Ci siamo: ci certifichiamo come vino sostenibile
26 Giugno 2022

Wine Advocate: buoni ma un po’ pazzarelli

Grazie mille a Monica Lerner per il suo apprezzamento per i nostri vini, in particolare per l’Atis e il Jassarte. La cosa particolare è che questa brava giornalista americana ha per noi sempre commenti interessanti, che mi pare stiano fra l’incredulo e quella simpatia che si attribuisce a persone che si giudicano un po’ pazzerelle 😊.

L’anno scorso ha scritto che siamo l’azienda più creativa.  Quest’anno scrive: “there is a bit of mad science here, but that’s what makes them so much fun”, cioè “qui c’è un po’ di scienza pazza, ma è questo che li rende così divertenti”.

Chissà se pensa che siamo un po’ matti a fare scelte controcorrente in un mondo come quello del vino, che spinge verso l’omologazione.

Per cui, pazzi o coraggiosi che siamo, prendiamo tutto questo come un complimento e speriamo di averla nostra ospite quanto prima, per divertirla ancora di più! (e magari riuscire a raccontarle la ricerca sperimentale e la riscoperta di antiche tradizioni italiane che stanno dietro a queste nostre scelte)

Ad ogni modo, grazie mille, Mrs. Lerner, apprezziamo molto che abbia assaggiato e recensito i nostri vini.

annalisa motta
annalisa motta
Biologa specializzata in biologia vegetale, da oltre vent’anni sono vignaiola a Guado al Melo, a Bolgheri (Toscana), con mio marito, dove produciamo vino territoriale ed artigianale, in modo sostenibile. Il vino per me è una passione trasversale: lo si capisce veramente solo mettendo insieme scienza, natura e cultura. In origin a plant biologist, from over 20 years I am a winemaker at Guado al Melo, in the Bolgheri DOC (Tuscany), with my husband, where we produce terroir-expressive and artisan wines, following a sustainable philosophy. Into the wine I have found all my different passions: in fact, we can understand it only by combining together science, nature and culture.

Comments are closed.