci danno un'idea della spremitura antica delle vinacce con i sacchi, probabilmente comune a tante culture mediterranee. I sacchi potevano essere schiacciati o ritorti a forza di braccia oppure usando sistemi con bastoni e altri più complessi, come illustrato.

wine1

In Grecia sono documentati (su anfore), dal VI sec. a.C., anche dei rudimentali torchi a leva per il vino, fatti da un tronco abbassato dalla forza umana o anche appesantito con pietre. È impossibile trovare resti di questi torchi, perché realizzati con materiali grezzi (le pietre) e deperibili (le parti in legno). Tuttavia, si può presumere che fossero usati anche dagli Etruschi, per sviluppo proprio oppure per influenza greca. La prima reale documentazione di torchi da vino in Italia, di questa tipologia, si deve a Catone, nel II sec. a.C.

003 (3)
Questa immagine mostra la spremitura delle vinacce tramite un torchio in legno, da un vaso greco della fine del VI sec. a.C. Si tratta di un semplice tronco che viene usato come leva. Questa viene abbassata dal peso dell'uomo e da sacchi riempiti con pietre posti all'estremità (tenuti fermi dalla seconda figura umana). Gli studiosi hanno potuto capire che in questa immagine si tratta di vino (e non di olio) grazie alla forma tipica del recipiente di raccolta del liquido che fuoriesce dalla spremitura, il "cratere", che all'epoca era usato solo per questa bevanda.

I vini erano conservati in contenitori in terracotta, come tutti i prodotti dell'epoca antica. Molto probabilmente si usavano anche otri in pelle, di cui non ci sono rimasti reperti, ma che sono spesso raffigurati.

Athenaeus
Da un antico vaso greco, l'uomo a sinistra beva il vino direttamente da un'otre in pelle, quello a destra da un'anfora.

 

Intanto l’Etruria venne progressivamente annessa da Roma, in un periodo che va dal III al I secolo a.C. Dall’età tardo-repubblicana in poi, i metodi di produzione di vino in Italia sono ampiamente noti e documentati dagli autori romani.

Compaiono in questa fase i palmenti in muratura, che rimarranno tipici di moltissime parti d’Italia, fin quasi ai nostri giorni. Erano realizzati in pietre o mattoni cementati con malta e poi intonacati con malta impermeabile. L’uva vi era pigiata coi piedi e il mosto era lasciato sedimentare. Poi era fermentato in cisterne in muratura o in vasi di terracotta (dolii), rivestiti internamente di pece ed interrati. In tutte queste epoche non si può escludere a prescindere l’uso del legno, di cui purtroppo non restano tracce.

santa costanza
Mosaico romano del Mausoleo di Santa Costanza a Roma. A sinistra si vede al raccolta dell'uva da viti altissime (viti maritate ad alberi?) e il trasporto col carro trainato dai buoi. A destra, c'è un palmento in pietra, con un'elegante copertura, dove si sta pigiando l'uva.
doli interrati ad Ostia antica
Doli interrati ad Ostia Antica: erano i vasi di fermentazione dell'epoca antica.

Il primo mosto ottenuto dalla vendemmia veniva in genere consumato subito, mentre il restante veniva versato in contenitori di terracotta con le pareti interne coperte di resina o pece. Il vino veniva lasciato riposare, schiumandolo spesso, e a primavera era decantato e versato nelle anfore da trasporto. Le vinacce erano spremute in torchi a leva, azionati da funi tirate da un argano. Nelle aziende più grandi, dal I sec. a.C., erano presenti anche grandi torchi a leva e a vite, con grosse pietre che facevano da contrappeso.

012
Il disegno rappresenta una ricostruzione di un palmento romano in muratura. Annesso ad esso vi è un torchio a leva e a vite. Sicuramente si trattava di una villa agricola  grande e ricca.

 

 

 

vendemmia-lentini
La foto d'epoca rappresenta un palmento in muratura degli anni '50 in Emilia Romagna. Non è cambiato quasi nulla...
065
I torchi a leva sono detti anche "catoniani" perché descritti per la prima volta da Catone (nel II sec. a.C.). anche se hanno origini ben più antiche. I più primitivi, come già visto, erano azionati solo dalla forza umana o da pesi in pietra. A Roma compaiono torchi come questo, dove l'azione sulla leva è esercitata da funi avvolte con un argano, o con sistemi di verricelli, per rendere il lavoro più agevole.
066
Il torchio a leva e a vite rappresenta l'evoluzione successiva del torchio da vino. Qui la pressione è esercitata grazie ad un ingranaggio a vite, fatto girare a forza di braccia. La pietra alla base fa da contrappeso. Questo tipo di torchio permette di esercitare una forza molto maggiore ma era costoso, per cui si trovava solo nelle aziende più ricche. Questi torchi rimarranno in uso per tutti i secoli seguenti, più o meno fino all'Ottocento.

 

Dal I secolo d.C. venne inventato il torchio a vite centrale, più sicuro e maneggevole di quelli a leva, anche se un po’ meno potente. Era realizzato completamente in legno e quindi non ci sono rimasti pressoché reperti. Abbiamo queste informazioni dai documenti, soprattutto dalla testimonianza di Plinio (Naturalis Historia). Per questo viene anche chiamato "torchio di Plinio."

 

004 (2)
Questi schemi esemplificano il modello del torchio a vite centrale (che poteva anche averne più di una) descritto da Plinio. Questo sistema consente di avere strumenti meno grandi e meno pericolosi, ma con una capacità di forza minore rispetto a quello a leva.
museo di Toso torchio di Plinio
Il torchio a vite centrale di epoca Romana, fatto tutto in legno, non doveva essere molto diverso da questo, di realizzazione recente, in esposizione nel museo dell'azienda Toso. Modelli simili si ritrovano anche, dal Medioevo in poi, in tutta Europa.

Il torchio di Plinio farà un salto notevole solo quando potrà passare dagli ingranaggi in legno a quelli in ferro, che avverrà solo nella seconda metà del XIX secolo. In epoca romana e in quelle a seguire il ferro era un materiale molto costoso (senza considerare le difficoltà tecniche di filettarlo in modo regolare). A nessuno sarebbe venuto in mente di usare ferro dove si poteva usare il legno. Solo nell’Ottocento, grazie alla maggiore disponibilità e al minor costo del metallo, si iniziò ad usarlo per gli ingranaggi e poi per tutto l’attrezzo, permettendo l’abbandono definitivo degli ingombranti (e difficili da maneggiare) torchi a leva.

vinificazione romana
Questo disegno mostra come doveva essere la cantina di vinificazione di una villa romana di grandi dimensioni di epoca imperiale. A sinistra si vede il palmento in muratura, in cui sono pigiate le uve. Spesso era anche coperto, per proteggerlo dal sole e dalle intemperie, con strutture leggere (cannicciati) o in muratura. Al centro ci sono due grandi torchi per la spremitura delle vinacce. A destra si vedono i dolii interrati, dove avveniva la fermentazione. In questo disegno sono all'aperto ma spesso erano in locali chiusi. All'estrema destra in basso c'è un lavorante che trasporta sulle spalle un'anfora, del tipo usato per la conservazione del vino e per il trasporto, soprattutto via nave. Alle sue spalle si vede un carro con una botte in legno per il trasporto via terra.

 

Museo_guarnacci,_Mosaico_romano_02
Nel nostro territorio sono stati trovati resti di epoca romana che dimostrano la presenza di ville agricole. Purtroppo non è rimasto nulla, a parte alcuni reperti confluiti nei musei vicini. I più importanti vengono dalla "Villa del Mosaico", ai piedi della collina di Segalari. Qui, all'inizio del XIX secolo, furono rinvenuti i resti di una sontuosa villa romana a due piani. La villa era di epoca augustea, dotata di pavimentazioni a mosaico ben conservate più tardive (II sec. d.C.), probabilmente aggiunte in una successiva ristrutturazione. Purtroppo, data la scarsa sensibilità dell'epoca, la villa è andata persa, ma almeno i mosaici si sono salvati. All'epoca, infatti, furono rimossi e portati al Museo Etrusco Guarnacci di Volterra, dove sono ancora visitabili.

 

La tecnica di produzione del vino del tardo impero sarà quella che rimarrà sostanzialmente immutata in Italia (e altre zone dell’Impero) per i secoli a venire. Coesistevano i vari sistemi spiegati fin qui, alcuni molto arcaici e altri molto avanzati. Ci possiamo immaginare i grandi proprietari terrieri che si facevano costruire ville all’avanguardia e molto costose. Questi potevano essere imitati dai notabili locali, ma non certo dagli altri piccoli produttori, con minori disponibilità finanziarie, che continuavano a produrre il vino con strumenti semplici e di facile auto-realizzazione.
Quindi, l’uva era pigiata coi piedi in palmenti in pietra o in muratura. Era fermentata in cisterne in muratura o, soprattutto, nei dolii in terracotta. In questa epoca compaiono sempre più i contenitori in legno (documentati) per la pigiatura, fermentazione e trasporto, che diventeranno prevalenti dal Medioevo in poi.

800px-Halage_sur_la_Durance_Amphores_et_tonneaux_gallo-romains

La spremitura era fatta nei vari tipi di torchio descritti sopra, ma prevalentemente con torchi a leva con funi ed argano. Anche se questa era una tecnologia sorpassata, rimase comunque la più diffusa perché era la più semplice e la meno costosa. I più moderni sistemi dei torchi a leva e a vite o a vite centrale, invece, richiedevano artigiani qualificati per realizzarli e legname di qualità, per cui erano presenti solo nelle cantine più ricche.

Dal Medioevo in poi si riprenderanno questi stessi sistemi. Spariranno pressochè  i contenitori in terracotta e prevarrà soprattutto il legno. Resteranno i palmenti ed i diversi tipi di torchi. Per cambiamenti veramente sostanziali da questi modelli, dovremo aspettare il XIX secolo.

Nel prossimo post, parleremo invece del vino Etrusco, come era fatto, con quali varietà e come veniva bevuto qui.


Il vino e gli Etruschi (II): la vite maritata, tremila e più anni di viticoltura ed arte

Gli Etruschi sono stati i primi in Italia a coltivare la vite a partire dalle varietà selvatiche. Era una pianta che vedevano nel loro ambiente naturale, di cui avevano già imparato a raccogliere i frutti nei boschi.

Infatti la vite selvatica, Vitis vinifera sylvestris, è una specie autoctona dell'area mediterranea e, soprattutto in Italia, trova le sue condizioni ideali. Ancora oggi è possibile trovare viti selvatiche nei nostri boschi (anche se bisogna far attenzione a distinguerle da viti coltivate inselvatichite, di vecchi vigneti abbandonati). Le varietà che coltiviamo oggi derivano dalla vite selvatica, modificata attraverso millenni di selezioni ed incroci attuati dall'uomo.

Tornando agli Etruschi, sembra che coltivassero la vite fin dall’età del Bronzo, comunque almeno dal XII sec. a.C.

Più tardi, con lo sviluppo della civiltà, essendo grandi navigatori e mercanti, ebbero contatti sempre più intensi con i popoli del Mediterraneo orientale (soprattutto con i Greci), dove cultura e tecniche viticole erano già più evolute. Questo permise loro di affinare le tecniche produttive, d'importare nuovi attrezzi e nuove modalità di lavoro. Vennero importati anche nuovi vitigni di origine orientale, il cui processo di domesticazione erano iniziato in epoca ben più remota nell'area del Caucaso. I nuovi vitigni vennero coltivati tal quali e anche incrociati con le varietà locali.

In questo modo la primitiva viticoltura etrusca s'affinò e crebbe nei secoli. Dal VI sec. a.C., vista la crescita in quantità e qualità della produzione del vino, cominciò anche il commercio oltremare. Vediamo ora di capire com'era questa produzione.

Gli Etruschi coltivavano le viti come le vedevano crescere spontaneamente nei boschi. La vite è un arbusto rampicante, una specie di liana. In un bosco, il suo ambiente naturale alle nostre latitudini, tende ad arrampicarsi su un albero per raggiungere il più possibile la luce (è molto eliofila). Non è però una specie parassita: la vite non interferisce con l'albero su cui s'aggrappa.

Questa modalità di coltivazione etrusca è stata chiamata per secoli  vite maritata. La vite è come "sposata" all'albero a cui s'avvinghia. Questa definizione non è d'epoca etrusca ma nacque più tardi, in epoca Romana. Gli Etruschi sembra che l'indicassero col termine di àitason (letto, probabilmente, "aitasun").

011
Vite selvatica toscana nelle vigne di Guado al Melo, coltivata alla maniera etrusca, cioè maritata all'acero campestre.

Le viti erano allevate su soprattutto su aceri campestri, ma anche pioppi, olmi, ulivi ed alberi da frutto. In origine non erano potate, più tardi furono soggette a potatura lunga. La vite quindi tendeva a crescere molto, ad avere tralci anche lunghissimi. La raccolta dell’uva era effettuata con le mani o con falcetti, con scale appoggiate agli alberi, oppure usando strumenti dal manico molto lungo.

vite maritata

La coltivazione delle vite in Etruria non era specializzata, così come rimarrà in prevalenza in Italia per secoli: non c'era una vera e propria vigna come la intendiamo oggi. Era invece promiscua con altre colture, alternata a campi di cereali, ulivi, alberi da frutta, ecc.

La vite maritata è rimasta nella cultura viticola italiana fino a quasi i nostri giorni, in tutti quei territori dove in antichità era arrivata la civiltà etrusca.

espansione etruscaGli Etruschi, dall'originaria zona della Toscana ed alto Lazio (chiamata Etruria Storica) allargarono poi i loro confini, espandendosi fino alla Campania, a sud, e all'Emilia Romagna a nord. In Campania esiste ancora oggi il confine fra la cultura viticola etrusca (più a nord) e quella greca. In quest'ultima la vite era coltivata a ceppo basso, senza sostegno o con sostegno "morto" (detto anche alberello). Il confine è segnato, più o meno, dal corso del fiume Sele. Nelle terre che conquistarono portarono la loro avanzata cultura viticola, diffondendola anche presso i popoli vicini, come i Galli Cisalpini (la Gallia Cisalpina corrisponde a buona parte dell'attuale nord Italia).

Gli Etruschi trasmisero molto della loro cultura anche alla nascente civiltà romana, compresa la viticoltura e la produzione del vino. Infatti, nella viticoltura romana antica, come testimoniato nel De Agri Cultura di Catone (II sec. a.C.), la coltivazione della vite era fatta alla maniera etrusca, maritandola all'olmo o al fico. L'àitason etrusco divenne l'arbustum (vitatum) latino, che Catone a volte chiama anche vinea, così come Cicerone.

Con Varrone, nel De Re Rustica (39 a.C.) comparve però l'esigenza di distinguere due forme diverse di coltivazione. Molto probabilmente nella sua epoca stava emergendo una nuova forma di viticoltura, quella di derivazione greca già accennata sopra. L'arbustum rimase ad indicare la vite maritata. Vinea divenne il termine per indicare questa nuova coltivazione a vite bassa. Entrambe appartenevano alla categoria generale del vinetum (vigneto).

Virgilio, nelle Georgiche (29 a.C.) scrive della viticoltura della sua terra (Mantova) e racconta che le viti erano maritate all'olmo.

Columella nel suo De Re Rustica (65 d.C.), considerato il primo vero e proprio trattata agrario della storia (rimarrà come testo base per tutti i secoli a venire, fino almeno al XVIII sec.), descrive a fondo le diverse forme di viticoltura romana. Emerge però la sempre maggior diffusione della vinea a discapito dell'arbustum, per via del fatto che il primo garantisce una viticoltura più specializzata.

Plinio il Vecchio (Naturalis Historiae, 77 d.C.) testimonia la viticoltura campana dell'epoca, con viti maritate ai pioppi, anche altissime, soprattutto nella zona di Aversa. Distingue l'arbustum italicum, tipico del centro Italia, dove le viti salgono sul singolo albero, dall'arbustum gallicum (chiamato così perché molto frequente in quella che era all'epoca l'ex-Gallia Cisalpina), dove i tralci delle viti passano da un albero all'altro formando dei filari.

008
Vite maritata "semplice" o arbustum italicum (da disegno Ottocentesco).
043
Viti maritate a filare, con i tralci che passano alle piante vicine, chiamato dai romani arbustum gallicum (foto di inizio Novecento in Emilia)

Le viti maritate ritornano anche in opere meno rilevanti del tardo impero, come la Opus Agricolturae di Palladio (IV sec. d. C)  e nel Geoponica del bizantino Cassiano Basso (VI sec. d.C.) che la consiglia nei terreni umidi. In epoca medievale le ritroviamo nell'opera del bolognese Crescenzi, l'unico testo medioevale agrario rilevante del Medioevo Europeo (1304) e in altri scritti minori.

L'agronomo bolognese Vincenzo Tanara nel 1644 descrive i due principali sistemi di coltivazione della vite maritata del suo tempo, che corrispondono esattamente ai sistemi romani. Li chiama piantate (l'arbustum gallicum ) e alberate (arbustum italicum).

Per tutti i secoli successivi, la viticoltura italiana del Centro e del Nord è stata dominata da questi due sistemi, a seconda delle zone. Le alberate erano appezzamenti con viti arrampicate su alberi singoli, posizionati in modo casuale nel campo o con impianti regolari. Originarie dell'Etruria centrale, sono rimaste tradizionali soprattutto in Toscana (col nome di testucchio), Lazio ed Umbria. Le piantate formavano invece filari nelle zone di confine di un terreno o lungo gli argini dei fossi. Erano più diffuse nel centro-nord dell'Etruria e nelle zone di espansione a Sud, infatti rimasero tradizionali soprattutto nella pianura Padana e in Campania.

La vite maritata continuò quindi a far parte del paesaggio agrario italiano anche dopo l'epoca classica e si ritrova infatti raffigurata nell'arte di tutti secoli.

Tacuin_Automne03
Illustrazione dai Tacuina sanitatis (XIV sec.) che mostra viti maritate agli alberi
2016_CKS_11973_0033_000(bernardino_luini_madonna_of_the_grapevine)
Questa bellissima Madonna, con Gesù bambino, siede serena vicina ad una vite maritata ad un albero di fico (a destra). L'opera è del lombardo Bernardino Luini ("Madonna con grappolo d'uva", 1480-1485).
Questa scena laboriosa di vendemmia da viti maritate è del toscano Antonio Tempesta, ("Settembre", 1599).

Questi paesaggi affascinarono anche i viaggiatori stranieri del Sette-Ottocento che compivano il loro viaggio culturale in Italia, all'epoca ritenuto indispensabile nella formazione giovanile della classe colta europea. I paesaggi con le viti maritate si ritrovano così in diverse rappresentazioni pittoriche di quel periodo. Sono raccontate anche nei diari di viaggio, come ad esempio dall'architetto francese Jacques-Germain Soufflot a metà Settecento, in visita a Paestum (Suitte Des Plans, Coupes, Profils, Elévations géometrales et perspectives de trois Temples antiques, tels qu’ils existoient en mil sept cent cinquante, dans la Bourgade de Pesto… Ils ont été mésurés et dessinés par J. G. Soufflot, Architecte du Roy. &c. en 1750. Et mis au jour par les soins de G. M. Dumont, en 1764, Chez Dumont, Paris, 1764), oppure da Goethe nel suo celebre "Viaggio in Italia" (1813-1817).

Scriveva Aubert de Linsolas nel suo libro "Souvenirs de l'Italie" (1835):

" ... i rami della vite intrecciati ai grandi alberi all’orlo della carreggiata, danno l’idea di tanti archi trionfali di verzura, preparati per il passaggio di un potente monarca."

Hackert
Jakob Philipp Hackert, "Gente di campagna che riposa sotto le viti sulle colline sopra la Solfatara, con vista su Ischia, Procida e la baia di Pozzuoli.", 1793. Si vedono degli alti pioppi con viti maritate.
Markó,_Károly_-_Landscape_at_Tivoli,_with_a_Scene_from_the_Grape_Harvest_-_Google_Art_Project z
Markó Károly, "Paesaggio a Tivoli con scena di vendemmia", 1846. All'estrema destra si vede un uomo che raccoglie l'uva, con una scala, da una vite maritata.
Elm_and_the_vine 1849
Illustrazione ottocentesca inglese di una vendemmia in Toscana

L'immagine così evocativa della vite che abbraccia l'albero non rimase però confinata ai soli contesti agrari. Accese anche l'immaginazione di artisti e letterati, che le attribuirono diversi significati simbolici.

Dal I secolo d.C. comparve nella letteratura latina la metafora poetica della vite e dell'albero (soprattutto l'olmo) come simbolo dell'amore coniugale. La vite è "sposata" all'albero: da qui nacque il termine vitis maritae che usiamo ancora oggi ("vite maritata").

Ad esempio, Gaio Valerio Catullo identifica la vite e l'olmo come moglie e marito nella "canzone nuziale di giovani e fanciulle" (Carmina, poema 62, traduzione di Mario Ramous):

..."

Come la vite che nasce isolata in terra spoglia

non riesce ad alzarsi né a maturare l'uva,

ma piegandosi sotto il peso del tenero fusto

quasi sfiora con le sue radici il tralcio piú alto

e da nessuno, contadini o buoi, è presa a cuore,

se per caso si lega in matrimonio all'olmo

tutti, contadini o buoi, l'hanno a cuore;

cosí invecchia trascurata una fanciulla vergine,

ma se a tempo debito stringe giuste nozze,

eluso l'odio del padre, avrà l'amore di un uomo.

..."

Nelle Metamorfosi di Ovidio (XIV, 623 e seguenti) questa metafora compare nella storia d'amore di Vertumno e Pomona. Vertumno era un Dio di origine etrusca, rimasto anche nella religione Romana. Presiedeva alle trasformazioni (verto, in latino, significa appunto cambiare): al cambio delle stagioni ma anche ai commerci. Il Dio s'innamorò di Pomona, antichissima Dea latina della coltivazione dei frutti, che tuttavia era inavvicinabile. Cercò di raggiungerla con diversi travestimenti e ci riuscì prendendo le sembianze di una vecchia donna. Allora cercò di convincerla d'abbandonarsi all'amore con diversi argomenti, fra cui appunto la metafora della vite e l'olmo:

C’era di fronte un olmo avvolto da un rigoglio d’uva luccicante. Elogiato l’olmo insieme alla vite che l’accompagnava, (la vecchia) disse: “Però se questo tronco se ne stesse lì celibe, senza tralci, non avrebbe nulla di attraente se non le proprie fronde. E anche la vite, che si abbandona abbracciata all’olmo, se non gli fosse unita, per terra giacerebbe afflosciata. Ma a te l’esempio di questa pianta non dice nulla ed eviti l’accoppiamento, non ti curi di congiungerti. Oh, se tu lo volessi..."

800px-Melzi_-_Vertumnus_and_Pomona
Vertumno e Pomona, Francesco Melzi, 1518-1528

Al termine del discorso, Vertumno si rivelò in tutto il suo fulgore. Pomona, colpita dalle parole sentite e dalla bellezza del Dio, cedette all'amore.

Questa storia ebbe grande eco nel Rinascimento e rimarrà un tema artistico molto frequente fino al XVIII secolo.

Di nuovo troviamo in Ovidio (Amores, elegia XVI) questo tema:

Ulmus amat vitem,
vitis non deserit ulmus;
Separor a domina
cur ego saepe mea?

(L’olmo ama la vite e la vite non si separa dall’olmo;

perché mai tante volte io sono diviso dalla mia amata?).

Il tema della vite maritata all'albero raggiunse però la sua massima diffusione grazie al giurista milanese Giovanni Andrea Alciato (1492-1550). Egli pubblicò una collezione di allegorie e simboli (riprodotti con xilografie), spiegate nel loro valore morale con brevi testi in latino. Il titolo era "Emblemata", pubblicato ad Augusta nel 1531. Ebbe un successo straordinario in tutta Europa, con traduzioni in italiano, francese, spagnolo, tedesco ed inglese. Alciato creò un vero e proprio nuovo genere letterario, di grande successo anche nei secoli seguenti, l'emblematica.

La vite maritata è riportata da Alciato come emblema dell'Amicizia e, nella sua forma più pura, dell'Amore, col titolo latino:

"Amicitia etiam post mortem durans"

(l'amicizia perdura anche dopo la morte).

alcitati emblema

Il disegno è così descritto:

Una vite, coperta di verde vibrante, abbraccia un olmo, asciutto per l'età e persino spogliato di fogliame. Riconosce il cambiamento naturale, e ringrazia con gratitudine i reciproci obblighi di servizio. E così con l'esempio ci consiglia di cercare gli amici quelli il cui patto di amicizia non è rotto nemmeno dalla morte.

Questa interpretazione era stata influenzata da un epigramma del poeta greco Antipatro di Tessalonica (I sec. a.C.), in cui un platano appassito racconta come la vite, allevata su di esso, lo mantenga verde. Alciato, che è lombardo, corregge l'errore del greco. La vite maritata era parte dei paesaggi agrari della sua terra natia e quindi sapeva bene che è l’olmo lo sposo ideale della vite, non il platano.

Grazie ad Alciato e al successo dell'emblematica, il simbolo della vite maritata all'albero ebbe un'enorme diffusione e comparve in moltissime raffigurazioni artistiche, in poemi ed opere letterarie di tutta Europa. La vite maritata di origine etrusca, mediterranea, divenne quindi un simbolo culturale decontestualizzato.

Ad esempio, il fiammingo Daniël Heinsius, in Emblemata amatoria (1620), più che all'amicizia, tornò a legarlo all'Amore Imperituro. come in epoca classica. Fra l'altro, riprese il platano originario dell’epigramma greco. La vite maritata, con Heinius è l'emblema dell’amore eterno che va anche oltre la morte, con la dicitura

"Ni mesme la mort"

nemmeno la morte.

Heinsius_Emblem_Quaeris_quid_26

Divenne anche il logo degli Elzevier, editori di Leida (Olanda) dal 1580. L'attuale casa editrice Elsevier (rifondata nel XIX sec.) è il maggior editore mondiale in ambito medico e scientifico. Il loro simbolo è rimasto quello originale, una vita maritata all'albero, col significato dell'allenza fra apprendimento e letteratura.

elsevier logo

Dall'Ottocento la viticoltura divenne una scienza e fiorirono numerosi trattati agrari che descrivevano nel dettaglio i sistemi tradizionali italiani. Per questa parte mi sono riferita alle opere di due insigni studiosi dell'Otto-Novecento, i piemontesi Ottavio Ottavi e Domizio Cavazza.

La viticoltura italiana dell'epoca, nel centro-nord, era rimasta ancora di base quella dell'arbustum italicum (alberata) e dell'abustum gallicum (piantata) dell'antica Roma. Da questi due archetipi, si erano però differenziati miriadi di sistemi diversi. Gli stessi studiosi ammettono che sono difficili da elencare in tutte le varianti possibili. Inoltre c'è parecchia confusione nei termini, rispetto al passato. Si usa spesso il termine alberata per indicare sia l'uno che l'altro sistema.

Si usano ancora soprattutto l'olmo, l'acero e il pioppo. Ora, però, ci sanno anche spiegare il perché. L'ideale, per un tutore vivo, è una pianta con un apparato radicale e chioma che interferiscano poco con lo sviluppo della vite. Così è l'acero (Acer campestris), beniamino delle vigne fin dagli antichi Etruschi.  È lento d'accrescimento, ha poche radici che scendono in profondità e non intralciano quelle delle viti. La chioma, poco folta, è facilmente modellabile con la potatura. Si adatta bene anche ai terreni poveri e poco profondi.

L'olmo (Ulmus campestris) rimane l'albero più usato nel nord, anche se non è così perfetto per la vite. Ha una forte espansione radicale ma è molto longevo, produce ottimo foraggio (le foglie) e fascine e legna. Si adatta molto bene ai terreni fertili ed umidi della Pianura Padana.

Il pioppo (Populus nigra) era usato per via del suo rapido accrescimento e perché produce foraggio e legna. Non è però così adatto per la vite perché ha un esteso sistema radicale e chioma folta che ombreggia.

Il gelso (Morus alba) era usato molto in Veneto, anche se non era proprio adatto. Fa troppa concorrenza alla vite. Tuttavia era usato per mettere insieme due economie: l'uva e l'allevamento del baco da seta. L'introduzione dei trattamenti col rame di fine Ottocento (che uccide il baco) rese però molto difficile questa convivenza.

Si usavano anche, in minor misura, il salice, l'orno, il frassino, il corniolo, il tiglio, il carpino, la quercia, il ciliegio, l'olivo, il noce e il fico.

Il sistema più semplice, il vecchio arbustum italicum, in questo periodo era chiamato testucchio. Era diffuso soprattutto in Toscana, ma anche nelle Marche e Lazio, con modalità d'impianto e potatura un po’ diverse.  Si usavano soprattutto aceri, chiamati in Toscana oppi o loppi o pioppi. Fra i testucchi si potevano anche coltivare delle viti basse, appoggiate su pali, formando così il filare o filone pieno. Nel Casertano si trovavano soluzioni simili, ma con le viti intermedie coltivate alte.

009

Quest'opera allegra del pittore fiorentino Raffaello Sorbi ("La festa della vendemmia, 1893) mostra la vite maritata (a testucchio) della campagna toscana.
013
Qui si vede la vite maritata "semplice" e il filone completo, che mette insieme tutori vivi e morti.

In Abruzzo i tralci erano intrecciati a formare un grosso quadrato orizzontale, formando i cosiddetti capanne o capannoni.

034

Nell'Aversano, con la coltivazione dell'uva Asprinio, si arrivava a 20 metri d'altezza con i pioppi. Si noti, nella foto d'epoca, la dimensione dell'omino sull'albero. Nell'interfilare si coltivano altre specie come la canapa, il granturco, la patata e vari cereali.

037

Il "sistema chiantigiano” era basato sempre sull'acero, i cui rami erano potati per stare in orizzontale ed unirsi a quelli dei vicini, ottenendo una sorta di spalliera continua su cui s'arrampicava la vite.

010

Il  “sistema a festoni” o "a tralciaia" o "pinzana" era tipico della Toscana, soprattutto nel Pisano, del Casertano, Napoletano e dell'Emilia. I festoni erano formati dai lunghissimi tralci delle viti intrecciati. A volte dovevano essere sostenuti a metà da bastoni o separati da una traversa.

015

019

Quest'opera Settecentesca di Jacob Hackert ("Vendemmia d’altri tempi o l’autunno") mostra la raccolta dell'uva in Campania da alberi altissimi col sistema a festoni.

In Emilia si usava soprattutto l'olmo, in Romagna l'acero, molto più bassi. Nel Ferrarese le viti si portavano altissime su alberi di noce. Si trovano molto spesso ai margini dei campi e lungo i fossi.

039

Il “sistema istriano” si basava su aceri o frassini coltivati bassi, come una ceppaia, da cui partivano numerosi rami divaricati che, ad una certa altezza, venivano riuniti a formare un cerchio. Le viti si allungavano fino al cerchio, poi si si distendevano a filare e si univano alle viti vicine. Questo sistema era usato per varietà locali come il Terrano, l'Isolana, la Nera tenera, la Crevatizza. Ottavi dice che è un sistema che sta scomparendo del tutto già alla sua epoca.

030

Dalle forme più tradizionali si erano poi evolute, nell'Otto-Novecento, delle forme miste con fili e pali, per cercare d'intensificare questo tipo di coltura. Un esempio era il sistema "a raggi" o Bellussi (dal nome dei fratelli ideatori). Era diffuso soprattutto in Veneto. I sistemi a raggi presentavano numerose varianti.

022

024

I pergolati misti erano costituiti da tutori vivi sui quali si arrampicavano viti ad impalcature in legno e fili di ferro. Si trovavano nel Tivolese, in Piemonte e in Emilia.

046

Ad ogni modo, nel Novecento questa cultura millenaria è scomparsa.

Una prima "botta" derivò nel 1920 dalla decimazione degli olmi, per una malattia causata da un fungo arrivato dall'Asia (la grafiosi).

Cavazza, nel 1924, parla di scomparsa graduale delle viti maritate anche per mutate condizioni tecniche ed economiche. Egli elenca gli svantaggi di questo sistema rispetto al tutore morto (palo): ci vuole più tempo per raggiungere la normale produzione, gli alberi ombreggiano la vite, le uve maturano più tardi, ci sono maggiori esigenze di concime (sia della vite che del tutore), maggior difficoltà e spesa nella potatura e di tutti gli altri lavori (dai trattamenti alla vendemmia).

Eppure aveva resistito per tanto tempo anche per vantaggi indubbi, elencati dallo stesso Cavazza, come la grande longevità della vigna, veramente secolare. Inoltre i tutori davano anch'essi prodotti utili all'economia agricola, come il foraggio per gli animali e le fascine. Gli alberi proteggevano in parte le viti da brina e grandine. Fra gli alberi si potevano coltivare altre specie agricole, ... Balza agli occhi come questi vantaggi appartengano però ad un'agricoltura promiscua, ad un mondo contadino che nel Novecento era ormai al tramonto.

Infatti il secondo dopoguerra ha visto una profonda trasformazione del mondo contadino italiano. La realtà produttiva moderna richiedeva ormai una viticoltura altamente specializzata. In questo nuovo mondo la vite maritata, sopravvissuta per oltre tremila anni, non ha più trovato posto.

Se volete vedere coi vostri occhi una vigna etrusca potete venire a Guado al Melo, l'abbiamo ricreata con viti selvatiche locali. Oppure potete trovare ancora una delle forme descritte sopra, nell'Aversano o in qualche piccola realtà della Toscana e dell’Emilia Romagna.

L'Italia ha certamente sacrificato tanto della sua cultura contadina alla modernità.  L'importante è non perderne la memoria, perché è parte della nostra storia. Per questo un disegno di vite maritata sta sull'etichetta del nostro Atis Bolgheri DOC Superiore.

Nemmeno la morte.

Atis

Nella prossima puntata scopriremo invece le varietà ed i vini Etruschi, oltre che le modalità di vinificazione qui.


Il vino e gli Etruschi (I): i primi vignaioli

Il vino e gli Etruschi è un tema affascinante quanto poco conosciuto. Quando si guarda all'antichità del vino italiano si pensa quasi esclusivamente a Roma. Ovviamente Roma ha avuto un ruolo fondamentale e straordinario nella storia del vino ma anche gli Etruschi sono stati rilevanti. Soprattutto sono venuti prima e hanno insegnato ai Romani tante cose.

Vi chiedere: perchè vi interessano così tanto gli Etruschi?

Perchè sono stati i primi abitanti delle nostre terre e furono i primi viticoltori in Italia. Millenni fa, quindi,  erano qui al nostro posto, a fare il nostro stesso lavoro!

Ma chi erano gli Etruschi? Un ripassino dalla storia... se questa parte la conoscete già, saltatela. Dopo un inquadramento territoriale, ci dedicheremo invece in modo specifico al vino.

“… tanto potente era l’Etruria da riempire della fama del suo nome non soltanto la terra, ma il mare, per l’Italia tutta, dalle Alpi allo stretto di Sicilia...“

Tito Livio, Ab Urbe Condita, Libro I (I sec. a.C.)

L’antica civiltà etrusca fu la più importante del Mediterraneo Occidentale prima dell’affermazione di quella Romana, dal IX al I sec. a.C. (quando venne completamente soggiogata da Roma). L’Etruria storica comprendeva buona parte della Toscana e dell’alto Lazio, ma arrivò poi ad espandersi fino all’Emilia ed alla Campania e su tutto il mar Tirreno. Il nome Etruschi (ed Etruria) fu attribuito loro dai Romani. Loro si riferivano a sé stessi come Rasenna, la loro nazione Rasna. Furono un popolo ben definito nella loro specificità etnico-linguistica, dediti al commercio, all’artigianato ed all’agricoltura. Pur riconoscendosi come nazione, gli Etruschi non costituivano però un’unità politica: erano suddivisi in città-stato indipendenti, il primo modello socio-politico di questo tipo in Italia. Ebbero una fitta rete di rapporti commerciali con le più importanti civiltà del Mediterraneo (Greci, Fenici, ...), le altre genti d’Italia, nonché con le popolazioni dell’Europa continentale come i Celti.

 

Il nostro territorio è caratterizzato da un fila di colline parallele al mare, con in mezzo una zona pianeggiante paludosa, l’Alta Maremma, inospitale e dove storicamente proliferava la malaria. Fin dalla Preistoria le popolazioni vissero quindi solo sulle colline, praticando la caccia e la raccolta di prodotti spontanei. Più tardi nacquero i primi insediamenti stabili agricoli dai quali si sviluppò la civiltà etrusca.

La grande ricchezza del territorio era legata alla presenza di importanti risorse minerarie, sfruttate a partire dall’Età del Bronzo (XII sec. a.C.). A differenza dell’Etruria Meridionale, dove nacquero molte città, qui prevalse un popolamento sparso nelle campagne. Il territorio della provincia di Livorno era suddiviso fra tre città-stato: Pisa a nord, Volterra su tutta la val di Cecina fino al mare e Populonia per la zona più a sud. Gli Etruschi, ottimi ingegneri idraulici, seppero bonificare anche parte della palude ed usarla per scopi agricoli.

Il territorio dove siamo noi, Castagneto Carducci e Bolgheri, era parte della città-stato di Populonia. I resti dell'antica città sono a pochi Km dalla nostra cantina, affacciati sul bellissimo Golfo di Baratti.

 

Scansione0003 (2)
Nell'immagine: ricostruzione grafica di Populonia nel VI sec. a.C. (edizioni Parchi Val di Cornia). Il triangolo compreso fra Volterra, Populonia e Vetulonia, più l’isola d’Elba, era chiamato Etruria Mineraria, per la presenza di grandi giacimenti di rame, piombo, argento e, soprattutto, ematite (da cui si ricava il ferro). Queste risorse fornirono la base economica per lo sviluppo commerciale e culturale della civiltà etrusca. Populonia, unica città Etrusca costruita sul mare, divenne dal VI al II sec. a.C. il centro minerario più importante della costa. I minerali raccolti nelle colline vicine e nell’isola d’Elba (molto ricca di ematite) venivano lavorati vicino al porto della città e da qui partivano per il circuito commerciale del mar Tirreno. Questa attività continuò anche sotto la dominazione Romana, dal II sec. a.C.

Populonia decadde come città già in epoca romana. Claudio Rutilio Namaziano, nel V sec. d.C., passando lungo la costa con la sua imbarcazione, non vedeva già che rovine:

"Vicinissima, Populonia schiude il suo lido scuro
portando la baia naturale entro i campi...
I monumenti del passato non si possono vedere più:
il tempo che divora ha consumato baluardi grandiosi.
Fra i crolli della mura restano solo tracce;
tetti sepolti giacciono sotto l’estensione delle rovine.
Non indigniamoci che i corpi mortali si dissolvano:
vediamo bene, da esempi come questo,
che possono morire le città."
Claudio Rutilio Namaziano, 417 d.C.
 De Reditu Suo (Sul proprio ritorno), I, 401-414

Populonia
Nell'immagine: Populonia oggi. La città iniziò a perdere rilevanza in epoca Romana. Quando si dismisero anche le attività estrattive (III sec. d.C.) Populonia decadde fino a scomparire. Nel IV sec. non rimanevano che rovine. Lo sfruttamento dei giacimenti ricominciò nel Medioevo, dal X sec., con modalità di estrazione e lavorazione molto simili a quelle antiche. Riprese di nuovo nel XIX sec. e ad inizio ‘900, riutilizzando soprattutto le scorie di ferro antiche, ancora ricche di metallo perché lavorate grossolanamente. Queste occupavano una superficie intorno al golfo di 10.000 mq, per un peso complessivo di circa 20 milioni di tonnellate. Da questi scavi emersero i resti dell’antica necropoli etrusca. L’estrazione mineraria nel territorio terminò per esaurimento alla fine degli anni ’70 del XX sec., mentre continua ancora oggi l’estrazione di calcare.

A Castagneto il sito più importante rimasto di origine etrusca è la Torre di Donoratico, purtroppo non visitabile perchè situata in una proprietà privata.

maxresdefault
LA TORRE DI DONORATICO. Questo sito mostra stratificazioni di diverse epoche. I resti più antichi sono etruschi (III-I sec. a.C.), probabilmente un avamposto della città-stato di Populonia a difesa della costa e del distretto minerario interno. L’insediamento rimase importante anche sotto la dominazione romana. In epoca Medioevale era presente un piccolo borgo (VIII sec.), che venne poi fortificato (IX sec.) e poi ampliato (XIII sec.). Secondo la leggenda, il conte Ugolino trovò rifugio nel Castello dopo la Battaglia della Meloria, nel 1284. Il Castello fu poi abbandonato per motivi non ancora chiariti nei primi decenni del XV secolo.

Ebbene gli Etruschi, che abbiamo ora conosciuto molto brevemente, svolsero un ruolo chiave nella diffusione della cultura del vino nel mondo occidentale.

Furono fra i primi a sviluppare la viticoltura in Italia e la diffusero in buona parte della penisola, dal Nord (Emilia Romagna) fino al Sud (Campania), Roma compresa. Grandi navigatori e mercanti, vennero a contatto con le culture del Mediterraneo orientale ed introdussero in Occidente gli aspetti culturali del vino, come il simbolismo religioso e il consumo rituale nei simposi, oltre che le varietà di vite orientali. Infine, gli Etruschi diffusero il vino e la sua cultura attraverso il commercio anche presso popoli dell’Europa Occidentale che ancora non conoscevano questa bevanda, come i Celti, i Germani e gli Iberici.

Entreremo però più nel dettaglio nei prossimi post: la viticoltura etrusca, la produzione, il vino e il suo ruolo sociale-religioso.

necropoli-baratti
Parco Archeologico di Baratti e Populonia

Segnaliamo da visitare:

Parco Archeologico di Baratti e Populonia, loc. Baratti, Piombino.

Collezione Gasparri, Via di Sotto 8, Populonia Alta.

Museo Archeologico del territorio di Populonia p.za Cittadella 8, Piombino.

Parco Archo-minerario di San Silvestro, via di Sa Vincenzo Sud 34/b, Campiglia M.ma.

Museo del Palazzo Pretorio, via Cavour, Campiglia M.ma.

Museo Archeologico di Cecina, Villa Guerrazzi loc. La Cinquantina, San Pietro in Palazzi.

Museo Civico Archeologico di Rosignano M.mo, Palazzo Bombardieri, va del Castello 24.

Area Archeologica di San Gaetano a Vada.

Museo Archeologico Nazionale di Castiglioncello, via del Museo 8, Castiglioncello.

Museo Etrusco Guarnacci, Via Don Giovanni Minzoni 15, Volterra.

 

 

 


Malvasia passita "La volpe e l'uva", dolce naturale

Ecco pronto un nuovo vino, una minuscola produzione che appaga la nostra necessità di avere un ottimo passito da bere, ma non troppo dolce!

Non amo molto i vini dolci perchè spesso hanno un dolce stucchevole, che stanca. Per questo abbiamo voluto, Michele ed io, cimentarci nella produzione di un vino molto profumato ed avvolgente, ma con una dolcezza moderata.

I profumi sono fantastici: fiori bianchi, albicocca, cannella, erbe aromatiche, scorza d'arancia, uva passa... In bocca è pieno ed avvolgente, dolce al punto giusto. Per questo l'abbinamento è versatile: ottimo come aperitivo o dopo-pasto, si abbina anche a formaggi stagionati ed erborinati, fois gras (non ne mangio, per scelta, ma non so voi). Si abbina anche ai dolci, basta che non siano troppo dolci, proprio per la sua delicatezza. E' perfetta soprattutto con dolci a base di frutta secca o cioccolato.

024

la volpe e l'uva

Perchè "La volpe e l'Uva"? Nelle notti estive ci è capitato spesso di vedere delle volpi nel vigneto e pensare alla celebre favola di Fedro “La volpe e l’uva”.  Tuttavia, più che sulla morale del finale, l'abbiamo scelta  soffermandoci sullo sguardo della volpe, sul desiderio intenso per quel frutto perfetto, unico e prezioso (come questo vino). Da qui nasce l'etichetta, che ho realizzato graficamente pensando sempre a questa idea di un grande desiderio che si vuole appagare! La confezione si completa con una bella scatolina in cartone, bicolore.

Perchè "dolce naturale"?

Perchè è prodotto in modo assolutamente artigianale, senza zuccheri aggiunti. Michele ha utilizzato il sistema (antico e tradizionale) detto "mistella". C'è una prima vendemmia, in cui si selezionano alcuni grappoli di Malvasia(fra i più perfetti ed assolutamente sani). Questi sono messi ad appassire su graticci in un luogo fresco ed asciutto, per alcune settimane. Un po' più tardi, a maturazione piena, abbiamo completato la raccolta, pressato l'uva in un torchio in legno manuale (quando lo usiamo sta nel nostro museo), avviando poi la fermentazione (che chiameremo mosto-vino 1). Al momento giusto, si riprendono i grappoli leggermente passiti e si spremono anch'essi nel torchio in legno a mano. Da questi si ottiene una piccolissima quantità di mosto molto concentrato e zuccherino (che chiameremo mosto 2). Aggiungendo il mosto2 al mosto-vino1, la fermentazione viene bloccata e il vino rimane dolce in modo naturale, senza aggiunte di nessun tipo. E' seguito poi un periodo d'affinamento in botti di legno non nuove, che è durato circa 4 anni.

040

La Malvasia è una varietà italiana spesso usata per produrre vini dolci. Noi ne abbiamo alcuni filari e abbiamo prodotto solo 593 bottiglie.

 

 

 


Una rete per "viaggiatori consapevoli", alla scoperta dell'identità culturale di un territorio

In inverno c'era stato presentato un progetto finalizzato a creare un marchio turistico, centrato sulla valorizzazione della cultura del territorio. Chi ci conosce (conosce Guado al Melo) sa sicuramente che sembrava fatto apposta per noi !

Ci siamo presentati e ora c'è giunta la notizia che siamo stati selezionati per far parte del progetto pilota!

Ecco in sintesi di cosa si tratta:

Interreg IT FR marittimo mappa Nuts 3DOVE. Il progetto è centrato su una fascia di Europa mediterranea, accumunata da ambienti naturali simili e realtà culturali di continuità: la fascia costiera italiana di Toscana, Liguria e Sardegna, la costa mediterranea francese e la Corsica.

COSA. Il progetto vuole far nascere una rete di piccole realtà locali, accumunate da profonde radici territoriali e culturali. L'idea è di presentare un percorso particolare a "viaggiatori consapevoli", cioè persone alla cerca di esperienze turistiche non banali, desiderosi di incontrare realtà locali capaci di approfondire la narrazione dei propri territori, assaporando esperienze vere e uniche. La rete integra luoghi di memoria e di naturalità (come musei, città d'arte, parchi)  ma anche luoghi del presente umano, rappresentati da itinerari del gusto, produzioni tipiche ed artigianali.

SOSTENIBILITA'. Le realtà che entrano a far parte del progetto devono rispondere ai principi fondamentali della sostenibilità culturale, ambientale e sociale.

IL PROGETTO. Per ora siamo ancora agli inizi. Sono state selezionate, fra le tante candidate, 80 realtà dei territori indicati, scelte per la particolare rispondenza allo spirito e finalità del progetto. Queste aziende-pilota, noi compresi, verranno ora accompagnate in un percorso di certificazione ed (eventuale) adeguamento a tutti gli standard richiesti. Dopo di che il progetto potrà essere aperto ad altre realtà e, contemporaneamente, promosso presso il pubblico.

Il progetto si chiama S.MAR.T.I.C., acronimo di «Sviluppo Marchio Territoriale Identità Culturale»,  è cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale dal Programma INTERREG Italia-Francia Marittimo 2014-2020. http://interreg-maritime.eu/it/web/s.mar.t.i.c./progetto

Il riferimento per il territorio di Livorno è la cooperativa Itinera Progetti e Ricerche gbenucci@itinera.info +39 0586 894563 www.itinera.info/blog/

logo SMARTIC


Storia della fermentazione 4: ci sono lieviti e lieviti...

(puntate precedenti qui, qui e qui)

Finora abbiamo parlato di ricerca pura, ma per la produzione di vino?

HansenL’applicazione pratica delle importanti scoperte fin qui descritte avvenne grazie soprattutto al microbiologo danese Emil Christian Hansen (1842-1909), alla fine dell'Ottocento. Egli conosceva gli studi di Pasteur e cercò un'applicazione pratica per il suo settore, la birra, che presentava problemi produttivi (legati alle fermentazioni) ancora più gravi che il vino. Lavorava per il grande birrificio danese Carlsberg.

Hansen riuscì a capire che le fermentazioni andavano spesso male proprio per la compresenza di diversi tipi di lieviti. Alcuni risultavano essere utili, altri invece erano dannosi, al punto da compromettere il processo. Lavorò allora sull'isolamento dei singoli ceppi, al fine di creare colonie pure. Ideò un sistema (nel 1883) che permetteva la propagazione da queste colonie pure, per l’uso produttivo. In particolare, egli isolò un lievito “utile”, che battezzò Saccharomyces carlsbergensis, ancora fondamentale per il settore della birra.

hansen-yeast-apparatus
Apparato di Hansen per la propagazione dei lieviti

Hansen era un filantropo: decise di non brevettare la sua scoperta ma la pubblicò con indicazioni operative dettagliate, offrendola al servizio di tutti. Il suo lavoro fece fare un salto in avanti notevole a tutte le produzioni di bevande fermentate. Gli studi di Hansen furono la base infatti anche per i molti selezionatori che nei decenni successivi lavorarono sui lieviti del vino. Fra i primi, pochi anni dopo il lavoro di Hansen, si ricorda il botanico ed agronomo svizzero Hermann Müller (1850-1927), anche creatore del famoso incrocio Müller-Thurgau (Riesling renano e Madeleine Royal).

Nel 1893 nacque a Scandicci (FI) un centro di ricerca che ebbe grande rilevanza per lo studio e la selezione dei lieviti, l'Istituto per la produzione di Fermenti Selezionati Zimotecnico, fondato da docenti e studiosi dell'Istituto Agrario locale. Questo centro fu supportato e collaborò con la Scuola Enologica di Conegliano e poi con tanti esperti del settore. I lieviti qui selezionati erano messi gratutitamente a disposizione di tutti gli enologi e produttori di vino che ne facevano richiesta.  Questo Istituto divenne privato nel 1933 ed opera ancora oggi.

055
Un testo d'inizio '900 della nostra esposizione storica.

Il principio generale della selezione di un lievito è semplice: si prende l’insieme eterogeneo dei microorganismi presenti in una cantina dove le fermentazioni procedono da anni senza particolari problemi. Poi si isolano i diversi microrganismi, si creano colonie pure e ciascuno è studiato per capire come si comporta durante la fermentazione. In questo modo si selezionano quelli con un’azione migliore sul processo.

La fase pionieristica delle selezioni si concentrò sulla soluzione dei problemi fondamentali della fermentazione. Si cercarono quindi quei lieviti con ottime capacità fermentative, capaci di mettersi all'opera quanto prima, di resistere bene all'accumulo di alcool, di non produrre troppo acido acetico, ecc. Solo più tardi si sono aggiunte selezioni rivolte agli aspetti più diversi e sempre più sofisticati, come ad esempio la ricerca di una specificità rispetto a certe varietà di uva, ecc.

Piastra con colonie di lievito.
Piastra con colonie di lievito.

Non dobbiamo però focalizzare l 'attenzione solo su questo punto. Tutte queste fasi di studio sui lieviti sono state anche fondamentali per aumentare sempre più le conoscenze sui processi fermentativi nel loro complesso. Infatti  la risposta ai gravi problemi produttivi del passato sulla fermentazione, superati nel corso del Novecento, non è stata data da un singolo accorgimento ma dalla sinergia di una serie di azioni ben calibrate.

enologia_vino_cantine_igiene_mosto_attrezzi-vinari_fermentazione_svinatura_tini-232519507411

In cantina gli ottimi risultati di vinificazione dipendono da un insieme di elementi che devono essere gestiti in modo attento e coordinato tra loro.

Nel corso del Novecento si è riusciti finalmente ad arrivare ad alti standard d’igiene nelle cantine. Vi ricordate che questo aspetto era stato già intuito da Columella e sicuramente anche successivamente. Tuttavia nei tempi passati era difficilmente ottenibile. In epoca moderna è stata sempre più perfezionata grazie a tanti fattori (pensiamo all'introduzione nelle cantine degli scarichi, la rete idrica, l’elettricità, detergenti e disinfettanti, il miglioramento generale dell’istruzione,…). Sicuramente l’igiene fu anche favorita dal passaggio a vasi vinari in materiali sempre più pulibili e sanificabili, come l’acciaio.

Anche la gestione delle temperature del processo si sa che è fondamentale da tempo. Nel passato le temperature però si subivano, al più si poteva cercare di sfruttare i cambi stagionali per svolgere certe operazioni.  All'inizio del Novecento in realtà ci fu un certo regresso in questo senso, con la diffusione delle cantine fuori terra per questioni di maggiore economia (e spesso anche vasche esterne).  Dagli anni '60, con una nuova comprensione degli effetti delle temperature sui vini, si è iniziato prima a dotare le cantine d'impianti di condizionamento molto dispendiosi, per poi tornare, soprattutto negli ultimi decenni, a costruire le cantine ipogee, come in passato. Si è iniziato a dotare anche le vasche di sistemi di controllo e possibilità di variazione delle temperatura, importante in fermentazione ma anche per per la pulizia dei vini, sfruttando fenomenici fisici di precipatazione legati al freddo.

Da Pasteur in poi si è sempre più affinata la comprensione della gestione dell’ossigeno: un’esposizione attentamente controllata è fondamentale per la buona riuscita del processo. L’uso sempre più diffuso di vasi vinari chiusi, con la possibilità di esporre il vino a ossigenazioni controllate quando necessario, ha diminuito sempre più certi problemi microbiologici ed ossidativi.

A tutto questo si è aggiunto nel corso del Novecento anche l’uso della solforosa (di cui parleremo a parte), una miglior comprensione della necessità di lavorare con uve di grande qualità e soprattutto sane, una sempre maggior consapevolezza a lavorare sulla pulizia del vino, ecc.

Yeast_Rehydration_Jason_Phelps
Reidratazione di un lievito selezionato prima dell'aggiunta in una vasca (foto di Jason Phelps)

Si è anche approfondito sempre più lo studio sulle necessità nutritive dei lieviti, non solo in termini di zucchero, ma di composti azotati e vitamine per avere vini interessanti. Questi composti, in una produzione artigianale, derivano da uve ben equilibrate. Su questo punto purtroppo non si è al sicuro neppure oggi. Il ritorno, in alcuni casi, a concenzioni filosofiche naturalistiche un po' distorte, porta alla conduzione di vigne eccessivamente stentate che producono uve povere di questi elementi, con la conseguente difficoltà fermentativa e la nascita di vini non molto espressivi (se non difettosi). Nelle produzioni più industriali questo punto si è risolto con l’aggiunta in fermentazione di elementi nutritivi specifici.

Si sono capiti sempre meglio i ruoli e soprattutto gli equilibri determinati da pH, acidità e tante altre sostanze (ora non è il caso di scendere ancora di più nei particolari in questa sede). Si è affinata sempre più anche la comprensione di come un determinato ceppo di lievito possa avere più o meno influenza sulle caratteristiche del vino.

GRASSI. CARBOIDRATI. La biochimica e il metabolismo dei lieviti sono sostanzialmente simili a quella umana. . In una forma semplificata ,la nutrizione umana è basata su carboidrati (fonte di carbonio), proteine (fonte di azoto), grassi, vitamine e sali minerali. La nutrizione dei lievito richiede anche fonti di carbonio e di azoto, vitamine e minerali. Non è quindi sorprendente che molti alimenti umani possano svolgere un ruolo di supporto eccellente nella crescita del lievito. Le fonti di carbonio preferite per l’assimilazione nei lieviti sono gli zuccheri semplici, e in misura minore gli zuccheri esistenti negli alcoli, o acidi organici. Relativamente pochi i lieviti possono utilizzare i carboidrati complessi come l amido. Allo stesso modo la maggior parte dei lieviti non ha praticamente alcuna attività proteolitica e non sono quindi in grado di crescere su proteine come fonte di azoto. Un eccezione a questo può essere la degradazione della caseina nel latte da parte di lieviti Rossi e la conseguente alterazione dei prodotti lattiero-caseari .Fonti di azoto preferite dai lieviti sono piccole molecole, in particolare amminoacidi acidi, ioni ammonio, nitrato o nitrito per alcune specie di lievito. Alcuni lieviti mostrano attività lipolitica, per esempio Yarrowia lipolytica, e sono in grado di utilizzare i grassi (Barth e Gaillardin, 1996), ma anche questi sono lenti rispetto alla crescita su glucosio. AZOTO. VITAMINE. SALI MINERALI. Zuccheri semplici. Alcoli. Acidi organici. Amminoacidi acidi. Ioni ammonio. Ioni nitrato o nitrito.
La nutrizione dei lievito richiede fonti di carbonio e di azoto, vitamine e minerali. Le fonti di carbonio preferite per l’assimilazione nei lieviti sono gli zuccheri semplici. La maggior parte dei lieviti non ha praticamente alcuna attività proteolitica e non sono quindi in grado di utilizzare proteine come fonte di azoto, se non rare eccezioni. Le fonti di azoto preferite sono piccole molecole, in particolare amminoacidi, ioni ammonio, nitrato o nitrito per alcune specie. Ci son anche casi eccezionali di lieviti che mostrano attività lipolitica, quindi sono in grado di utilizzare i grassi (Barth e Gaillardin, 1996).

Tutto questo percorso ci ha portati ben oltre le premesse inziali. Ci ha permesso non solo di superare i gravi problemi nella produzione del passato ma anche d'aumentare sempre di più la qualità dei vini.  Certo, c'è voluto tempo perché le conoscenze tecniche si diffondessero nel mondo agrario italiano, appesentatito da una mentalità molto restia al cambiamento. Ancora negli '70-'80 c'erano degli alti e bassi incredibili nei livelli qualitativi. All'epoca, mentre alcuni produttori già esprimevano alta o discreta qualità, molti vini erano invece ancora ricchi di difetti dovuti a carenze di conoscenze. Purtroppo ci è voluto lo scandalo del metanolo di fine anni Ottanta per far raggiungere un certo standard produttivo a tutto il comparto.

Siamo arrivati alla fine allora? Non ancora.

Arrivati negli anni Novanta, nel decennio d'oro del vino, le tecniche erano ormai affinate ed i lieviti erano ormai scontati. Si è iniziato allora a ripensare ad una riscoperta più profonda dell'artigianalità del processo, legata soprattutto alla necessità di sottrarsi ad un'omologazione sempre più spinta nel gusto dei vini. Questa sensibilità, non nuova ma portata alla ribalta, ha spinto a riflettere molto sui lieviti selezionati e il pericolo d'uniformazione che possono creare, focalizzando l'attenzione su un ritorno ai lieviti selvaggi (o indigeni o autoctoni, ci sono diverse definizioni a riguardo). Una spiegazione più dettagliata su cosa sono la trovate in altri  miei predenti post, qui e qui.

Capture2
Alla ricerca del lievito selvaggio (dal sito https://www.sam-roots.com/wild-wild-yeast/)

Intorno a questo tema è nato un dibattito, spesso molto acceso, che ha raggiunto il suo apice in questi ultimi anni. Chi sostiene la necessità dell'inoculo pensa che sia il modo migliore per eliminare ogni possibile difetto produttivo, l'unico modo per ottenere vini fini ed eleganti. Chi sostiene i lieviti indigeni crede che l'inoculo tolga complessità al vino e lo omologhi.

Chi sostiene i lieviti selezionati dice che questi non sono quei mostri tecnologici dipinti dai detrattori. Sono lieviti presi dal loro ambiente, valutati per le loro capacità e per questo riprodotti. Alcuni lieviti stravolgono gli aromi del vino? È vero, basta non usarli! C'è chi critica l'infondatezza del concetto stesso di lievito autoctono, in quanto di massima chi conduce la fermentazione sembrano essere soprattutto lieviti derivati da contaminazioni in cantina. Non c'è dubbio che oggi tendiamo spesso ad attribuire significati confusi alla “naturalità” o meno di un alimento o di un processo.

I temi sono tanti in questo dibattito e non voglio certo elencarli tutti qui. Ne ho già parlato anche nei post di cui ho messo il link poco sopra. Molti aspetti sono interessanti e apriranno sicuramente nuove prospettive nella ricerca enologica. Altri discorsi invece sono sicuramente trascurabili, banalizzati da prese di posizione aprioristiche e prive di ogni fondamento sperimentale, spesso solo utili alle esigenze del marketing: sfumeranno nel tempo fino a scomparire, come tante altre mode.

È però ormai dimostrato che più c'è varietà nella popolazione che conduce la fermentazione, soprattutto nelle fasi iniziali, più aumenta la complessità sensoriale del vino. Inoltre non siamo più nel passato: le nostre conoscenze dei diversi fattori in gioco (elencati a grandi linee sopra) ci possono permettere di gestire (e non subire) una condizione di maggiore complessità. Ricordiamo anche che il progresso delle conoscenze consente a volte anche di capire che certe scelte iper-tecnologiche tolgono più al vino di quanto aggiungano in qualità.

Senza dubbio la gestione di una fermentazione spontanea richiede situazioni di partenza specifiche, non può essere fatta sempre (soprattutto se si parte da uva di scarsa qualità, non molto sana, ecc.). Inoltre richiede molta più cura ed accorgimenti per evitare che il vino passi dalla complessità al difetto più o meno conclamato. Qui si gioca la profonda capacità e conoscenza ( = professionalità) di un vignaiolo artigiano. Il vino prima di tutto è piacere per chi lo beve. Questo aspetto non è un optional sacrificabile per difendere i propri limiti produttivi.

In definitiva consideriamo che il lievito è fondamentale nella fermentazione e saperlo gestire su un piano di complessità è sicuramente un plus che rende i vini ancora più unici ed emozionanti. Non dobbiamo però anche dimenticare che è un elemento di una serie molto complessa di eventi che partono dal territorio, dalle tante buone pratiche e scelte fatte in vigna, dal momento delicatissimo della vendemmia e da tutto quello che viene dopo. Fermarsi solo a questo aspetto per giudicare bene o meno un vino è estremamente riduttivo.

Non facciamoci incantare da certi temi che diventano la moda del momento, che sono solo la punta di un iceberg, una minima parte di quello che serve per fare un grande vino (tutto l'iceberg). Alla base di un grande vino c'è sempre lo stesso dai tempi dei tempi: un grande territorio e un vignaiolo/vinificatore esperto e sensibile.
Non facciamoci incantare da certi temi che diventano la moda del momento, che sono solo la punta di un iceberg, una minima parte di quello che serve. Alla base di un grande vino c'è un insieme molto complesso ed articolato di fattori. Le basi fondamentali su cui si poggiano rimangono sempre comunque due: un grande territorio e un produttore (e/o produttrice) esperto e sensibile.

 

Ho trovato un ampio ed articolato sviluppo di questo argomento su :http://www.innovino.it


Pronti per Vinitaly?

Eccoci pronti per Vinitaly, dove potrete incontrarci al Padiglione 7 stand B5, presso il nostro distributore per l'Italia Cuzziol GrandiVini. Allo stand ci saremo, come sempre, noi ad accogliervi: Michele Scienza ed Annalisa Motta.

Ci saranno le annate correnti dei nostri vini e, in più, in anteprima, le nuove annate di:

airone
L'Airone Vermentino 2017
Criseo Bolgheri Bianco 2016
Criseo Bolgheri Bianco 2016

 

Jassarte 2008 edizione speciale 10 anni
Jassarte 2008 edizione speciale 10 anni

Storia della fermentazione 3: " È un animaletto che spruzza alcol dall'ano e acido carbonico dai genitali"

6a9de83c9a3c4a510a89dd4a1ec56d4a--french-artists-troyCome visto nelle puntate precedenti (qui e qui), all’inizio dell’Ottocento si era arrivati a comprendere a grandi linee cosa succede chimicamente nella fermentazione, ma non si sapeva ancora il perché.

Questa non è una domanda da poco. Infatti la produzione di vino fra la fine del Settecento e l’inizio dell’Ottocento era ancora enormemente limitata da problematiche tecniche che rendevano troppo fragile il settore. Le fermentazioni non partivano oppure s’arrestavano inspiegabilmente. Inoltre, con grande frequenza, subentravano alterazioni irrimediabili del vino, soprattutto in fase di conservazione. Per risolvere questi problemi non era sufficiente aver capito cosa succedeva. Era essenziale capire il perchè ed approfondire ancor di più il processo.

All’inizio dell’Ottocento la Francia aveva già un settore vitivinicolo molto avanzato, che rappresentava un importante fattore economico nazionale. Quindi fu lo stesso governo a stimolare e supportare le ricerche sul vino. Ad esempio, nel 1803 l’Istituto di Francia offrì un premio in 1 Kg di oro, riproposto nel 1805, a chi fosse stato in grado di dare risposte alle domande sulla fermentazione alcolica, ma nessuno fu in grado di farlo. L'attenzione rimase però altissima.

All'inizio dell'Ottocento si continuava a cercare una spiegazione sul perché della fermentazione solo da un punto di vista prettamente chimico. La teoria presa in maggior considerazione, qualche anno più tardi, fu quella del famoso chimico tedesco Justus von Liebig. Egli ipotizzò che la reazione avvennisse per via del moto delle molecole. Questo causerebbe degli scontri che portano ad un disequilibrio nelle forze che tengono insieme la molecola di zucchero, ottenendo come risultato la sua decomposizione in sostanze più semplici.

Liebig_Company_Trading_Card_Ad_01.12.006_1924
von Liebig e il suo celebre laboratorio raffigurato su una figurina Liebig.

Una spiegazione puramente chimica era la più accettabile e lineare col pensiero di quel tempo. All’epoca si conosceva già l’esistenza dei microrganismi, ma non erano presi molto in considerazione. Anche quando alcuni primi studi sembrarono dimostrare un ruolo dei microrganismi nelle fermentazioni, ci volle diverso tempo perchè fossero accettati.

Il pensiero dominante dell’epoca era che i microrganismi fossero un mondo a parte, da non prendere in considerazione, un universo in miniatura che non poteva avere influenza sul nostro. Inoltre da secoli predominava il cosiddetto vitalismo, già accennato rapidamente con van Helmont. Secondo questo pensiero, largamente diffuso, le leggi chimico-fisiche (che erano via via scoperte) riguardavano essenzialmente la materia inanimata, solo secondariamente gli esseri viventi. Si continuava a credere che i fenomeni della vita avessero proprietà particolari (dette “psico-chimiche”) e che fossero governati da leggi proprie. Nell’Ottocento c’erano ancora molti strascichi in questo senso, nonostante l’avanzare delle conoscenze. Ad esempio, a lungo si credette che le sostanze proprie degli esseri viventi (come grassi o zuccheri) potessero derivare esclusivamente da organismi viventi. Per questo una delle grandi rivoluzioni dell’Ottocento fu capire senza più ombra di dubbio l'importante nesso fra vita e chimica (dando il via alla nascita della biochimica).

L'esistenza di un mondo microscopico, già ipotizzata da alcuni, fu dimostrata per la prima volta dall'olandese Anton van Leeuwenhoek nel XVII secolo.  Riuscì a perfezionare i primi microscopi, ottenendo un ingrandimento mai visto prima (fino a 270 volte!). Con questo strumento riuscì ad osservare per la prima volta dei microrganismi nel 1676. Ipotizzò che fossero esseri viventi perché si muovevano e li chiamò “animalcula”, cioè piccoli animali.

GcQWVBgWzVaknYZpuzJQMWtw
Anton van Leeuwenhoek era un commerciante di tessuti che si dilettava di ottica. Costruiva molto abilmente degli strumenti per osservare la qualità dei filati che rivendeva.

La scoperta del mondo piccolo non fu però accettata subito da tutti, per lo meno non con questa interpretazione. Ancora nel  Settecento c'era chi credeva che gli animaletti di  van Leeuwenhoek  non fossero altro che particelle vitali  fuoriuscite da materia morta. Infatti, in linea col vitalismo, si credeva che la vita, soprattutto quella di certi animali “inferiori” (insetti, vermi o pidocchi), derivasse da materia inanimata che prendeva vita grazie a delle particelle, “atomi” vitali indistruttibili ed immortali, alla base anche delle attività fisiologiche degli esseri viventi.  Alla morte dell'animale queste particelle tornavano in libertà  e si ricombinavano con la materia inorganica per generare altri esseri viventi.

Facciamo un ulteriore salto all'indietro, perché questi concetti nascono e si ricollegano ad un pensiero antichissimo, avallato da Aristotele e da tanti altri dopo di lui, trasversale fra le più diverse culture: la famosa teoria della generazione spontanea. Secondo questa teoria gli esseri viventi “inferiori” originano dalla materia inanimata che viene  “attivata” in determinate condizioni. Testi dell'antica Cina riportano come le mosche nascano dal sudore. Per i babilonesi i vermi nascevano dal fango.  Nel Medioevo e nei secoli successivi si credeva che i topi e altre bestie simili nascessero dallo sporco, dal sudore o dalla materia putrescente (vi ricordate di van Helmont?). frog_fish02

La teoria della generazione spontanea venne per la prima volta messa in discussione per mosche, larve o altre insetti, dai celebri esperimenti del medico e letterato italiano Francesco Redi (1668), basati sul metodo sperimentale.

 

 

francesco redi's experiment
Francesco Redi fu il primo a confutare la teoria della generazione spontanea, usando il metodo scientifico sperimentale, sulla scia di Galileo Galilei. A differenza di quanto si credeva al suo tempo, formulò l'ipotesi che le larve delle mosche non nascessero spontaneamente nella carne putrida, ma che derivassero da uova deposte da individui adulti. Per dimostrarlo mise a punto un esperimento che è rimasto nella storia. Pose dei pezzi di carne in alcuni contenitori aperti e altri in contenitori chiusi. Dopo un po' poté verificare che le larve nascevano solo nella carne nei contenitori aperti, dove le mosche erano potute entrare. Per fugare il dubbio sul fatto che nei contenitori chiusi fosse mancata l'aria, ripetè l'esperimento con dei vasi chiusi con una reticella. Anche in questo caso osservò l'assenza di larve nella carne. Viceversa ne vide comparire alcune sulla reticella, dove si erano posate le mosche.

 

Le sue dimostrazioni aprirono un ampio e lungo dibattito, con sostenitori e detrattori. Tuttavia, se non più applicabile per insetti, la teoria tornò alla ribalta con la scoperta degli "animalcula". A questo contribuì il lavoro del naturalista inglese John Turberville Needham che, all’epoca, ebbe una grande eco. Nel 1745 pubblicò i risultati di una serie di esperimenti che sembravano dimostrare in modo scientifico la fondatezza della generazione spontanea per questi piccoli esseri  (in “New microscopical Discoveries”).

 

Nedhamm experiment
L'esperimento di Needham si svolse con fiaschi pieni di liquido dove venivano lasciati a macerare pezzi di carne e vegetali, detti infusi. Gli esseri piccolissimi erano per questo chiamati all'epoca “infusori”. Needham scaldò alcuni fiaschi, per eliminare tutti gli infusori presenti, e poi li lasciò raffreddare, lasciandoli sempre aperti. Dopo qualche giorno esaminò al microscopio il contenuto e vi ritrovò nuovamente gli infusori. Da qui dedusse che, avendo eliminato col calore ogni essere nell’infuso, i nuovi infusori si fossero generati spontaneamente.

Questa dimostrazione gli valse quasi la nomina a membro della Royal Society di Londra, se non fosse stato per quel guastafeste di Lazzaro Spallanzani.

Dopo Redi, ci volle infatti un altro illustre scienziato italiano, Lazzaro Spallanzani appunto, a contrastare questa visione. Egli studiò questo piccolo mondo, sostenendo l'ipotesi che gli infusori fossero esseri viventi e non particelle vitali. Nel 1765 pubblicò un lavoro che dimostrava la fallacia dell'esperimento di Needham (“Saggio di osservazioni microscopiche concernenti il sistema della generazione de’ signori Needham e Buffon”).

Spallanzani
Spallanzani ricreò in un primo tempo l'esperimento nell'identico modo dell'inglese ed ottenne gli stessi risultati. Poi lo ripeté con tecniche più efficaci nell'eliminare tutte le possibili fonti di contaminazione nei fiaschi: li portò all'ebollizione (cosa non fatta da Needham) e li chiuse. Dimostrò così che, eseguendo questo procedimento, nel liquido non si generava nessun infusore.

Dimostrò anche che era qualcosa di vivo a causare la fermentazione alcolica del vino, perché era possibile impedirla con la bollitura del mosto (1765).

Eppure l’esperimento di Spallanzani non convinse del tutto i sostenitori della generazione spontanea. C’era chi criticava la bollitura, che avrebbe potuto eliminare anche quegli “atomi vitali” che avrebbero dovuto rigenerare gli infusori. C’era chi invece criticava la chiusura dei contenitori, sostenendo che questo impediva l’accesso dell’aria. Inoltre le idee di Needham erano supportate dal celeberrimo naturalista francese Buffon, la cui autorità contribuì ad offuscare il lavoro di Spallanzani.

Intanto l'attenzione di alcuni studiosi si concentrò anche su alcune antiche pratiche empiriche nella produzione del vino. Vi ricordate di quelle "cose strane" messe nei tini di cui ci ha già parlato il conte Dandolo?  Oltre a lui anche altri ne parlavano, ma uno in particolare ebbe un'eco rilevante: il fiorentino Adamo Fabbroni o Fabroni (si trovano entrambe le versioni) (1748-1816). Nel suo testo “Sull’arte di fare il vino” (1787) dedicò alcune parti alla descrizione di certe pratiche tradizionali, basate sull'aggiunta al mosto di alcune sostanze che sembravano facilitare la fermentazione.

Screenshot-2018-4-8 Dell' arte di fare il vino

Fabbroni fa un elenco delle diverse tradizioni in tal senso, ricordando l'aggiunta di pasta madre del pane o la sola parte glutinosa, foglie di vite o altre piante, la spuma o i depositi della birra e del vino in fermentazione. Ricorda come Plinio raccontava che si usasse spuma di cerevisia (birra) in antichità. Racconta che i Cinesi preparano un vino con l’aggiunta di cereali e pezzi di carni di agnello. I Mossi, abitanti dell’America Meridionale, fermentavano il granoturco con l’aggiunta della loro saliva. Allo stesso modo gli abitanti di Formosa facevano col riso. Il romano Ulpiano (circa 170-228 d.C.) raccontava che si preparava una bevanda alcolica solo col pane, chiamata zyhtum.

Secondo lui tutte queste sostanze sono accomunate dal contenere una sorta di materia “vegeto-animale” (così la chiama, perchè di origine a volte vegetale e a volte animale) che secondo Fabbroni è capace d'incrementare in qualche modo la fermentazione.

Egli stesso racconta di aver verificato che, se la fermentazione stenta ma non mancano le altre componenti, questo può essere dovuto proprio al difetto di materia “vegeto-animale”. In questi casi, dice, è utile aggiungere alla vasca della spuma di altri tini già in fermentazione oppure della pasta di pane, glutine oppure del pane stesso.

bolle-il-vino-rosso-del-mosto-di-malto-durante-la-fermentazione-81075444Fabbroni non investigò oltre in questo senso, perchè anche lui era più concentrato sulla parte puramente chimica. Per Fabbroni il responsabile della fermentazione è soprattutto un acido nitroso o acido dell’uva. Critica anche Macquer nella sua ipotesi che lo zucchero sia la materia fermentata. Per Fabbroni  lo zucchero ha un ruolo ma è soprattutto il tartrato ad avere una funzione fondamentale nella fermentazione.

Tuttavia il suo trattato ebbe una certa diffusione, grazie anche al fatto che una prima stesura fu vincitrice di un concorso indetto dall'Accademia dei Georgofili nel 1875. Il premio era rivolto a selezionare testi utili per il miglioramento della manifattura e conservazione del vino, al fine d'incentivare l'esportazione.

Così le sue indicazioni sull'aggiunta della materia "vegeto-animale" vennero riprese da Jean-Antoine Chaptal nel suo trattato  "L’Art de faire, de gouverner et de perfectionner les vins." (1800), considerato uno dei più importanti della sua epoca. Più tardi arrivarono in questo modo anche a Pasteur, come egli stesso racconta nel suo "Trattato sul vino". Pasteur intuì quello che accomuna tutte queste sostanze: l’apporto di microrganismi al mosto. Questo però avvenne molti anni dopo.

Intanto, all'inizio del XIX secolo, i microscopi ebbero un'importante evoluzione grazie al fisico modenese Giovanni Amici. Il suo lavoro permise di risolvere problemi di aberrazione nella visione, rispetto ai modelli precedenti, consentendo di osservare i microrganismi con grande precisione. Questo miglioramento dello strumento diede il via al lavoro indipendente di tre studiosi, considerati oggi pionieri della microbiologia, anche se all'epoca non vennero presi molto in considerazione.

Il primo fu il francese Charles Cagniard de Latour (1777-1859) che esaminò al microscopio la birra e il vino, pubblicando i risultati nel 1837 in "Mémoir sur la fermentation vineuse".

kanyar-de-lya-tur
Charles Cagniard de Latour

Descrisse i lieviti come dei globuli e affermò  che non erano sostanza inerte o chimica, come si pensava fino ad allora, ma esseri vitali. Ipotizzò però che appartenessero al mondo vegetale perché non si muovevano. Fece anche lui delle prove che dimostravano che fossero in grado di compiere la fermentazione solo se vivi.

 

Friedrich Traugott Kützing (1807-1893), farmacista e botanico tedesco, pubblicò nel 1837 (poco dopo Latour) descrizioni e disegni delle cellule di lievito.

Friedrich_Traugott_Kützing,_Kreidezeichnung_von_Albert_Fulda_(1855)
Friedrich Traugott Kützing

Egli suggerì che diversi tipi di microrganismi causassero diversi tipi di fermentazione.

 

Theodor Schwann (1810-1882), biologo tedesco, osservò i lieviti e li descrisse come dei funghi ( “A preliminary communication concerning experiments on fermentation of wine and putrefaction”, 1837). Chiamò questo organismo Zuckerpilz (fungo dello zucchero), da cui deriva ancora oggi il nome scientifico  Saccharomyces (significa la stessa cosa in greco antico). Dai suoi studi concluse che la fermentazione doveva essere una decomposizione dello zucchero e delle sostanze azotate che il fungo usa per crescere. Gli elementi non utilizzati sono invece convertiti in alcol.

theodor-schwann-granger
Theodor Schwann
L0016386 Schwann "Mikropskopie...", 1839: figure Credit: Wellcome Library, London. Wellcome Images images@wellcome.ac.uk http://wellcomeimages.org Figure Mikroskopische Untersuchungen über die Uebereinstimmung Theodor Schwann Published: 1839 Copyrighted work available under Creative Commons Attribution only licence CC BY 4.0 http://creativecommons.org/licenses/by/4.0/
Schwann "Mikropskopie...", 1839. Credit: Wellcome Library, London. Published: 1839
Copyrighted work available under Creative Commons Attribution only licence CC BY 4.0 http://creativecommons.org/licenses/by/4.0/

 

Questi lavori passarano però in secondo piano a causa dell'intervento critico dei tre chimici più influenti del tempo, i tedeschi Justus von Liebig (1803-1873, quello dell’ipotesi del moto delle molecole), Friedrich Wöhler (1800-1882) e lo svedese Jöns Berzelius (1179-1848). Questo evento, secondo gli esperti del settore, ritardò lo sviluppo della microbiologia di circa vent'anni.

Addirittura von Liebig e il suo associato Friederich Wöhler arrivarono a scrivere una parodia ridicolizzante della teoria microbiologica, che fu pubblicata (in modo anonimo) sulla rivista scientifica "Annalen der Pharmacie" di cui erano curatori (vol. 29, pp. 100-104, 1839). L'articolo s'intitolava “Il mistero sbrogliato della fermentazione alcolica “ (“Das enträthselte Geheimniss der geistigen Gährung”). Annalen der Pharmacie 1839

Eccone alcune parti, scritte in prima persona, con tono molto ironico. Prendono in giro quelle che per loro sono solo sciocchezze:

Sto sviluppando una nuova teoria della fermentazione. Ora sono in grado di spiegare questa forma di decomposizione finora del tutto incomprensibile nel modo più semplice possibile e quindi considerate la questione pienamente risolta... Questo lo debbo all'utilizzo di un eccellente microscopio...

Quando i lieviti della birra sono sospesi in acqua ed osservati al microscopio, si  trasformano in numerosissime minuscole sferule... Quando queste sferule vengono poste in una soluzione zuccherina, diventa ovvio che siano delle uova di piccoli animali, perché si gonfiano, scoppiano e si trasformano in creature minute che iniziano a moltiplicarsi in modo inimmaginabilmente veloce....

Non sono stato in grado d'identificare denti o occhi. Questi animali possiedono uno stomaco, intestino, ano (un punto colorato di rosa) e organi urinari. Dal momento in cui si schiudono, iniziano a divorare lo zucchero dalla soluzione, che può chiaramente essere visto entrare nello stomaco. In un batter d'occhio, viene digerito e i prodotti digeriti possono essere riconosciuti con sicurezza dagli escrementi ....

2_-_Our_Friend_Yeast[1]
Questo schizzo (che ho trovato sul web) raffigura abbastanza bene la parodia di von Liebig, anche se inverte le "espulsioni": per i chimici buontemponi dell'Ottocento l'anidride carbonica usciva dalla vescica e l'alcool dal posteriore.
In una parola, queste creature mangiano zucchero ed espellono l'alcol dal tratto intestinale e l'anidride carbonica dai loro organi urinari. La vescica, quando è piena, sembra una bottiglia di champagne, e quando è vuota, come una pallina. …

Se la quantità di acqua è insufficiente, cioè la concentrazione di zucchero troppo alta, la fermentazione non avviene... Questo perché i piccoli organismi non possono cambiare il loro posto nel liquido viscoso: muoiono per l'indigestione causata dalla mancanza di esercizio fisico. "

Come già accennato, i chimici non riuscivano ad accettare la teoria microbiologica anche perchè gli sembrava inverosimile che esserini così piccoli potessero produrre effetti così evidenti. Infatti scrivono, sempre in modo ironico:

"...Per dare un'idea dell'enorme voracità delle creature, … 3 parti di lievito di birra possono trasformare 200 parti di zucchero in alcol e acido carbonico. Gli escrementi che producono in 18 ore pesano quasi 66 volte il loro stesso peso ... Non appena gli animali esauriscono lo zucchero, cominciano a mangiarsi l'un l'altro ..."

Nel 1839 entrò nella disputa anche Berzelius, sostenendo che le osservazioni al microscopio non avevano valore scientifico e che il lievito non era un organismo. La fermentazione avviene, secondo lui, per mezzo della catalisi (termine da lui da poco introdotto). Infatti Berzelius aveva introdotto questo termine dimostrando la capacità di alcune sostanze di accelerare una reazione senza esserne modificate. Diversi chimici seguirono questi studi, fra cui proprio Wöhler e von Liebig, i quali estrassero dalle mandole amare uno di questi catalizzatori. Affermarono che, in modo analogo, nella fermentazione ci dovesse essere un’azione catalitica, continuando a rigettare l’ipotesi microbiologica.

Tuttavia alcuni scienziati iniziarono invece ad accettare l'idea che il lievito potesse avere un qualche ruolo.  Arriviamo quindi finalmente a Louis Pasteur che pose fine a diatribe ormai secolari.

IMG_0015-6-1170x920
Loius Pasteur

Gli studi Pasteur, che hanno fondato la microbiologia, dimostrarono definitivamente che i batteri nascevano da altri batteri o da una specie di “semi”, dette spore, che potevano essere trasportate anche a grande distanza dal vento, da insetti o altro. Ripeté una versione ancora più perfezionata degli studi di Spallanzani  che chiusero la questione della generazione spontanea (1864). Si stabilì così che ogni essere vivente deriva da un altro essere vivente (biogenesi).

Pasteur
Pasteur ripetè gli esperimenti di Spallanzani utilizzando dei contenitori a "collo d'oca". In questo modo potè evitare di chiuderli. Infatti il collo ricurvo impedisce l'ingresso di contaminanti che rimangono bloccati nelle anse. Pasteur dimostrò che negli infusi dei contenitori col collo ricurvo non si sviluppavano gli infusori. Il liquido si contaminava solo rompendo il collo o inclinando il contenitore (azioni che permettono l'ingresso delle spore).

 

I suoi primi studi sulla fermentazione della birra iniziarono nel 1857. Questi suoi primi lavori attirarono l'attenzione del Governo francese che gli commissionò di approfondire gli studi sul vino. Era più che mai d'interesse nazionale riuscire a trovare rimedi ai problemi di vinificazione. Pasteur pubblicò i suoi studi sul vino nel 1866.

Étude_sur_le_vin_Louis_Pasteur

Dimostrò anche che i microrganismi erano in grado di agire su succhi, latte o altro con cui venivano in contatto, grazie a delle loro proprietà che Pasteur non spiegò e chiamò “fermenti”. Dimostrò che i microrganismi non erano tutti uguali, che esisteva una correlazione fra un dato microrganismo e un certo tipo di fermentazione.

Pasteur dimostrò il ruolo del lievito nella fermentazione alcolica e come questa fosse un fenomeno fisiologico. Questo accese una polemica con lo scienziato Marcellin  Berthelot che invece ipotizzava che il lievito rilasciasse nel liquido le molecole, dei “fermenti solubili”, che svolgevano di fatto la fermentazione.

Studi di Pasteur sul vino in un'illustrazione dell'epoca
Studi di Pasteur sul vino in un'illustrazione dell'epoca

Pasteur identificò due classi di microrganismi, l’uno in grado di vivere solo in presenza di ossigeno e l’altro no, definendoli, rispettivamente, aerobi ed anaerobi (termini coniati da lui). Capì anche che il lievito svolge la fermentazione alcolica in assenza di ossigeno. Se questo è presente, il lievito si sviluppa ugualmente, ma la fermentazione alcolica è inibita. Più tardi si chiarirà come questo sia dovuto alla capacità del lievito di avere un metabolismo anaerobio (la fermentazione) ed anche aerobio (cioè la classica respirazione che facciamo anche noi).

etudes-sur-la-biere-beer-disease

Pasteur studiò poi le principali  alterazioni del vino dell'epoca, cioè la parziale acetificazione (lo spunto acetico, causato dai batteri acetici), il girato, il filante, l’amaro (o amarone). Queste ultime erano malattie  molto comuni nel passato ma scomparse quasi del tutto ai nostri giorni. Pasteur esaminò moltissimi campioni prelevati da vasche alterate e ricondusse queste malattie alla presenza di diversi microorganismi, ciascuno caratteristico di una certa alterazione.

girato
Illustrazione di Pasteur dei microrganismi responsabili del girato, un'alterazione frequente nel passato nei vini rossi. E' causato da batteri lattaci capaci di degradare l'acido tartarico. Si formano una serie di molecole che causano un cattivissimo sapore nel vino (definito come odore di topo), una forte acetificazione e un calo dell'acidità generale. Il filante o grassume invece colpiva soprattutto i vini bianchi. Era causato sempre da batteri lattici, questa volta in grado di degradare gli zuccheri, formando sostanze gelatinose che intorbidivano il vino e gli davano un aspetto oleoso. L’amaro, meno frequente, colpiva soprattutto i rossi invecchiati che perdevano colore e aromi, lasciando solo un intenso gusto amaro. Questa alterazione è causata da altri batteri lattici, capaci di degradare la glicerina in un composto che lega le sostanze coloranti del vino.

pasteur5Non era semplice trovare un rimedio. Non poteva certo bollire il vino, altrimenti lo avrebbe rovinato nel gusto. Non poteva neppure usare i disinfettanti disponibili all'epoca! Arrivò allora ad ideare un metodo basato sul riscaldamento del vino a bassa temperatura e in assenza di ossigeno. Dimostrò che questo trattamento bastava per sterilizzarlo in modo sufficiente.  Egli brevettò la scoperta, chiamandola pastorizzazione, e la presentò all’Accademia delle Scienza il primo maggio 1865.

Questo procedimento, ulteriormente affinato, è ancora oggi utilizzato per diversi alimenti, come ad esempio il latte, la birra o succhi di frutta. Per il vino fu usato fino agli anni ’30 del Novecento, senza però avere mai una grande diffusione, per via dell’idea (vera o presunta) che ne alterasse comunque il gusto.

Pasteur fece anche diversi studi sui processi d'invecchiamento del vino e capì il ruolo dell'ossigeno in questa trasformazione.

Joseph_Meister Inoculation_of
Qui parliamo essenzialmente di vino e fermentazioni ma questo non deve farci dimenticare che questi studi condussero Pasteur molto lontano. Trasferì infatti i concetti appresi di microbiologia anche nel campo medico. Fra i suoi lavori più importanti ricordiamo il suo contributo decisivo al riconoscimento del legame fra i microrganismi e le malattie contagiose (di animali e dell'uomo). Contribuì anche a introdurre nella medicina la sperimentazione scientifica, la ricerca chimica e microbiologica, trasformando completamente quella che fino ad allora era (quasi) esclusivamente una disciplina empirica. I suoi lavori ebbero anche importantissime ripercussioni sull'introduzione delle tecniche asettiche in chirurgia, influenzando profondamente le ricerche del medico inglese Joseph Lister. Tuttavia gli studi più importanti per cui è ricordato Pasteur sono quelli sull'immunologia e i vaccini, che hanno salvato la vita a milioni di persone da allora ad oggi. Sembra che per sbaglio, studiando il colera dei polli, uno studente usò  una coltura di batteri mal conservata per infettare gli animali. I polli non si ammalarono allora e neppure ad un secondo tentativo d'infettarli con batteri ben conservati. Pasteur intuì che il contatto dei pollo con batteri indeboliti li aveva resi in qualche modo resistenti a quella malattia. Già si sapeva della possibilità di immunizzazione con forme leggere di certe malattie (pensiamo al vaiolo). In quel caso si sfruttava una situazione naturale, circoscritta a dei casi specifici. I suoi studi permisero invece d'ampliare enormemente il campo d'azione, introducendo la possibilità d’attenuare artificialmente la virulenza dei patogeni. Dagli animali Pasteur si spostò sull'uomo, creando il vaccino per la rabbia che lo rese celebre. Gli arrivarono fondi da governi e privati di tutto il mondo (compresa, dall'Italia, una colletta pubblica organizzata dal giornale la Gazzetta Padana). Con le donazioni raccolte fondò l'Istituto Pasteur di Parigi, ancora oggi uno dei più importanti centri mondiali per la ricerca medica.

 

 

 

Riassumendo, l'Ottocento fu un periodo di grande importanza per la fermentazione alcolica, con anche grandi scontri fra scienziati geniali. Abbiamo visto le spiegazioni chimiche di von Liebig e altri, che però non volevano accettare l'intervento dei piccoli infusori. Poi ci fu Berzelius, che sosteneva la sua teoria catalitica. Infine Pasteur, paladino dei microrganismi che svolgono una funzione fisiologica. Rimase però in lui un rimasuglio del pensiero vitalistico: sostenne fino alla fine che i processi fermentativi, pur spiegabili con formule chimiche, potessero avvenire solo alla presenza di organismi viventi.

Eppure, alla fine di questa storia, si capì che in fondo avevano ragione tutti e tre. Ognuno era però rimasto ostinatamente ancorato ad un solo aspetto del problema.

Questo chiarimento avvenne soprattutto grazie al lavoro del chimico tedesco Eduard Buchner (1860-1917) che nel 1897, due anni dopo la morte di Pasteur, dimostrò che l'attività fermentativa poteva essere attuata anche in assenza dei lieviti, ma solo con estratti di essi. Egli dimostrò che i “fermenti” già intuiti da Pasteur fossero alcune proteine contenute nei lieviti.

Solo mettendo insieme i lavori di tutti (come spesso accade nella scienza) si poté ricostruire il quadro completo. Si definì così che la fermentazione è un processo di nutrizione di un organismo vivente ma che può essere riprodotto in sua assenza, in quanto si tratta di una reazione chimica catalizzata da enzimi (proteine) presenti nelle cellule. 

Eduard_Buchner_ca1893
Eduard Buchner

 

Da qui si è aperto un mondo: da lì in poi, con tecniche sempre più fini, si è esplorato sempre più a fondo il mondo della biochimica e della microbiologia.

Ad oggi, siamo arrivati a conoscere molto bene i responsabili della fermentazione (qui e qui), fino alla sequenza completa del loro DNA.

Questa però è ricerca pura, ma ... e il vino?

(continua...)

 


La fermentazione nella storia 2: "È rarefatto in Spirito"

Dopo le epoche più antiche, le prime interpretazioni sul processo di fermentazione in sé compaiono solo nell'era degli alchimisti-scienziati, il Seicento. È il momento storico in cui, pur mescolando ancora aspetti oscuri a una primitiva scienza sul nascere, l'investigazione sul mondo si fa comunque più profonda e curiosa.

La comprensione di questo processo  iniziò con  l'osservazione del fatto che con la fermentazione si forma una sostanza che prima non c'era: l’alcol (anche se allora non era chiamata così). L’identificazione di questa sostanza (in senso molto generico) trova le sue radici nella distillazione e nell'alchimia.

alchimia-xiilografia
L’alchimia è stato un miscuglio di conoscenze pratiche e di scienza sperimentale, frammiste a numerosi aspetti mistici e magici. Trova le sue radici nell’antichità greca ed egiziana, per affinarsi soprattutto nel Medioevo dal VIII secolo, prima presso la cultura araba e poi nell’Occidente cristiano, aprendo la strada alle prime conoscenze chimiche.
Constantine the African lecturing to the school of Salerno
La Scuola Medica Salernitana è stata la prima e più importante istituzione medica d’Europa, anticipatrice delle università che nasceranno poi. Vi si esercitava ed insegnava la medicina, sulla base delle conoscenze delle opere mediche greche, latine e, dal X sec., anche arabe. Le origini si perdono nella leggenda, forse con i primi insediamenti benedettini del VIII secolo. Il periodo di massimo splendore si ebbe fra XI e XIII secolo, poi via via decadde, soppiantata dalle nascenti università di Padova, Bologna e Montpellier.

Gli alambicchi più antichi risalgono al II sec. a.C., trovati in Mesopotamia ed Egitto. In antichità erano usati solo per produrre essenze per preparare balsami profumati o per usi medici. La distillazione dell'alcol, per produrre soluzioni idroalcoliche, è iniziata probabilmente con gli alchimisti arabi Rhases e Avicenna (Ibn Sīnā) fra i secoli X e XI. Queste conoscenze furono raccolte e diffuse in Occidente soprattutto dalla Scuola Salernitana, dal X secolo in poi.

 

Nel XIII secolo il filosofo e vescovo tedesco Alberto Magno parla nei suoi scritti di “aqua ardens” ottenuta dalla distillazione del vino, così leggera da galleggiare sull'olio.  Aqua ardens, spirito ardente e spirito di vino sono tra i termini più usati  per secoli per indicare l’alcol  o una soluzione idroalcolica più o meno concentrata. Spirito deriva dal latino “spiritus” che significa soffio, respiro, spirito vitale e, per estensione,  esalazione. Il termine alcol verrà più tardi. Il distillato da bere era indicato in questo periodo col termine generico di acquavite, qualunque fosse la materia di partenza.

Il primo testo che descrive dettagliatamente come produrre acquavite da vino con un sistema a doppia fermentazione è del 1276 (nel codice vaticano Consilia). Si deve al medico fiorentino Taddeo Alderotti, uno dei più famosi del suo tempo, citato anche nel Paradiso di Dante (12:82-85). Inizialmente era effettuata solo nei  monasteri ma, da lì a un secolo, la produzione di acquavite divenne sempre più popolare. Fu diffusa soprattutto grazie al trattato del medico padovano Giovanni Michele Savonarola (1385-1468), il  “De conficienda Aqua Vitae”, che spiegava come prepararla (questo Savonarola è il nonno del più celebre frate domenicano Girolamo Savonarola).

Quindi dalla pratica empirica della distillazione, sempre più perfezionata, nacque l'identificazione della sostanza che caratterizza il vino dal mosto. Sulla base di queste conoscenze, nel Seicento, troviamo i primi tentativi di interpretazione della fermentazione.

Il Seicento è un'epoca che rappresenta uno spartiacque nella storia dell'umanità e della scienza, grazie alla nascita del metodo sperimentale. Questo permetterà di superare nel tempo il principio d'autorità  e di distaccarsi via via dagli aspetti mistici e magici dell'alchimia.

metodo scientifico
Questo schema sintetizza in modo molto semplificato i diversi approcci al sapere scientifico della storia. Galileo Galilei è stato uno dei principali esponenti di questa incredibile rivoluzione che separa nettamente ciò che è scienza da ciò che è solo opinione o credenza e che ha cambiato il modo dell’umanità di capire il mondo. Non è che prima di lui nessuno avesse mai pensato di fare esperimenti, tuttavia con lui questo modo di agire diventa sistematico e preciso. Nell’antichità la conoscenza dei filosofi era di natura essenzialmente speculativa, cioè basata sul ragionamento: un sistema sicuramente efficace per diversi aspetti ma estremamente limitante per conoscere la natura, il mondo. Dal Medioevo al Seicento vigeva soprattutto il principio dell’autorità, contro cui Galileo si scontrò duramente. Si poteva porre fine ad ogni discussione riferendosi al parere di una qualche fonte autorevole, quali autorità religiose (gli scritti sacri o dei Padri della Chiesa) o riferimenti culturali come Aristotele. Galileo introdusse, con altri, il sistema sperimentale. Per Galileo osservare e sperimentare significa interrogare il grande libro della natura. Scrisse: «...I discorsi nostri hanno a essere intorno al mondo sensibile, e non sopra un mondo di carta.»

Naturalmente non  si è trattato di un taglio netto. Per ancora qualche secolo si rimase in un mondo di mezzo, in bilico fra razionalità e pensiero magico, con diverse figure di scienziati già lanciate avanti e molti ancora legati al passato. Anche gli scienziati ricordati oggi per importanti scoperte e contributi portavano ancora in sé (chi più, chi meno) aspetti magici o irrazionali.

V0005184 Angelo Sala. Line engraving. Credit: Wellcome Library, London. Wellcome Images images@wellcome.ac.uk http://wellcomeimages.org Angelo Sala. Line engraving. Published: - Copyrighted work available under Creative Commons Attribution only licence CC BY 4.0 http://creativecommons.org/licenses/by/4.0/
Angelo Sala è considerato il fondatore della chimica degli zuccheri. Fu definito nel Settecento come “primus chemicorum, qui desiit ineptire”: il primo dei chimici che smise di essere sciocco.

Tornando al nostro tema, alla fine del Cinquecento il grande medico e chimico vicentino Angelo Sala (1576 - 1637) fece i primi studi sulla formazione di alcol dai mosti in fermentazione.

 

Van Helmont può essere un valido emblema del difficile passaggio fra credenze e scienza. Secondo lui le stelle non hanno il potere di causare nulla e d'influenzare nessuno. Sostenne però nei suoi scritti, raccontando anche di aver fatto un esperimento,  la credenza che i topi nascessero dallo sporco e dal sudore. Oggi è ricordato soprattutto per il suo fondamentale contributo alla chimica dei gas: è stato il primo ad identificare lo stato gassoso della materia e a capire che l'aria è composta da una serie di gas diversi. Coniò lui stesso la parola gas, a partire dal greco chaos (dal movimento caotico delle particelle di questo stato della materia).

Poco più tardi il medico e filosofo fiammingo Johannes Baptiste van Helmont (1580-1644), discepolo (e critico) di Paracelso, ammiratore del nuovo metodo sperimentale, fu fra i primi ad ipotizzare che la fermentazione fosse un processo di natura chimica, mediato da non ben precisati intermediari. Per van Helmont (e altri del suo tempo) la realtà è costituita da “minima naturalia”, elementi piccolissimi, corpuscoli alla base di tutta la materia. Le reazioni chimiche, che chiama tutte abbastanza indistintamente “fermentazioni “ o “effervescenze”, sono addizioni o sottrazioni di queste particelle. Alla base delle reazioni c'è un principio spirituale che attua attraverso dei “fermenti”, dei mediatori non identificati.

Oltre a questo, van Helmont riconobbe che il gas  che si libera nella fermentazione è lo stesso che si ottiene bruciando del carbone, chiamato all'epoca gas silvestre (perché derivante dalla combustione di materia vegetale). Oggi lo chiamiamo anidride carbonica.

Un altro esponente di questo mondo in bilico fra scienza nascente ed alchimia è  Nicolas Lémery (1645-1715), studioso francese che, nella seconda metà del Seicento, considerava cinque sostanze alla base delle cose naturali: Acqua, Spirito, Olio, Sale e Terra. La sua opera “Corso di chimica” (1687) ebbe una grande fortuna e fu considerata a lungo un testo di riferimento. In esso troviamo una spiegazione dettagliata del processo della fermentazione alcolica:

Nicolas_Lémery
Lémery cerca di spiegare “chimicamente” cosa succede ma non si interroga sul perché o chi è responsabile di questo fenomeno. Anche lui è ancora un po' alchimista, facendo ricorso ai diversi elementi della materia. Eppure, nella parte più teorica del testo, afferma che la scienza è l'unica via per esplorare il visibile, senza ricorrere a spiritualismo o magia: “...la maniera della quale la Natura si serve delle sue Operazioni, il che è perfettamente spiegato dalla Chimica”. Inoltre crede nel concetto di lavorare su fatti dimostrabili : “...e non mi preoccupo d'alcuna Opinione che non sia fondata sull'Esperienza”.

Bisogna sapere che il mosto contiene molto di questo Sale essenziale: questo Sale come volatile facendo forza nella fermentazione per distaccarli dalle parti oleose, dalle quali era quasi legato, le penetra, le divide, le squarcia, finché con li suoi punti sottili e taglienti, l'abbia rarefatte in Spirito. Questa forza causa l'ebollizione che accade al Vino, e nel medesimo tempo la sua purificazione, perché ne fa separar e squarciare le parti più grosse in forma di spuma, una parte della quale s'attacca e si pietrifica ai lati della Botte, e l'altra si precipita sul fondo: questo è quel che si chiama il Tartaro e la flece. ..."

Secondo Lémey quindi la vinificazione consiste nella trasformazione di  una parte del mosto (Oglio) in alcol (Spirito), grazie ad un'azione di “rarefazione” da parte dei Sali Acidi.  Per Oglio intende la parte che rimane non distillabile, mentre lo Spirito è la parte che può essere distillata ed infiammabile. Per Sali intende sia quelli che rimangono incrostati sulle pareti delle botti (l'acido tartarico) che quelli che precipitano sul fondo al termine della vinificazione.

Sono ancora i medesimi Sali che essendo un poco districati da i loro inviluppi, mutano la dolcezza fiacca del Mosto in un aggradevole pungimento, tal quale sentiamo ne Vini di Francia.”

494px-Still_Life_with_Grapes_and_Other_Fruits_by_Luca_Forte,_Getty_Center
Natura morta con uva di Luca Forte (1630)

Lémery, pur col suo linguaggio per noi un po' oscuro, inizia ad identificare diversi elementi presenti nel mosto e nel vino, pur attribuendo loro ruoli nella fermentazione non proprio esatti. Questa sua spiegazione tuttavia rimarrà a lungo come riferimento. Infatti la ritrovimo più o meno tale e quale nel "Dizionario di Chimica" di Pierre Joseph Macquer del 1766. Troviamo scritto sotto la parola Vino (dall'edizione tradotta in italiano da Giovanni Antonio Scopoli del 1778): "Finalmente, se venga sottoposto alla distillazione, …, si ottiene un liquor volatile, spiritoso, ed infiammabile, che si chiama spirito di vino o spirito ardente. Questo spirito è quindi un nuovo ente prodotto dalla descritta fermentazione.”

Si coglie però anche il passo avanti fatto dai chimici del primo Settecento, i quali ragionano anche su quale sia la sostanza trasformata in alcol. Infatti scrisse:

Se vengano esaminate le qualità del vino , che ha sofferto il primo movimento della fermentazione ora descritta, si troverà, che distinguesi essenzialmente dal sugo dell’uva non fermentata. Non ha più lo stesso sapore dolce, ma un altro, che sebbene gustoso, è però molto diverso per avere qualche cosa di spiritoso o di piccante. In vece di produrre un effetto lassativo, come il mosto, il vino per lo contrario dà alla testa, quando è preso per una certa dose, e cagiona, come ognuno sa, ubbriachezza."

Egli annota che la fermentazione avviene più facilmente e si produce più sostanza spiritosa più l’uva è matura. L’uva acerba e quella matura cambiano nel sapore: l’una è più acida e per niente dolce, l’altra è molto zuccherina.

eau_macquer
Pierre Joseph Macquer al lavoro nel suo laboratorio, da un'illustrazione dell'epoca.

Da ciò si può facilmente concludere che nella maturazione dell’uva e degli altri frutti tutta l’operazione incognita della natura consiste  nel produrre in queste materie un nuovo essere, un nuovo misto, cioè la materia zuccherosa. Questa materia involge così bene l’acido, o diviene nei frutti così atti a far vino come le uve  dominante …, essendo certo che il principio zuccheroso è la vera materia della fermentazione spiritosa.”

Macquer fa seguire una lunga e precisa riflessione, alla luce di questa idea, sulle pratiche tradizionali di certe zone geografiche di aumentare lo zucchero nelle uve concentrandole per appassimento. Cita anche la  pratica di aggiungere zucchero direttamente al mosto. Inoltre segnala che già ad inizio secolo il medico olandese Herman Boerhaave (1668-1738) indicava come lo zucchero ordinario sia un mezzo efficace a promuovere la fermentazione”. La pratica dello zuccheraggio fu poi diffusa fra i produttori di vino francesi nei primi decenni dell'Ottocento, grazie soprattutto al chimico Jean-Antoine Chaptal  (a cui è rimasta legata nel nome francese: chaptalisation).

Ma con quale mezzo compie la natura un tale cambiamento? … Tutto ciò è un arcano della natura a noi ignoto, né così facile da scoprire.

Il primo a descrivere in modo chiaro cosa succede durante la fermentazione fu Antoine-Laurent de Lavoiser (1743-1794) nel suo "Trattato elementare di chimica" del 1789.  Lavoisier è  una di quelle figure che hanno cambiato la storia. E' riconosciuto come il “padre della chimica moderna" che, grazie a lui, si distaccò completamente dall'alchimia.

530366d154e5400ff9dcb91b9a5e948d--antoine-lavoisier-mathematicians
Lavoisier diede le basi alla chimica moderna: scoprì il ruolo dell’ossigeno nella combustione e ossidazione dei metalli (archiviando la teoria alchemica del flogisto), enunciò il principio di conservazione della massa nelle reazioni ( «Rien ne se perd, rien ne se crée» "Nulla si perde, nulla si crea"),  fondò la chimica moderna su basi quantitative, introducendo l'uso di strumenti di precisione, riformò la nomenclatura delle sostanze chimiche. Durante la rivoluzione Lavoiser non volle abbandonare la Francia nonostante fosse nobile ed avesse un'agenzia di esattoria delle tasse. Fu processato da un tribunale rivoluzionario a cui chiese la grazia. Sembra che il Giudice abbia risposto che “la Rivoluzione non ha bisogno di dotti”. Così fu ghigliottinato a Parigi nel 1794, all'età di 51 anni. La società internazionale e scientifica dell'epoca rimase sconvolta dell'accaduto. È passata alla storia la frase che disse il matematico Lagrange quando seppe della sua morte "Ci è voluto solo un istante perché gli staccassero la testa, ma non basterà un secolo perchè la Francia ne abbia un'altra così".

Con lui si inizia a parlare di alcol e non più di spirito di vino. Infatti riteneva questo termine poco adeguato perché questa sostanza poteva formarsi non solo dal vino, ma anche dal sidro o dallo zucchero.

002
Particolare del celebre ritratto che David fece a Lavoisier e la moglie. Marie-Anne Pierrette Paulze, moglie di Lavoiser, fu sua collaboratrice, tradusse per lui opere scientifiche dall'inglese e illustrò i suoi libri. Per molti studiosi Marie-Anne Paulze potrebbe essere una delle tante scienziate “nascoste” della storia, vissuta in un'epoca (e in una classe sociale) che non la riconobbe tale in quanto donna.

Scrisse: Siamo stati quindi forzati ad adottare un nome più generale, e questo è quello di alkool derivato dagli arabi, ci parve il più confacente al nostro oggetto”.

La parola alcol deriva dall’arabo al-ko-ol. In origine si riferiva alla polvere finissima e nera che le donne usavano per truccarsi gli occhi. Da qui, nell’alchimia araba, venne usato per indicare un qualsiasi composto in polvere sottilissima e così passò anche nel Medioevo Occidentale. Venne poi utilizzato per indicare l’essenza più pura di una sostanza. Sembra che il primo ad usare il termine alcol nel senso moderno fu Paracelso (Theopharst Bombast von Hohenheim, 1493-1541) fra i più noti medici alchimisti della sua epoca. Lo introdusse però nell'uso comune  scientifico Lavoisier. Infatti egli viene ricordato anche per la sua importante riforma della nomenclatura della sostanze chimiche, alla base di quella moderna. Volle passare dai termini oscuri e vaghi di origine alchemica ad altri più concisi e razionali.

Tornando alla fermentazione, Lavoiser, sulla base delle conoscenze fino ad allora accumulate, la descrisse approssimativamente come:

mosto d’uva = acido carbonico (anidride carbonica) + alcol levure

Riprodusse quindi sperimentalmente il processo con zucchero sciolto in acqua tiepida, per poi stimare in modo molto preciso le quantità di sostanze  fermentate  e dei prodotti ottenuti, determinandone anche  la composizione. Fu il primo a scrivere una reazione chimica come una equazione. Scrisse: in questi esperimenti, noi possiamo assumere che esiste un reale equilibrio o equazione tra gli elementi da cui si parte e quelli ottenuti alla fine della reazione. Le misure non erano proprio precisissime (dati anche i limiti degli strumenti dell'epoca) ma fu una vera e propria rivoluzione per la chimica.

Egli descrisse come lo zucchero si sdoppiasse in due parti, e che la fermentazione consistesse nell'ossigenazione di una di esse a spese dell'altra con formazione di una sostanza combustibile, l'alcol. Dimostrò che la trasformazione non era quantitativamente esatta perché si formano anche altri prodotti secondari.

La formula della reazione fu poi definita in modo quantitativamente più preciso nel 1810 dal chimico francese Joseph Louis Gay-Lussac (1778-1850), grazie al perfezionamento ulteriore degli strumenti di misura.

formula

 

 

La strada era ormai aperta: da allora in poi i chimici affinarono sempre più le conoscenze sulla reazione, arrivando a definirla con estrema precisione. Oggi viene schematizzata nel modo seguente.

95be5e3a235711613dca5377ed13113aa181c4a7

dandolo
Il veneziano Vincenzo Dandolo (1758-1819) fu un'eminente figura della sua epoca: chimico, politico, agronomo, dalle idee molto avanzate.

Per arrivare a questa formula tuttavia manca ancora un passaggio fondamentale: all'epoca di Lavoisier non esisteva ancora la chimica organica!

Infatti non si era ancora riusciti a rispondere a quella domanda fondamentale che ci siamo portati appresso in questo viaggio nei secoli: chi opera tutto questo e perché?

Questa domanda sorse spontanea anche a Vincenzo Dandolo, traduttore italiano (contemporaneo) delle opere di Lavoisier che, oltre a tradurre, fece anche numerose annotazioni al testo. Lavoisier infatti, nel descrivere i suoi esperimenti, racconta che allo zucchero aggiunge lievito di birra. Dandolo annota che quest'ultimo è “formato ordinariamente dal sedimento della birra stessa.  Dandolo si chiede perché, come opera  il lievito di birra?  ... Dunque la teoria dell’autore sulla fermentazione dello zucchero non è ben determinata… Dunque il lievito diventa sostanza essenziale ed indispensabile per effettuare una completa fermentazione, tuttoché vi siano acqua, calore e zucchero".

8e13651d-338c-441e-954f-c3eafa587174Di nuovo, non confondiamoci! Allora si sapeva già del lievito? No, si usava questo termine per indicare un qualcosa che empiricamente si era visto utile a facilitare la fermentazione. Già dalle epoche più antiche si era visto che aggiungendo dei sedimenti della fermentazione (o un po' di pasta di pane lievitata nel caso della panificazione) il processo partiva con maggior facilità. Tuttavia a fine Settecento, pur avendo definito di massima cosa succede, non si aveva ancora idea del perchè.

Si chiede ancora Dandolo:Qual principio fermentante introduce questa sostanza, o qualunque altra atta a promuovere questa prima notabile alterazione…? Questo fenomeno sarebbe forse da riferirsi all’azoto che il lievito contiene? Se sì, come opera l’azoto?

Afferma che i lieviti usati tradizionalmente sono di due specie: 1.corpi sommamente putrescibili contenenti azoto”, raccontando come alcuni agevolano la fermentazione buttando nel tino pezzi di carne. Inoltre racconta come i Cinesi, per stimolare la fermentazione di un decotto di avena e orzo, ci aggiungano escrementi.   2. Corpi che contengono molto ossigeno come acidi, sali neutri, creta, ossidi metallici, ecc."

Al di là di questi anedotti e teorie, per molti all'epoca (come per lo stesso Dandolo) il lievito era un qualche composto chimico. Solo Pasteur, nella seconda metà dell'Ottocento, mise fine a questa lunghissima diatriba, identificandolo in un organismo vivente.

Tuttavia il lavoro di Pasteur non nacque dal nulla e fu un traguardo molto difficile e molto controverso.

(continua qui e qui)

 

 


Prossime fiere del vino

Ecco gli appuntamenti dove incontrarci con i nostri vini nei prossimi mesi.

ProWein, a Duesseldorf, 18-20 Marzo 2018. Halle 16 / C22.  Presso il nostro importatore Consiglio Vini

Vinitaly, a Verona, 15-18 Aprile 2018. Padiglione 7 / Stand B5. Presso il nostro distributore per l'Italia Cuzziol GrandiVini

Mostra Mercato dei Vignaioli FIVI a Roma, 19-20 Maggio 2018. Teatro 10 Cinecittà.  orario 11.00-19.00. Posizione ancora da stabilire https://www.fivi.it/mercato-roma-2018-fivi-cinecitta-va-scena-territorio/


La fermentazione nella storia 1: "Bolle per sua natura!"

440px-Masa_fermentandoDopo aver parlato di fermentazione in generale, soprattutto sul ruolo dei lieviti (qui e qui), vi invito in un piccolo viaggio nella storia, alla scoperta di cosa si pensava nel passato a proposito di questo cruciale passaggio e come si è arrivati a comprenderlo.

 

La fermentazione è utilizzata dall'uomo da almeno 10.000 anni nella sua alimentazione, dal vino alla birra, dal pane allo yogurt, al formaggio... Tuttavia per millenni l'umanità lo ha fatto in modo inconsapevole, senza sapere cosa succedesse e perché, a parte il risultato finale.

La parola è antica, deriva dal latino fermentum, dalla radice del verbo fervere che significa muoversi, bollire. Nasce dall'osservazione di quanto succede in modo chiaramente visibile durante il processo: il pane lievita, si gonfia e si espande, il vino (o la birra) bolle.

Ma cosa pensavano nel passato di questo fenomeno?

Se cerchiamo dei riferimenti nei testi agrari , dall'antichità all'Ottocento, non si parla o non ci si chiede granché sul perché e come succede. Piuttosto si trovano indicazioni di lavoro pratico, utili a favorire il processo. Questo è naturale: i testi agrari nel passato erano per lo più rivolti ai lavoratori delle campagne di un certo rango, in particolare ai fattori. Nelle epoche più antiche si ignora del tutto il problema (almeno, per quanto ci è dato sapere). Nei testi del Sette-Ottocento  si liquida la faccenda con la frasetta: "(il mosto) bolle per sua natura". Quindi, succede e basta, non stiamo a chiederci il perchè! Queste domande erano lasciate più ai filosofi e poi agli scienziati, che però incontreremo più tardi.

1200px-Lucius_Junius_Moderatus_Columella

Uno dei testi agrari più dettagliati dell'antichità è il De re rustica di Columella (65 d.C.),  in italiano "Sull'agricoltura", che raccoglie la summa di tutte le conoscenze agricole romane (qui riassunte con quelle etrusche). E' un testo così ben fatto e preciso da essere considerato dagli esperti il primo vero e proprio trattato agronomico della storia. Fu così importante da rimanere come principale riferimento per l'agronomia fino al Settecento!

Lucio Giunio Moderato Columella è vissuto nel 1° secolo dopo Cristo, originario di Cadice (l'attuale Spagna). Dopo una prima carriera militare in Siria, si ritirò alla vita agraria nelle sue tenute nel centro Italia. Racconta di essere stato  influenzato nel suo interesse per l'agricoltura dallo zio, Marco Columella, che egli descrive come uomo astuto e grande fattore. Quindi i suoi scritti non sono solo un'opera letteraria (come altri testi sull'agricoltura dell'epoca) ma derivano dell'esperienza diretta, oltre che da una mente curiosa e che appare già molto scientifica.

Gianfrancesco_Poggio_Bracciolini_-_Imagines_philologorum
L'opera di Columella (e altre importantissime dell'antichità) non sarebbe arrivata a noi se non fosse stato per l'umanista toscano Giovanni Francesco Poggio Bracciolini. In quanto segretario dell'anti-papa Giovanni XXIII, si trovò a viaggiare spesso fra la Francia e la Germania all'inizio del Quattrocento, soprattutto per seguire il Concilio di Costanza (1414-1418). In questi viaggi visitò diversi monasteri svizzeri e tedeschi e ne esplorò le biblioteche, ritrovando testi latini che nessuno aveva trascritto o diffuso e che egli salvò dall'oblio.

Columella ama molto la vita agricola che ritiene moralmente più sana di quella di città, come racconta nella sua opera. Secondo lui l'agricoltore deve gestire direttamente la proprio azienda e deve avere un'ottima preparazione sul suo lavoro, basato sullo studio di testi validi.  Mostra una particolare sensibilità (rispetto ai suoi tempi) sull'uso di manodopera servile. Secondo lui gli schiavi che lavorano nei campi devono essere trattati con umanità e famigliarità, oltre che consultarli sui lavori agricoli.

Nelle parti dell'opera dedicati alla vinificazione (molto più ristrette dello spazio offerto alla parte dei lavori in vigna) , scopriamo che anche Columella sorvola elegantemente su quanto succede nell'intima oscurità del dolium in fermentazione (il dolium è il vaso in terracotta in cui facevano la vinificazione). Eppure dà molti consigli sensati (alla luce delle nostre conoscenze odierne)  su come lavorare per far sì che il tutto vada a buon fine.  In particolare insiste sulla necessità di assoluta pulizia della cantina e degli attrezzi di lavoro, soprattutto dei contenitori dove verrà messo il mosto e il vino. Oggi infatti sappiamo che l'igiene è il primo requisito fondamentale per produrre un buon vino, per evitare d'inquinarlo con certi microrganismi responsabili di tanti gravi problemi, dall'acetificazione ai cattivi odori alla torbidità, ecc.

Columella ricorda (come fa anche oggi ogni buon cantiniere) che la preparazione alla vendemmia deve iniziare almeno un mese prima, con l'accurata pulizia di ogni attrezzo. Ricorda anche che il torchio deve essere pulito per bene dopo ogni uso. “La cantina si mondi da ogni sterco, profumandola con buoni odori, così che non sia offesa da odore puzzolente o agro. …” (i testi sono tratti dall'edizione del 1564, tradotta dal latino da Pietro Lauro Modonese). 

mosaico romano che rappresenta l'impeciatura interna di un vaso.
Mosaico romano che rappresenta l'impeciatura interna di un vaso.

I dolia (vasi in terracotta in cui avveniva la vinificazione), interrati e no, devono essere puliti e preparati raschiando lo strato interno di pece dell'anno precedente, dopo averlo ammorbidito col calore, e poi accuratamente impeciati di nuovo.

I consigli che seguono riguardano soprattutto indicazioni di “condimenti” da aggiungere al vino (resina, acqua di mare, ecc.) per la conservazione del vino. Ricordiamo che comunque i vini dell'antichità erano ben diversi da quelli odierni. I problemi di vinificazione facevano sì che presentassero gusti che oggi consideriamo difetti. L'uso comune di servirli miscelati con acqua, aromi, spezie, miele  e tanto altro serviva appunto a  coprire e correggere questi problemi inevitabili.

 

 

 

Questo disegno ricostruisce una cantina romana durante la pigiatura e pressatura. L'uva è pigiata coi piedi in un palmento in muratura. Le vinacce poi erano subito torchiate. Il torchio qui rappresentato  è a leva, detto anche torchio "catoniano", perchè descritto per la prima volta da Catone. Secondo Columella tutta l'attrezzatura e la cantina stessa andavano accuratamente lavate prima della vendemmia e, soprattutto il torchio, anche dopo ogni uso.

 

museo di Toso torchio di Plinio
Il secondo tipo di torchio d'epoca romana è quello a vite centrale o torchio di Plinio (anche in questo caso prende il nome dall'autore che l'ha descritto per primo). Il torchio catoniano e quello di Plinio sono rimasti in uso per tutti i secoli seguenti, più o meno tali e quali a quelli romani. Col tempo il torchio a vite discendente ha preso il sopravvento su quello a leva, troppo ingombrante. Il salto di qualità si ebbe poi con l’Ottocento, col passaggio dagli ingranaggi di legno a quelli in ferro e con la realizzazione di sistemi che facilitavano l’azione sulla vite centrale, richiedendo sempre meno sforzo fisico. Nella foto c'è un antico torchio a vite centrale (identico a quelli di epoca romana) del museo dell'azienda vitivinicola Toso.

 

doli interrati ad Ostia antica
"Dolia" interrati in una cantina dell'area archeologica di Ostia antica. Il "dolium" era il vaso vinario in cui il vino fermentava e anche dove veniva conservato in seguito.

 

Dolium_From_Roman_Villa,_Minori
Dolium romano ritrovato in una villa romana a Minori (Campania). Il vino di minor pregio era conservato nel dolium e da qui attinto per il consumo, appena limpido. Era detto "vinum doliare". Quello più pregiato veniva travasato in anfore dopo essere stato trattato per la conservazione col calore, oppure con l'aggiunta di acqua di mare o con l'affumicatura. Questo era detto "vinum amphorarium". Le anfore erano usate anche per la spedizione.

 

Sappiamo da fonti più letterali che nel periodo antico era cosa comune attirare la buona sorte sulla vendemmia con riti augurali. In particolare venivano celebrati i Vinalia Rustica, il 19 agosto, riti di buon auspicio per la prossima vendemmia (molto simili alle benedizioni delle vigne e dei campi che i nostri preti facevano fino a non molto tempo fa). Cicerone, nel "De Devinatione" cita le "auguratio vineta", pratiche augurali che fa risalire all'augure Atto Navio dell'epoca di Tarquinio Prisco.

Secondo Plinio (nella sua opera Naturalis Historia) era d'uso porre nelle vigne un grappolo finto
Secondo Plinio (nella sua opera Naturalis Historia) c'era l'uso di porre nelle vigne un grappolo finto, una sorta di feticcio che attirasse su di sé i danni, preservando così i frutti veri (nell'immagine: affresco di Pompei).

Non possiamo fare a meno d'immaginare che anche la delicata fase della fermentazione avesse la sua parte di rituali. Eppure Columella non si spreca molto in questo senso, accennando solo rapidamente al  sacrificio dovuto a Libero e a Libera,  ai quali vanno consacrati i vasi della vendemmia. Per lui, che da come scrive sembra un agronomo curioso e molto razionale, è più importante che “non ci si scosti mentre che dura la vendemmia dal torcolo o dalla cantina, in modo che si faccia il mosto netto e puro...”.

Liber e Libera in un affresco di Pompei
Libero e Libera da un affresco di Pompei. Libero e Libera erano divinità romane molto antiche, legate al mondo agreste. Si pensa che Libera in origine fosse una sorta di Dea Madre e Libero il suo figlio-vegetazione. Più tardi la figura maschile prese maggiore importanza, assumendo anche l'appellativo di Pater (padre), legato ai riti di fecondità, ai cicli stagionali, all'ingresso dei giovani nell'età adulta e al vino. Invece, dopo l'introduzione della figura di Dioniso-Bacco dalla Grecia, ci sarà a volte una sorta di parziale sovrapposizione fra le due figure.

Se passiamo al Medioevo la situazione non cambia molto. Come già nel tardo impero, non abbiamo più i vasi in terracotta ma nelle cantine predomina il legno.  Tuttavia il modo di fare il vino è praticamente lo stesso, a volte anche con tecniche più scadenti, soprattutto nell'Alto Medioevo.

I grandi testi  di agronomia medioevale sono soprattutto quelli della cultura araba. Fra l'VIII e il XIV secolo vi è una grande attenzione all'agricoltura: contiamo circa una cinquantina di opere dedicate a questo ambito. Queste opere fioriscono un po' in tutte le terre allora sotto l'influenza araba, in particolare al-Andalus, l'attuale Andalusia, che in quel periodo vive un periodo d'oro. Per la cultura araba dell'epoca l'agricoltura è una professione che richiede un sapere specifico. In alcuni testi andalusi si parla dell'agricoltura come un mestiere (san' a), ma anche come una scienza ('ilm) ed un'arte (fann). Nell'opera di al-Tignārī ("Libro dello splendore del giardino e del diletto della mente") vi è scritto: "chiunque ne abbia l'attitudine ha il dovere di dedicarsi all'apprendimento della scienza di cui ha bisogno per esercitare il proprio mestiere. Coloro che sono privi di tale attitudine, devono invece ricorrere al consiglio dei sapienti per tutto ciò che riguarda le loro colture o i prodotti di altri mestieri" . Sembra scritto per i nostri giorni!

1173245_1
La produzione di vino in Andalusia era così ampia e diffusa che, in un impeto moralizzante, il sovrano al-Hakam II volle estirpare tutte le viti. Si fermò quando gli fu fatto notare che se avesse tolto l'uva, la gente avrebbe fatto il vino con i fichi.


Purtroppo questi testi non ci parlano di vino, in quanto siamo già in epoca musulmana. Dedicano però ampie parti alla coltivazione dell'uva, soprattutto per il consumo fresco o essiccato. Le fonti a cui attingono sono diverse a seconda delle opere: alcune traggono ispirazione da testi romani classici (Plinio e Columella soprattutto), altri dai bizantini oppure della  Mesopotamia. Tuttavia sappiamo, da fonti storiche e letterarie, che la produzione dei territori viticoli era continuata anche dopo il passaggio sotto il dominio arabo. Per lo più (ed ufficialmente) era svolta da comunità di altre religioni  e una piccola parte per soli fini farmaceutici. In realtà vi era anche una produzione di persone di religione musulmana. L'importante era che non fosse ostentata. Le tecniche di vinificazione ci sono arrivate comunque (più o meno) per altre vie, ma senza troppi particolari che ci diano indizi sul nostro tema di fondo, la fermentazione. Su questo capitolo molto interessante, torneremo a parlare in un prossimo post.

Tornando in Occidente, l'unico testo agrario di una certa rilevanza è  il "Ruralium Commodorum Libri XII" del bolognese Pietro De Crescenzi (1305), basato per molte parti sugli scritti latini, Columella in testa. Anche De Crescenzi descrive molto bene le fasi precedenti la vinificazione, come la decisione dell'epoca della vendemmia e l'importanza della pulizia della cantina, e poi di quelle successive (la conservazione). Non accenna  alla fermentazione in sé, se non per spiegare come cercare di togliere i difetti dovuti ad alterazioni.

025b
Le citazioni riportate nel testo dell'opera di de Crescenzi sono tratte da questa edizione che fa parte della nostra biblioteca.E' del 1561, edita a Venezia da Francesco Sansovino, che ne è anche traduttore (dall'originale latino in italiano).

In generale abbonda di consigli empirici, a volte sensati per noi (qualche volta no). Nelle fasi più difficili, come le alterazioni del vino, che sembrano andare oltre la possibile comprensione umana dell'epoca giungendo terribili  come eventi fatali ineluttabili, risvegliano in lui echi che sconfinano più nell'aspetto magico e superstizioso. Queste parti ci serviranno come appiglio per affrontare il capitolo delle superstizioni legate alla vinificazione, che erano sicuramente già presenti nel mondo agrario romano e rimarranno per secoli fino quasi ai nostri giorni. Non è che il Medioevo sia stato un periodo più buio, per molti versi, di tanti altri!

Ma perché il vino si altera? Così l'autore lo spiega, in modo un po' oscuro:” Avviene al vino per l'acquosità sua corruttibile nella vite e o nel vaso, che egli si corrompi e si guasti per varie cagioni adoperate in esso per lo strano caldo. Se si cavasse un poco di feccia o di vino che avesse la feccia, si metta nel vaso senza aprirlo, si convertirebbe in muffa. La quale infetta il vino. Oltre a ciò ogni altro vino che vi si ponga si guasta. E se di questo vino se ne mette in un doglio buono e si mischia con altro vino, lo infetta e lo converte nella sua corrotta natura.” Noi sappiamo che le alterazioni vengono dai microrganismi presenti nel vaso vinario, per ossidazioni o, sulle fecce, anche per fenomeni riduttivi. L'autore, ovviamente senza sapere perché , intuisce che è qualcosa che succede all'interno, non viene da fuori, e che la permanenza sulla fecce ha un suo ruolo. Sono importanti anche le sue considerazioni sul fatto di non infettare un buon vino con uno andato a male.

 

Illustrazione antica dell'opera di de Crescenzi.
Illustrazione antica dell'opera di de Crescenzi.

Ancora: “Inoltre, il vin saldo e potente e massimamente dolce e grosso, messo in tempo caldo  in vaso non pieno e non chiuso di sopra, svapora il caldo e lo umido del vino, e resta il freddo e il secco che si converte in acetosità”. Lo spunto acetico, che sappiamo derivare soprattutto dall'azione dei batteri acetici, per l'autore è un fenomeno fisico (e vago). Tuttavia intuisce correttamente la pericolosità d'incorrere in tale inconveniente se si lascia un contenitore  scolmo e aperto (causando il contatto con l'ossigeno, che sappiamo agevolare lo sviluppo dei batteri acetici), suggerendo le modalità di lavoro migliori.

 “Il vino dà la volta (il girato? E' un'alterazione batterica del vino molto frequente nel passato) e si corrompe più facilmente al tramontare delle Pleiadi, nel solstizio d'estate, nel caldo del Cane, quando c'è troppo caldo o troppo gelo, durante le grandi piogge, nei troppi venti, per i terremoti, per i tuoni, quando fioriscono le rose o le vigne”. Praticamente l'alterazione del vino può avvenire ad ogni evento particolare che “turbi” in qualche modo la vinificazione. Alcuni aspetti fra quelli elencati sono sicuramente veri: i cambiamenti repentini di temperatura possono influenzare quanto succede nelle botti.  Un po' meno altri eventi.

Questa credenza riguardo al fatto che certi eventi possano turbare la vinificazione si trovano in numerose culture contadine del passato, in diverse parti del mondo (sia per il vino che per la birra). La fantasia popolare ha contribuito alla nascita di una ricca ed ampia casistica, mescolando intuizioni di fatti reali (meglio evitare gli sbalzi di temperature) a fantasie più o meno colorite. Senza titolo-41Alla base c'è l'idea che sta avvenendo qualcosa (si vede, si sente!)  ma  è incomprensibile. L'istinto porta alla reverenza: forse, se non succede nulla di disturbante, tutto può andare bene... Cosa succede, chi agisce? Spiriti, demoni, entità magiche? Qualcosa sta lavorando, non bisogna far rumore, si deve camminare piano, si deve bisbigliare, non bisogna bussare sui tini o sulle botti, non devono esserci rumori forti, correnti d'aria per porte o finestre aperte, ... Ogni territorio ha le sue storie a proposito. La superstizione genera anche avvertimenti terribili per evitare che qualcuno abbia comportamenti inappropriati: se si bussa su un tino o una botte, rendendo così il vino cattivo, il malcapitato rischia di perdere il dito o la mano. Si credeva anche che la cantina dovesse essere tenuta ben chiusa per evitare che spiriti malefici o streghe o gatti neri potessero influenzare negativamente il processo. Tante altre situazioni potevano portare male, come le donne con le mestruazioni, che non dovevano avvicinarsi ai tini.  Secondo alcune culture contadine l'andamento della vinificazione diventava anche un segno premonitore dei destini della famiglia. Se andava poco bene erano in arrivo dispiaceri, se c'erano alterazioni gravi si potevano avere anche disgrazie.

Ritornando però a de Crescenzi, quali sono i rimedi per le alterazioni del vino? Qui c'è un elenco molto lungo. Alcune pratiche descritte per prevenire i problemi (o risolverli in fasi iniziali) sono adeguate,  come le sfecciature o il tenere i vasi ben colmi e chiusi. Quando il danno è fatto (e anche oggi è pressoché impossibile rimediare) l'autore elenca invece interventi un po' più fantasiosi, come intrugli di vario genere da aggiungere al vino, basati su erbe o altro. Di certo questi non cambiavano  il destino del vino, come suggerisce l'autore ma, forse, erano più utili per  coprire cattivi odori o sapori (nell'epoca medievale, come in quella antica, era d'uso comune la correzione dei vini con spezie, erbe o miele o altro).  Si suggerisce anche l'uso di piante dalle virtù magiche, come la vitalba che, se messe alla base o sopra la botte, dovrebbero impedire al vino di alterarsi. Il più curioso è una sorta di rito propiziatorio legato alla sfera religiosa: si deve mettere nel vaso vinario una mela con all'interno un foglietto arrotolato con questa scritta: “GVSTATE ET VIDETE QVONIAM CHRISTVS SVAVIS EST DOMINVS”.

 

Vintage Moon Phases Diagram This print features a reproduction of by Athanasius Kircher, a 17th-century German Jesuit scholar and polymath.
Le fasi lunari da Athanasius Kircher (XVII sec.)

Delle credenze citate da De Crescenzo, la più diffusa, la più affascinante e fra le più dure a morire, è quella che lega il vino alle fasi lunari. Infatti, secondo l'autore, la vendemmia deve essere fatta in fase di luna calante, mentre i travasi con luna crescente, altrimenti il vino si fa aceto.  Ad esempio, ben 500 anni dopo ritroviamo le stesse credenze, come denuncia nel suo   “Trattato completo di agricoltura” (1855) Gaetano Cantoni : "Secondo alcuni la luna avrebbe pure influenza sulla fermentazione dei concimi, e per conseguenza i letamaj dovrebbero piuttosto essere voltati negli ultimi giorni della luna, perché in quest’epoca si disperderebbe minor quantità di principj utili, e resterebbe ordinati per la fermentazione, favorita dai primi quarti della luna successiva. La stessa cosa accadrebbe ella fermentazione vinosa, sul qual proposito corre il proverbio che il vino fatto in due lune a stento o mai si rischiara".  Questo pensiero è rimasto fino quasi ai nostri giorni nella cultura contadina (e non solo).

Gaetano_Cantoni
L'agronomo milanese Gaetano Cantoni (1815-1887). Fu fra le grandi personalità della sua epoca che lottarono tenacemente per rinnovare l'insegnamento agrario in Italia, aprendolo alle più moderne conoscenze. Si deve infatti considerare che in quell'epoca, al di là dei limiti culturali del mondo contadino, anche fra i possidenti andavano per la maggiore libri (come le opere di Filippo Re e Berti Pichot) che ignoravano totalmente gli avanzamenti delle scienze dell'epoca, propugnando ancora un'agricoltura (e conoscenze) arcaiche ed arretrate.

Queste credenze derivano dal pensiero magico che gli antropologi hanno chiamato “magia simpatica”. Uno dei suoi principi più importanti è quello della similitudine. Si basa su una banale associazione mentale per cui il simile chiama il simile oppure dove qualcosa che simboleggia una data azione ha influenza su di essa. In questa concezione la luna che cresce si lega a tutte quelle azioni o situazioni in cui c'è qualcosa che cresce o deve svilupparsi o muoversi. Invece la luna calante assume un legame con tutto quello che cala, che deve arrestarsi o morire. Quindi tutte le fasi di raccolta agricola che comportano il taglio, la morte della pianta o lo schiacciamento (come per l'uva), devono essere fatte in luna calante. Invece un'azione come il travaso, di movimento, va fatto in luna crescente.

 Non c'è comunque necessità di andare troppo lontano nel tempo, queste credenze sono ancora vive oggi. Il pensiero magico è subdolo e potente. A volte non si riesce ad evitare neppure tramite la cultura  o secoli di ricerche e scoperte scientifiche.  La domanda che sorge spontanea è: come mai queste credenze sono sopravvissute così a lungo?

Dobbiamo pensare, come descritto nel testo medievale, che nella produzione di vino i rituali magici-scaramantici non vengono mai fatti da soli. Sono accompagnati sempre da buone pratiche empiriche che possono portare comunque ad esiti positivi. Qui però l'umanità si divide in due strade. Le persone più dotate di una mente razionale tendono a pensare che sia stato il buon lavoro a portare a buoni risultati e si concentrano su quello. Da questa impostazione mentale nei secoli è nata la scienza.  Altre persone  invece sono portate a focalizzare la loro attenzione più sul fatto che la magia abbia funzionato. Un altro pensiero ricorrente è quello che ci fa dire "Tanto male non fa"! E così queste credenze si perpetuano nei secoli. 

superstizione2E con le nostre conoscenze degli ultimi secoli? Sembra assurdo ma per alcuni può essere più facile comprendere e dare un senso alle semplici correlazioni mentali richieste della similitudine magica piuttosto che capire i concetti chimici o fisici alla base di certe buone pratiche di lavoro.  E poi, la considerazione più importante di tutte: queste storie ci piacciono!

Sono belle, poetiche, usano immagini e parole evocative, sono favole affascinanti e seducenti. Anche per questo nei secoli hanno conquistato e continuano tutt'oggi, diventando anche potenti armi del marketing moderno.

Finita questa digressione nelle superstizioni che circondavano la vinificazione, arriviamo all'era degli alchimisti. Scopriamo così che qui iniziano a comparire le prime vere e proprie interpretazioni della fermentazione.

(continua qui, qui e qui)


La nostra nuova brochure

Ecco il progetto che ho realizzato per la nostra nuova brochure "più estesa".

Le prime pagine riguardano noi, le persone di Guado al Melo

brochure interno1-pag.1brochure pag.2-3

Ecco invece la presentazione del territorio

brochure pag.4-5

Presento poi Guado al Melo in generale, dove si trova, le vigne, ecc.

brochure pag.6-7brochure pag. 8-9

Ecco la parte che racconta il nostro modo di lavorare in vigna

brochure pag. 10-11brochure pag. 12-13

Ecco la cantina di bio-architettura, col nostro progetto culturale sul vino

brochure pag. 14-15brochure pag. 16-17brochure pag. 18-19

Entrati in cantina, presentiamo qui il nostro modo di lavorare nella vinificazione

brochure pag. 20-21brochure pag. 22-23

 

Infine, ci sono le schede dei vini

brochure pag. 24-25brochure pag. 26-27brochure pag. 28-29brochure pag. 30-31brochure pag. 32-intern.3

copertina 4


Focus sui lieviti (un argomento da "prendere con le pinze") 2

(continua)

Da dove arriva allora il Saccharomyces?

Le ricerche hanno dimostrato come l’habitat migliore del S. sia la cantina e non la vigna. Si insedia con contaminazioni delle quali è difficile individuare l’origine (può succedere che venga dall’ambiente esterno, da attrezzi, in molti casi da lieviti portati in cantina, ecc.). In una vecchia cantina, dove si fanno vinificazioni ormai da anni, ne diventa un abitante discreto ma ben insediato. Viceversa si sa che nelle cantine nuovissime le fermentazioni stentano sempre un po’.

Cosa succede allora nel corso di una fermentazione spontanea?

Diverse popolazioni di microorganismi che condividono lo stesso ambiente e si nutrono dello stesso alimento (nel mosto è lo zucchero oltre che altri composti indispensabili come vitamine, composti azotati, ecc.) sono per forza in competizione fra loro. Inoltre le popolazioni possono anche agire l'una sull'altra direttamente, ad esempio rilasciando nell'ambiente sostanze tossiche per i concorrenti. In tutto ciò interviene anche la pressione ambientale data da fattori (temperatura, acidità, pH, ecc.) che possono favorire o sfavorire l'uno o l'altro gruppo.

Quando ammostiamo l’uva, trasferiamo nel mosto tutti i nostri piccoli ospiti viaggianti. Il trattamento non piace però a tutti, molti soccombono. Rimangono quelli adatti a sopravvivere in queste nuove e difficili condizioni: alta concentrazione zuccherina e (quasi) assenza di ossigeno. Il Saccharomyces è in scarsa rappresentanza e per ora se ne sta abbastanza buono. La fermentazione parte con i non-saccharomyces che si alternano anche rapidamente nella volata. È una sorta di gara per la sopravvivenza: tutti vogliono quel "dannato" zucchero (e altri composti) ma vince e si alterna al comando chi riesce a prevalere in quel momento numericamente, o perché parte in vantaggio o perché è favorito da diverse condizioni chimico-fisiche che via via si succedono (temperatura, pH, acidità, etanolo crescente, ecc.). Intanto il Saccharomyces prende sempre più slancio e, siccome è un po’ più forte, vince gli altri sulla resistenza all’alcool (e ad altro), diventando sempre più la specie dominante. Si è appurato che, dove il Saccharomyces non ce la fa a prevalere sul finale (per diversi motivi), le fermentazioni procedono con difficoltà e si hanno spesso esiti sfavorevoli sulla qualità del vino.

da Bokulich et al., Am J Enol Vitic. June 2012 63: 185-194 Ecco un esempio visivo di come cambiano le popolazioni di lieviti in una vasca nel tempo. è anche evidente la diversa fra annate, l'una rappresentata dalla parte alta (A) e l'altra sotto (B).
Ecco un esempio visivo di come cambiano le popolazioni di lieviti in una vasca nel tempo. E' anche evidente la diversità che si ha fra le annate (grafico A= un'annata, grafico B= l'annata successiva). da Bokulich et al., Am J Enol Vitic. June 2012 63: 185-194

Spero sia chiaro che in tutto ciò entrano in gioco un gran numero di variabili, che cambiano in modo consistente il risultato finale (le caratteristiche del vino). L’enologia non è certo una materia semplice: la conoscenza è fondamentale per non procedere troppo pericolosamente in balia del caso (non sempre benigno). In fondo, siamo o no professionisti-artigiani del nostro lavoro? Entrano in gioco, positivamente o negativamente, lo stato sanitario delle uve, la disponibilità di nutrienti azotati, la pulizia di attrezzature ed ambiente, le temperature, il contatto più o meno spinto con l’ossigeno, ecc., oltre che (naturalmente) l’aggiunta eventuale di solforosa e l’inoculo col Saccharomyces (atti che cambiano le carte in tavola).  Tutti questi fattori influiscono selezionando le varie specie e i ceppi che si alternano nel mosto a condurre la fermentazione.

foto di Stefano Lubiana
foto di Stefano Lubiana

Sappiamo però chi è che conduce il gioco?

No, è veramente difficile seguire passo a passo l’alternarsi nella vasca. Il produttore sa gestire attentamente la fermentazione con opportuni e calibrati interventi quando questa stenta ad andare avanti, se inizia a sentire certe puzzette sgradevoli, ecc. Non può però sapere con certezza chi conduce il gioco che, come già detto, fra l’altro può anche variare ogni anno. Si è dimostrato anche (in cantine dove sono condotte solo fermentazioni spontanee) che i microrganismi coinvolti cambiano anche passando dalle prime fermentazioni a quelle successive. Nelle prime fermentazioni dell’annata al principio partono i non-saccharomyces, mentre il S. interviene più tardi. Andando avanti con la vendemmia però, quando è ben forte in cantina, il Saccharomyces può diventare predominante subito nelle fasi iniziali.

373754ea95b8405fcdc0eb653ef89dd1
lievito secco alimentare

E il lievito aggiunto? È il diavolo?

Per qualcuno è lo slogan del momento: il lievito indigeno (o no) sembra poter rapidamente designare i vini come migliori (o meno). Tuttavia è come concentrarsi solo sulla punta di un iceberg e non pensare all’enorme massa che sta sotto l’acqua. Per fare un grande vino artigianale di territorio la fermentazione è sicuramente fondamentale ma ci vuole tantissimo prima (in vigna soprattutto) e tanto dopo. Ad esempio, se ho un’uva non equilibrata, perché viene da vigneti che crescono in modo un po’ stentato, posso fare anche fermentazioni spontanee ma otterrò comunque vini poco espressivi. Questo perché nelle uve mancano i “mattoncini” fondamentali che i lieviti dovrebbero usare per fare un grande vino, ma non li trovano!

Aggiungere lievito può essere utile in certe situazioni difficili, senza inficiare in modo significativo le caratteristiche territoriali del vino. La ricerca ha dimostrato che l’inoculo non necessariamente impedisce l’attività iniziale dei non-saccharomyces che arrivano dalla vigna, soprattutto se l’aggiunta viene, ad esempio, un po’ ritardata.

Sicuramente si sa che è molto meglio la diversità delle specie e dei ceppi che l’uniformità. Sicuramente per produrre vino di territorio è meglio evitare tutti quei ceppi selezioni che introducono nel vino particolari caratteristiche, alterando quelle territoriali. Il meglio è aiutarsi, quando serve, con l’inoculo dei ceppi selezionati dalla propria cantina che, qualunque sia la loro provenienza, comunque sono diventati parti integranti del nostro “terroir”. Sicuramente si sa che ogni vino, anche nella stessa cantina, ha la sua storia e le sue necessità, non sempre uniformabili, in tutti i sensi!

 

Questo intervento è molto generico e divulgativo. Quello che mi preme è far capire l’enorme complessità che entra in gioco in questo processo e che rende tanto affascinante quanto complicato il nostro lavoro. Capirete così anche perché, di norma, il vignaiolo durante la vendemmia dorma con difficoltà, pensando incessantemente a quanto succede nelle vasche. È un piccolo mondo ma vi succedono tante cose!

Se volete scoprire l'incredibile storia di come si è scoperto il ruolo dei microrganismi nella fermentazione potete leggere anche qui, qui, qui e qui.

 


Focus sui lieviti (un argomento da "prendere con le pinze") 1

Se ne parla tanto oggi, a volte anche a sproposito, trascurando forse gli altri (mille e più) parametri fondamentali per produrre un ottimo vino di territorio. Purtroppo, quando un argomento diventa terreno del marketing più spinto, diventa difficile parlarne con serenità. Purtroppo non si sprecano anche le bufale, a volte così belle e poetiche da far enorme presa nell’immaginario collettivo.

Il disegno schematizza il ruolo cruciale del ievito nella fermentazione. Questo processo è il suo modo di nutrirsi e ricavare energia. L'acool è per lui è uno scarto.
Il disegno schematizza il ruolo cruciale del lievito nella fermentazione. Questo processo è il suo modo di nutrirsi e ricavare energia. L'acool è per lui è uno scarto.

 

Eppure il lievito non è “nato ieri” ma accompagna l’uomo da almeno 10.000 anni in tante trasformazioni alimentari, anche se l’uso è stato inconsapevole per millenni (vedete qui e qui). Solo nella seconda metà dell’Ottocento Pasteur dimostrò il ruolo dei microrganismi nelle fermentazioni e anche nelle alterazioni del vino (qui e qui). Da allora è iniziato il cammino, ancora in corso, di comprendere questa affascinante e complicata trasformazione.

Il lavoro di ricerca di Louis Pasteur nel vino ha dimostrato il ruolo dei microrganismi, fino ad allora considerati organismi troppo piccoli perchè potessero influire sul nostro mondo. Da queste ricerche nacque in Pasteur l'intuizione che potessero essere anche responsabili di malattie animali ed umane, dando il via alle sue preziosissime scoperte sui vaccini e all'introduzione delle tecniche asettiche in chirurgia, che hanno rivoluzionato l'intera medicina.
Saccharomyces cerevisae
Saccharomyces cerevisae visto al microscopio elettronico.

Ci sono ancora tante cose da scoprire e capire. Eppure non siamo più all’epoca in cui la fermentazione era un processo misterioso intorno al quale nascevano anche tante superstizioni, riti scaramantici ed interpretazioni magiche (alcuni dure a morire anche ai nostri giorni). Sappiamo che la fermentazione alcolica è condotta soprattutto dai lieviti del genere Saccharomyces, come il famoso S. cerevisae o il S. bayanus, che a loro volta possono essere rappresentati da diversi ceppi. Questi sono anche i lieviti più adatti a sopportare l’accumulo di etanolo che si crea dalla trasformazione degli zuccheri. Infatti sono gli unici a rimanere in vita e a condurre il processo fino al termine. Questo fatto li rende  (quasi) indispensabili.

Non sono però i soli: nel mosto –vino c’è una ricca biodiversità di lieviti e batteri che intervengono più o meno positivamente.

Candida pulcherrima
Candida pulcherrima

Per fare qualche nome, possiamo ricordare la Candida pulcherrima (bellissima!), i generi Pichia, Cryptococcus, Rhodotorula, Kloeckera… Sono in genere più sensibili all’alcool, per cui molti non riescono a sopravvivere se non nelle fasi iniziali. Eppure sono importanti: è stato dimostrato che questi non-saccharomyces influiscono molto sulle caratteristiche aromatiche del vino, sia positivamente che (a volte) negativamente. Se ben gestiti, donano al vino note uniche, contribuendo in modo significativo alla complessità e personalità del prodotto. Se mal gestiti, possono portare a puzze, acidità volatile eccessiva, ecc. , a far nasce vini veramente poco gradevoli.

 

 

Da dove vengono i lieviti?

001I lieviti, come tanti microrganismi utili o dannosi, si trovano un po’ ovunque in natura. Sono stati fatti diversi studi per cercare di capire questo punto, al di là di tanti “simpatici” voli di fantasia cari al marketing. Le ricerche degli ultimi 10 anni hanno dimostrato che molti microorganismi sono presenti sull’uva. La loro quantità e diversità dipende molto da come si è gestito il vigneto, dalla temperatura e dallo stato di sanità dei frutti.  Si è visto anche che questo mix di microorganismi cambia con l’annata, è caratteristico del micro-territorio (la vigna) e la varietà di vite. Per questi motivi è stato incluso nel cosiddetto terroir viticolo.

Non è facile però stabilire le quantità e qualità in singole prove empiriche. Si è visto infatti che i campionamenti cambiano molto, pur nella stessa vigna, se fatti in un modo o nell’altro. Solo confrontando un numero elevatissimo di studi diversi è possibile trarre delle conclusioni più generali. (Questa si chiama RICERCA, fatta per bene).

Sulla superficie di un acino perfettamente integro ci sono pochissime sostanze nutritive per cui qui si trovano pochi microorganismi, quelli un po’ pionieri, capaci di sopravvivere in questa situazione limitante. Molti di questi non sono i microrganismi che conducono la fermentazione alcolica perché per vivere dipendono dall’ossigeno. La fermentazione alcolica invece è una reazione che avviene in assenza di questo gas (si dice “in anaerobiosi”).

La maggior parte dei microorganismi che interessano la fermentazione si trovano soprattutto su acini danneggiati (per i più diversi motivi). Infatti solo con la fessurazione della buccia possono trovare quei composti nutritivi essenziali per la loro sopravvivenza e l’ambiente adatto per loro.

Qui serve però un distinguo: parafrasando i latini dobbiamo dire che “in minimo stat virtus”. È vero che l’uva più danneggiata ha un biodiversità e carica microbica maggiore, ma questo non significa che sia la condizione migliore per la vinificazione, attenzione! In un’uva molto sana (la migliore da vinificare) c’è comunque una piccola percentuale di acini con micro-fessurazioni da portare una quantità più che sufficiente di microrganismi in cantina. L’uva poco sana è sempre negativa, sia per le proprie caratteristiche non ottimali che per una carica microbica fortemente alterante.

Comunque le ricerche hanno dimostrato che questa piccola folla che ci portiamo in cantina nei cesti d’uva è composta soprattutto dai fermentatori delle prime fasi. Clamorosamente è pochissimo rappresentato quello che diventerà il protagonista quasi assoluto quando il “gioco” si farà duro: il Saccharomyces!

Da dove arriva allora?

(prosegue)


Di vini che non ci saranno.

mappa vigne AtisCome abbiamo già anticipato, i nostri Rossi più importanti, Atis e Jassarte 2014 non ci saranno. Sarebbero dovuti uscire al commercio nei prossimi mesi, con la presentazione a Vinitaly.

Da noi il 2014 è stata una vendemmia molto difficile. Fortunatamente ce ne sono pochissime in questa meravigliosa Bolgheri, ma a volte capitano.

Cos’è un’annate difficile? È un annata in cui gli eventi climatici contrari si sommano a tal punto da non permettere l’originarsi del Particolare, di far nascere quei vini di selezione dove lo “Spirito del Luogo” si manifesta in tutta la sua magnificenza. Il 2014 è stata una di queste.

È stato un anno in cui la nostra bella estate non si è praticamente vista, sostituita da una cappa grigia d’umidità quasi continua, finita con una vendemmia sotto la pioggia. Il meglio delle uve, che abbiamo curato e selezionato con lavoro certosino in vigna, ha meritato di far nascere buoni vini di grande finezza, i nostri Rossi base, ma non le Selezioni.

111Il vino per me è assolutamente di territorio, che significa mettersi al servizio di esso, agevolare una trasformazione che ti sorprende sempre. Un grande vino di territorio è qualcosa che non puoi comprendere fino in fondo neppure quando è nato, perché non smette di mutare e trasformarsi nel tempo che passa.

Il vino, naturalmente, non nasce solo in vigna ma anche in cantina. L’assoluta cura del nostro lavoro e delle scelte fatte, nell’uno e altro ambito, sono fondamentali. Un conto però è la cura che porta ad esaltare le qualità, un conto è  stravolgerle.

Annate così difficili, per i grandi Rossi di Selezione, non le “salveresti” comunque intervenendo in cantina. Le stiri, le giri e le rigiri, puoi renderle tecnicamente perfette, ma non puoi tirare fuori quel qualcosa di più e di meglio (“quell’anima”) che nelle uve semplicemente non c’è. Non è questione di saperlo fare o meno.

Secondo me, avere una grande capacità tecnica nel fare vino non significa intervenire ad ogni costo, ma riuscire piuttosto a capire quando è meglio fermarsi. Ho troppo rispetto per Atis e Jassarte per maltrattarli in questo modo.

mappa vigne JassarteFare questa scelta non è mai facile per un’azienda di vignaioli. Noi viviamo di questo lavoro, sentiamo la responsabilità nei confronti dei nostri figli, dei nostri collaboratori e delle loro famiglie. In questo periodo di vuoto c’è chi si scorderà dei nostri grandi rossi, che li sostituirà con altro. Pazienza, sono convinto che si recupererà.

In attesa di Atis e Jassarte della grande annata 2015, godiamoci ora le ultime bottiglie dell’ottimo 2013 e le altre storiche.

Michele Scienza


WineNews sul Mercato FIVI di Piacenza

Ecco un video sulla Mostra Mercato dei Vignaioli Indipendenti FIVI di Piacenza 2017.

Parla anche Michele Scienza, dal minuto 4.58

 

http://www.winenews.tv/index.php?wnv=8238


Mercato dei Vini dei Vignaioli Indipendenti 2017

Sabato e domenica si terrà il salone dei Vignaioli a Piacenza, a cui partecipiamo ormai da tanti anni.

Ecco la nostra posizione: vi aspettiamo numerosi!

postazioni 2017


Cena dei vignaioli FIVI

Venerdì 24 novembre, in occasione della Mostra Mercato dei Vini dei Vignaioli Indipendenti FIVI a Piacenza (25-26 Novembre), ci sarà una cena con in abbinamento i vini di alcuni dei vignaioli.

Si terrà a Cadeo (Piacenza), presso il ristorante Da Romano. Ci sarà anche il nostro Vermentino L'Airone. Nelle immagini sotto ci sono tutte le informazioni necessarie.

055054057056


Prossimi appuntamenti di Novembre

Segnatevi queste date: ecco due manifestazioni di vino molto interessanti a cui saremo presenti:

  • 18-19 Novembre al porto di Livorno, Terminal Crociere, Mare di Vino: questa manifestazione, organizzata dalla Fisar locale, raduna molte importanti aziende della nostra bella provincia di Livorno, con le sue denominazioni Bolgheri, Val di Cornia, Montescudaio e Terratico di Bibbona. info su: http://www.maredivino.it/
  • 25-26 Novembre alla fiera di Piacenza, Mostra Mercato dei Vini dei Vignaioli Indipendenti: qui invece si ritrovano vignaioli da tutta Italia, 501 per l'esattezza, tutti affiliati alla FIVI (Federazione Italiana dei Vignaioli Indipendenti). Info su http://www.mercatodeivini.it/

Taormina Gourmet 21-22-23 ottobre 2017

Saremo presenti coi nostri vini a questo rinomato festival del cibo e del vino, nella magnifica Taormina, presso Hilton Giardini Naxos.

Per ogni informazione http://www.taorminagourmet.it/


Criseo: uno dei migliori bianchi toscani

Criseo, il primo vino bianco da affinamento di Bolgheri, continua a far parlare di sè. Il giornalista Daniele Cernilli lo ha messo fra i migliori vini bianchi di questa estateCriseo, descrivendolo così:
"Naso di formidabile complessità, note di pietra focaia, cedro, mandorla fresca e accenni di frutta esotica. Sapore pieno, salino, di ottimo corpo, caldo ma agile e dalla piacevolissima bevibilità. Uno dei migliori bianchi toscani di quest’anno. Complesso".

Grazie mille!