ATIS


Bolgheri DOC Superiore

2017

ULMUS AMAT VITEM, VITIS NON DESERIT ULMUS; SEPAROR A DOMINA CUR EGO SAEPE MEA?
L’olmo ama la vite e la vite non si separa dall’olmo; perché mai tante volte io sono diviso dalla mia amata?

Ovidio, Amores, Elegia XVI

Vitis maritae, la vite “maritata” all’albero etrusca, poi romana, ... fino al Novecento, millenario simbolo d’amore
VIGNA: da micro-particelle selezionate delle nostre vigne Campo Grande e Campo Ferro: 2,68 ha
ATIS è il nostro genius loci, lo spirito del luogo,
l’essenza di Bolgheri per noi:
una Toscana di colline e di mare,
il nostro saper fare di vignaioli artigiani,
piccole parti straordinarie di vigna
scelte da me una ad una,
stratificazioni di storia e di evoluzioni.

Mi sono immaginato un re antico,
ATIS*, camminare queste colline,
maestoso ed austero,
lo sguardo ancora un po’ selvatico,
la mano che accarezza i tralci delle viti
che s’avvolgono agli alberi,

... come oggi la mia.
Michele Scienza
*ATIS è il nome di un re che un mito pone alle origini degli Etruschi, prima civiltà della nostra terra e primi viticultori.

VIGNA: Nasce da micro-particelle selezionate delle nostre vigne Campo Grande e Campo Ferro , con Cabernet sauvignon (in prevalenza), Rebo e Cabernet franc. Le vigne si trovano in una piccola valle fra le colline di Bolgheri, con direzione est-ovest, segnata dal torrente Fossa di Bolgheri. Sono sulle prime pendici della collina di Segalari, fra i boschi della macchia mediterranea. Le coltiviamo con sapienza e cura, con sistemi di viticoltura integrata e sostenibile.
Clima: mediterraneo, stemperato dai venti tirrenici. Fra le colline vi è il clima più fresco del territorio, con una notevole escursione termica estiva fra il giorno e la notte.
Suolo: di origine alluvionale, è profondo e ben drenato, sabbioso-argilloso, con alcuni affioramenti argillosi, ricco di ciottoli.
PRODUZIONE: Selezioniamo le uve di ogni micro-particella, ciascuna raccolta e lavorata separatamente. La vinificazione è artigianale, fatta con la massima cura e col fine di esaltare le caratteristiche territoriali delle uve. Il vino da taglio è una sinergia= l’insieme è più della semplice somma delle parti. È invecchiato per circa 2 anni in legno non nuovo, sulla feccia fine, con rimescolamenti settimanali. È poi illimpidito con diversi travasi. È affinato in bottiglia per almeno 1 anno, nelle migliori condizioni di conservazione.
Disponibile nei seguenti formati: 750 ml - (Magnum) 1,5 litri - (Jéroboam) 3 litri - (Mathusalem) 6 litri - (Salmanazar) 9 litri - (Balthazar) 12 litri.