convolvolo-rampicante
La difesa nella viticoltura sostenibile 3: antipatici postini
2 maggio 2019
petillon-vins-bio-europe-678455-jpg_465931_660x281
La difesa nella viticoltura sostenibile 5: quel pasticciaccio della peronospora
23 maggio 2019

La difesa nella viticoltura sostenibile 4: da Democrito al mal bianco

4842cef0-4f4b-11e2-856f-00144feab49a

Se pensate di averne già abbastanza (qui, qui e qui), considerate che non siamo arrivati alla parte peggiore: quella delle malattie fungine.

I funghi sono la rogna peggiore per il vignaiolo: possono compromettere in modo molto serio la produzione dell’uva (anche se dipende molto dal proprio ambiente climatico e dall’andamento stagionale). Inoltre, se può essere (relativamente) semplice trovare sistemi alternativi come la lotta biologica verso insetti ed acari, per i funghi il discorso si fa molto più complicato.

Per questo è necessario tornare un po’ indietro e fare un piccolo inciso storico. Ci vuole poi anche uno sforzo mentale in più, perchè i concetti su cui si basa la difesa sostenibile, nel caso di diversi funghi, sono un bel po’ più complessi ed articolati.

Se invece credete che bastino pochi e semplici slogan per definire l’intricato e difficile mondo della difesa della vite, potete fermarvi già qui !

La nascita di una nuova agricoltura

Le malattie delle piante d’interesse agricolo sono stato un problema da sempre per l’umanità. Nel passato erano vere e proprie calamità che potevano scatenare carestie o malnutrizione, soprattutto per alimenti basiliari come i cereali (o altro). Erano considerate una maledizione degli Dei o una punizione dei peccati degli uomini. Contro di esse furono emesse bolle papali, intentanti processi, vennero condannate simbolicamente al rogo, si facevano benedizioni e riti religiosi diversi per tenerle lontane dai campi.

donna_erbe

In parallelo alla superstizione l’uomo ha però da sempre cercato dei rimedi, cioè qualcosa capace di proteggere o curare la piante. Ad esempio Democrito, nel V sec. a.C., consigliava di immergere i semi, prima di seminarli,  in succo di Sedum (una crassulacea), per proteggerli dalle malattie. Plinio il Vecchio riporta l’uso di un preparato di difesa a base di cenere, foglie di ligustro tritate ed urina diluita.

Già nel Sette-Ottocento gli agricoltori avevano messo insieme una vasta gamma di prodotti da utilizzare: rame, arsenico, cianuro, zolfo, soda caustica, nicotina, … senza considerare la loro pericolosità, a volte, per l’uomo e per le piante stesse. La difesa si basava essenzialmente sul cercare qualche prodotto da spruzzare sulla pianta per uccidere il responsabile dell’avversità. Si provavano diverse sostanze fra quelle conosciute, basandosi sull’intuizione di agronomi o agricoltori, e si vedeva cosa funzionava.

ec5e7a36-d265-45bf-881b-fda511edd30aNel Novecento continuò questa impostazione, supportata dai concomitanti sviluppi della chimica (soprattutto dagli anni ’30). I prodotti fitosanitari diventarono così sempre più potenti ed efficaci. Erano erano usati spesso in abbondanza, in modo preventivo, anche in maniera maldestra, senza considerare i risvolti ambientali e gli effetti collaterali. Il culmine si raggiunse negli anni ’50, con un sistema di difesa agricolo molto aggressivo e preventivo, ben descritto dagli americani con la frase “irrora e prega” (“spray and pray”).

Soprattutto dagli anni ’60 si iniziò però a capire che questo modello di sviluppo, pur avendo migliorato le rese agricole come non mai nella storia, comportava costi troppo elevati per l’ambiente e la salute. Già dal Sette-Ottocento alcuni filosofi mettevano in guardia dai problemi dell’impatto delle attività dell’uomo sulla Natura. Tuttavia fu con gli anni ’60 del Novecento che iniziò a nascere e a diffondersi una coscienza ambientalista a livello sociale. Fu il momento di svolta decisivo, che ha dato il via a tante ed importanti trasformazioni, anche se i primi veri risultati sono arrivati decenni dopo. Si è iniziato a capire che doveva nascere una nuova idea d’agricoltura, nel nostro caso di viticoltura, capace di rispondere ai bisogni umani ma anche di rispettare l’ambiente e la salute.

346670_f655cd45f4b140938fb78d7f0f37abf5~mv2

Non si è trattato però solo di passare ad usare prodotti diversi rispetto alla difesa tradizionale. La nascita dell’agricoltura (viticoltura nel nostro caso) integrata ha determinato un vero e proprio cambiamento d’impostazione mentale. Non c’è più il vecchio approccio di vedere la malattia solo come un rapporto di coppia pianta-patogeno e cercare qualcosa che uccida quest’ultimo. In diversi decenni di ricerca si è capito che lo sviluppo di una malattia dipende da un sistema ben più complesso di fattori che, se gestiti in modo integrato, possono portare a vie più sostenibili di difesa.

Questo percorso storico ci ha portati nel tempo all’abbandono dei peggiori prodotti fitosanitari del passato (a volte con lentezze criminali), alla nascita di prodotti di nuova generazione, più studiati e  biodegradabili, il cui uso in generale è comunque molto più limitato e controllato. Si utilizzano comunque in modo sempre più ridotto, perchè nella viticoltura integrata si devono privilegiare azioni preventive di tipo agronomico e di lotta biologica. L’obiettivo è l’abbandono totale. Per alcune avversità ci si è già riusciti, per altre siamo sulla buona strada e, in attesa di trovare sistemi migliori, il nostro lavoro è  contenerne l’impatto ambientale.

DIO-300x233La vite è comunque una pianta che storicamente non ha quasi mai destato grandi preoccupazioni, almeno fino all’Ottocento. Nei documenti storici delle epoche precedenti, le annate ricordate come pessime erano dovute ad altri problemi. Nel Medioevo l’agronomo Pietro De’ Crescenzi scriveva che la vigna teme soprattutto il gelo e la tempesta, che si possono scongiurare solo con le “pietose preghiere fatte da un puro e mondo cuore alla Maestà di Dio”. Gli unici parassiti dai quali invita a stare in guardia sono molto più grandi: gli stornelli e i ladri a due gambe! Nel 1709, ad esempio, una terribile gelata distrusse in una notte tutta la produzione europea.

Non è che la vite non abbia malattie e parassiti storici. Molti insetti ed acari, fra quelli dei post precedenti (qui e qui), sono autoctoni. Studiosi moderni hanno riconosciuto in alcune descrizioni di autori greco-latini il “mal dell’esca” (un’altra malattia dovuta a dei funghi). Tuttavia le avversità locali non intaccavano più di tanto la produzione o, meglio, lo facevano in modo sufficientemente tollerabile per la sensibilità (o le necessità) delle epoche antiche. Le grandi catastrofi viticole sono più recenti e sono arrivate da lontano.

La musica per i vignaioli è infatti decisamente cambiata nell’Ottocento, quando dall’America arrivarono i tre grandi flagelli della vite, oidio, peronospora e fillossera (di quest’ultima abbiamo già parlato),  capaci non solo di far perdere buona parte dell’uva (se non tutta), ma addirittura di minacciare l’esistenza stessa della viticoltura. Il loro arrivo dall’America, nella seconda metà dell’Ottocento, ha completamente stravolto la viticoltura europea.

Arrivarono insieme a viti americane importate, come ospiti indesiderati. Per la loro capacità devastatrice, agirono da stimolo potente per lo sviluppo della difesa della vite. La successiva sempre maggiore attenzione alla qualità del vino ha spinto poi ad affinare i rimedi anche per i parassiti e le malattie “minori”, prima più tollerati.

Oidio o mal bianco

oidio-della-vite_NG3

L’oidio viene chiamato anche “mal bianco” perchè le parti colpite (germogli, tralci, grappoli) sono come ricoperti di una “farina” bianca, che è il micelio del fungo.

 

Il primo, in ordine cronologico, fra i grandi danni venuti dall’America nell’Ottocento è stato l’oidio. E’ anche quello che interessa di più il nostro ambiente climatico mediterraneo, tendenzialmente arido. La prima notizia di esso risale al 1845, osservato in serre vicino a Londra. Nel 1850 la malattia fu trovata in vigne francesi, poi in Belgio, nel 1851 in Italia e nel bacino del Mediterraneo in generale.

E’ causato da un fungo chiamato Erysiphe (o Uncinula) necator. Tutti gli organi verdi della pianta subiscono attacchi e forti alterazioni. L’oidio non porta in genere alla morte della vite ma ne compromette seriamente lo sviluppo e la produzione dell’uva, che può diminuire o essere compromessa del tutto. Inoltre causa delle spaccature sugli acini che permettono l’ingresso anche di altri funghi e batteri.

A differenza di tante muffe, non ha bisogno di umidità per iniziare i suoi processi. Anzi, sembra esserne inibito nelle fasi iniziali dalle piogge. Colpisce in quasi tutta l’Italia, soprattutto al centro e al sud, a nord nelle zone collinari più asciutte, in generale ovunque nei periodi poco piovosi. Ci sono comunque varietà più o meno sensibili.

Come agisce lo zolfo

238-09-13-07-zolfo

Lo zolfo si usa in forma polverulenta o in preparati liquidi. E’ un prodotto detto di copertura, perchè agisce stando sulla superficie della pianta. Penetra nella cellula del fungo perchè è liposolubile, danneggiandone la parete e la membrana. In questo modo la cellula perde acqua e il fungo muore per disidratazione. Inoltre interferisce col metabolismo cellulare. Non agendo in modo specifico, non crea problemi d’insorgenza di resistenza (con i prodotti fitosanitari si può creare lo stesso problema delle resistenze degli antibiotici in medicina). Lo zolfo non ha finora evidenziato problemi rilevanti di tossicità ed è un sistema economico. Non dà problemi di accumulo nell’ambiente, soprattutto se dosato nel modo più opportuno. Se usato in modo inappropriato, può dare alcuni problemi alla microfauna della vigna, a temperature molto elevate può essere anche fitotossico (cioè creare problemi alla vite stessa). Se viene usato troppo vicino alla vendemmia, può creare problemi nei vini (i lieviti possono trasformalo in acido solfidrico che può dare odori sgradevoli).

All’epoca della sua comparsa, la scoperta del rimedio fu abbastanza veloce. Nell’Ottocento lo zolfo era già usato per  le malattie di altre piante. Fu tra i primi rimedi provati e dimostrò di funzionare anche per l’oidio. Nella sostanza la difesa non è cambiata molto da allora perché lo zolfo ha dimostrato da sempre di essere un rimedio efficace, senza rilevanti problemi di impatto ambientale e di salute. Tuttavia presenta delle criticità non del tutto trascurabili, per cui nella viticoltura integrata e sostenibile si lavora per cercare comunque di ridurre al minimo il suo utilizzo, se possibile di arrivare ad eliminarlo.

002b

La prima fase nella viticoltura integrata è però sempre e comunque la prevenzione. Diversi lavori agronomici, se fatti con attenzione e cura, aiutano a sfavorire l’instaurarsi del fungo. Hanno un’azione preventiva tutti quei lavori che portano ad un’ottimale gestione della chioma (tralci e foglie), evitando troppi affastellamenti vegetativi. Anche la scelta della forma di allevamento della vite può contribuire a sfavorire l’attacco: ad esempio noi abbiamo il guyot e il cordone speronato che rendono le viti meno suscettibili.  Anche la defogliatura intorno al grappolo è utile. E’ fondamentale anche gestire in modo ottimale l’equilibrio della vigna: si è visto che la vite è più suscettibile al fungo in situazioni di eccessivo rigoglio, se si fanno concimazioni eccessive, se si usano portinnesti troppo vigorosi, ecc.

L’azione numero 2 è l’attenta sorveglianza della vigna, altro cardine della viticoltura integrata, per cogliere i primi segnali di pericolo ed intervenire in modo tempestivo ed appropriato, senza lasciare “esplodere” la malattia. Accorgersi di una malattia in fasi più avanzate richiede sempre un intervento più aggressivo, cosa che si vuole assolutamente evitare. Sembra banale, ma vi assicuro che non è così scontato.

La viticoltura integrata, Cenerentola del settore

 Entomologie

La viticoltura integrata è la meno conosciuta in assoluto al pubblico, un po’ perchè si è comunicata poco, un po’ perchè è poco mediatica per definizione. Non è semplificabile in facili slogan (altrimenti non sarei qui a scrivere questi papiri!), non ha storie fantastiche ed avvincenti. E’ fatta di ricerca, lavoro, fatica e professionalità, come in realtà è l’essere vignaiolo (c’entra anche la passione 🙂 ).

Oggi alcuni principi basilari della viticoltura integrata sono diventati patrimonio generale del mondo viticolo, alcuni proprio imposti per legge (viticoltura integrata obbligatoria). Parlo del fatto di non fare più interventi a calendario, come una volta, ma con sistemi di sorveglianza, d’utilizzare sistemi che evitino le derive dei prodotti, il concetto di perdita tollerabile, ecc. Anche le aziende viticole meno sensibili ai temi ambientali si sono dovute più o meno adeguare all’evoluzione del settore ed allineare ad alcuni standard di base.

La scelta delle forme più innovative e sostenibili è però ancora su base volontaria, quella che è chiamata viticoltura integrata volontaria o solo viticoltura integrata (visto che quella obbligatoria è ormai basilare). E’ quella che facciamo noi.

Oggi è molto più nota la viticoltura biologica, la cui nascita è intrecciata a quella della viticoltura integrata. Entrambe sono nate negli anni ’60 da persone votate alla ricerca di un’agricoltura più rispettosa dell’ambiente e della salute. La differenza sta nel fatto che nella viticoltura integrata si scelgono i migliori sistemi, al momento disponibili, per efficacia produttiva e per sostenibilità, senza preconcetto alcuno. Nel biologico il presupposto di scelta primario è che siano “naturali”. Nella viticoltura di oggi spesso questi criteri di scelta si sovrappongono (come abbiamo già visto per molti parassiti animali, ma anche per l’oidio), a volte però no (lo vedremo poi).

In generale, dal mio punto di vista, certe classificazioni ormai sono passatiste. Si dovrebbe solo discutere sul fatto che la singola pratica sia sostenibile o meno (e come si possa migliorare ancora). Ci sono però risvolti non tecnici che non sono trascurabili, come i sussidi pubblici ed il marketing.

Esiste anche la viticoltura biodinamica, ma questa va decisamente su altri piani (astrali ed esoterici). Siccome non credo a questi aspetti e non ha basi scientifiche e razionali su cui si possa discutere, non ho molto altro da aggiungere. Se volete approfondire potete vedere qui  

Se poi è necessario intervenire con lo zolfo, l’impostazione della difesa integrata non può essere standard, ma deve essere studiata “su misura” per ogni vigna, diversificata per la situazione ambientale particolare, l’entità del danno, la varietà dell’uva, la gravità delle infezioni degli anni precedenti, ecc. Il momento dell’intervento in genere va dal germogliamento all’invaiatura, anche se chi ha infezioni importanti può avere problemi anche dopo.

Se si vuole che abbia effetto positivo e nello stesso tempo per evitare inutili (e dannose dispersioni), la distribuzione dello zolfo (come ogni prodotto) deve essere fatto nel momento e nel modo più opportuno, in base alla temperatura, alla ventosità, ecc. Oggi ci sono obblighi per gli agricoltori in questo senso, fra cui quello di fare dei corsi e avere un patentino (salvo poi la mancanza di professionalità). Inoltre, decenni di ricerca ingegneristica, hanno anche portato all’evoluzione delle macchine irroratrici, con attrezzatture che evitano il più possibile le dispersioni. Purtroppo però ci sono in giro ancora tante attrezzature obsolete, soprattutto fra gli agricoltori non professionali.

Oltre ai prodotti a base di zolfo, esistono, per la cronaca, anche dei prodotti sistemici organici, utili nei casi più gravi, soprattutto con infezioni ripetute, da usare comunque con grandissima precauzione (che noi non usiamo). Alcuni di questi possono creare problemi di resistenze.

il controllo è la base di tutto

agricoltura_sostenibile_biologica

Lo zolfo è classificato fra i prodotti “naturali”, ma è sufficiente per sentirsi al sicuro? Con lo zolfo non sembrano esserci molto problemi ma non è così scontato.

Il termine naturale è affascinante ed accattivamente, rischia però di essere un segnale mentale di “stop” ad ogni ragionamento ulteriore. Identifica l’origine (vera o presunta) di un prodotto ma non ci dice nulla sulla sua azione o la sua pericolosità (o meno) per l’ambiente e la salute.

Fino al XIX secolo si usavano solo prodotti naturali e alcuni sono arrivati fino a noi. Molti sono stati abbandonati o ridotti nel tempo proprio per la loro dannosità (arsenico, cianuro, nicotina…) e altri sono in discussione oggi. Anche quando si è iniziato a creare prodotti sintetici ce n’erano diversi molto pericolosi che nel tempo sono stati ridotti o completamente abbandonati.

C’è chi distingue parlando di prodotti chimici e non chimici (quelli naturali). Questa è veramente però una definizione inappropriata, perchè tutto è chimica, visto che la chimica è la scienza che studia la composizione della materia.

Diciamo che queste classificazioni sono in realtà semplicemente poco utili, anche se sono diventate luoghi comuni, cioè un dogma che accettiamo passivamente senza riflettere sulla sua reale validità. Cosa è utile allora?

Per conoscere e scegliere i prodotti fitosanitari migliori è molto più informativo (e sicuro) classificarli attraverso parametri che ci facciano capire come lavorano e che effetti hanno. Per arrivare alla vendita in Europa, un prodotto deve passare attraverso un lungo protocollo di studio che è oggi principalmente orientato a dimostrarne la sostenibilità. Sono molto simili ai protocolli imposti per i farmaci umani. L’aspetto fondamentale è capirne l’efficacia (cioé quanto è bravo a fare il suo dovere), il livello di tossicità sull’uomo (acuta e cronica), la fitotossicità (tossicità sulla pianta che deve difendere), l’ecotossicità (il suo eventuale accumulo nell’ambiente ed azione su animali e piante), l’eventuale traslocazione nelle acque, l’eventuale accumulo nel prodotto che beviamo (o mangiamo) e nel caso studiare le dosi di rischio, la possibilità di sviluppare resistenze nel patogeno, … L’eventuale dannosità deve essere studiata non solo per il principio attivo (cioé la sostanza principale che agisce contro la malattia) ma anche per i diversi ingredienti e coadiuvanti che compongono il prodotto commerciale. Questi sono presenti perchè servono a rendere utilizzabile ed efficace il prodotto. Possono servire a veicolarlo, aiutarlo ad aderire meglio alla pianta, renderlo meno volatile, deodorarlo, colorarlo, ecc. Ci possono però essere anche sostanze indesiderate, a seconda della qualità di chi produce (impurità, contaminazioni, prodotti intermedi di produzione). Ad esempio, alcuni prodotti commerciali a base di zolfo hanno dimostrato livelli più alti di tossicità perchè presentavano un’alta presenza di selenio. Alcuni formulati di rame sono stati eliminati in passato perchè presentavano impurità pericolose di cadmio, piombo e arsenico.


Noi usiamo zolfo polverulento. Con un’attento lavoro di prevenzione e di controllo della vigna, è possibile gestire la difesa dall’oidio senza particolari problemi, con pochi e controllati interventi. Lavorando bene non andiamo mai oltre l’invaiatura dell’uva, evitando il rischio di portarci residui nel mosto.

imagesLa ricerca sta lavorando all’individuazione di sistemi alternativi allo zolfo. Al momento esiste una forma di lotta biologica basata su un iper-parassita (un fungo che è un parassita del parassita), l’Ampelomyces quisqualis (immagine a lato). Vive a spese di numerosi oidi, ne invade le cellule e le porta a degenerazione. Si tratta però di un sistema che al momento non è in grado di sostituire lo zolfo, se non in caso di attacco molto limitato. Se usato nelle fasi finali della stagione, sembra che possa aiutare a limitare lo sviluppo dell’oidio per quella successiva. Il suo più grosso problema è però che questo fungo si sviluppa bene in determinate condizioni climatiche (alta umidità e temperature non troppo elevate), che non sono le stesse ottimali dell’oidio. Si dovrebbe riuscire a trovare un iper-parassita che lavori al meglio nelle stesse condizioni di rischio della malattia.

Si stanno studiando altri agenti di lotta biologica, come i batteri Pseudomonas fluorescens e Bacillus subtilis, ma per ora in campo non danno risultati sufficienti. Il problema più grosso di lavorare con sistemi di lotta biologica basata su microrganismi (batteri e funghi), anche se funzionano benissimo in laboratorio o in serra, è che è molto difficile controllarne lo sviluppo e la diffusione in campo. Hanno bisogno di determinate condizioni ambientali ottimali per sopravvivere e svilupparsi. In natura bastano anche piccole variazioni ambientali locali per rendere loro la vita difficile e rischiare di rimanere senza protezione. Possono essere utili nell’ottica di integrare dei prodotti fitosanitari,  ma non di sostituirli del tutto. Non secondario, anche se sembra un po’ trascurato, è anche capire l’impatto ecologico di questi microrganismi (come gli insetti alloctoni di cui abbiamo già parlato).

Sembrano dare risultati interessanti anche linee di ricerca che lavorano su prodotti fitosanitati alternativi allo zolfo, come il bicarbonato di sodio, di potassio e i silicati. Il problema è capirne ancora la funzionalità ma anche i reali vantaggi rispetto allo zolfo. Ad esempio possono dare anche loro problemi di fitotossicità e il bicarbonato di sodio viene facilmente dilavato anche solo da abbondante rugiada. Altera il pH del suolo e potrebbe creare problemi alla crescita delle piante. Ci sono anche studi in corso sul polisolfuro di calcio, su oli vegetali, oli minerali, oli essenziali (ma sono troppo costosi) e la latto-perossidasi (enzimi del latte). Al momento sono linee di ricerca con diversi livelli di sviluppo, si vedrà cosa ne uscirà.

Un’estratto della pianta esotica Reynoutria sachalinensis sembra avere capacità anti-fungine su alcune piante ornamentali, perchè in grado di stimolare la produzione di fenoli. Al momento è stata però “bocciata” dell’Europa perchè la documentazione presentata non è stata in grado di escludere la presenza, nell’estratto, di sostanze mutagene, cancerogene, tossiche per la riproduzione e tantomeno di scongiurarne l’attività di perturbatore endocrino (naturale non significa sempre non pericoloso).

(Prosegue qui e qui)

Comments are closed.