a6a1284f-8f6d-4626-a73d-9402e0af2cae
Attilio Scienza presenta il suo ultimo libro “La stirpe del vino”
28 novembre 2018
auguri natale
Season’s Greetings Auguri!
21 dicembre 2018

Gli Etruschi e il vino IV: il vino nella vita sociale e religiosa

Etruschi vino

“Essi abitano in una regione che produce di tutto e, impegnandosi nel lavoro, hanno frutti con cui possono non solo nutrirsi a sufficienza, ma anche concedersi una vita di piaceri e di lusso” Diodoro Siculo (I sec. a. C.).

Quali erano i vini Etruschi?

Quello che sappiamo c’è arrivato attraverso gli scritti, spesso a posteriori, di autori Romani. In generale erano molto apprezzati. Ad esempio, Marziale ed Orazio elogiano il Massico (dell’area campana di cultura etrusca). Vicerversa, denigrava il rosato di Veio. Certi giudizi negativi sono però da prendere con cautela, perché espressi in un momento storico in cui gli Etruschi erano in forte decadenza, ormai soggiogati dall’Impero Romano. Più tardi Columella (I sec. d.C., nel “De re rustica”) elenca alcune delle varietà dell’Etruria, numerose indigene ed altre d’importazione, come il Pompeiano o Murgentino. Plinio il Vecchio ricordava diversi vitigni aretini, come la Talpona nera (vinificato in bianco), l’Etesiaca, la Conseminea (per il consumo da tavola), la Sopina o Tudemis o Florentia, la Perusinia (uva nera). La Pariana è invece indicata nel territorio di Pisa. L’Apiana era un uva moscato da cui si ricavava un buon vino dolce. I vini di Gravisca (l’antico porto di Tarquinia) e di Statonia sono descritti come eccellenti.

Asurn_banketscene_800p

La rappresentazione più antica finora trovata di un banchetto etrusco è sul coperchio del vaso cinerario di Montescudaio (PI), della prima metà del VII sec. a.C. È stato rinvenuto qui vicino, a Montescudaio, ed è conservato al Museo Archeologico di Cecina. Questo reperto è molto importante perché è la più antica rappresentazione trovata di un banchetto culturalmente evoluto, derivato dai modelli greci. Sul coperchio è presente una figura maschile, il Signore, seduto davanti ad un tavolo a tre gambe, imbandito con focacce. Di fronte al tavolo c’è un grosso recipiente, la tipica forma greca di un vaso utilizzato per il vino (il cratere, dalla larga imboccatura). A lato ci doveva essere un altro contenitore, andato perso, che molto probabilmente rappresentava il contenitore dell’acqua (che, nelle modalità greche di consumo, andava sempre mescolata al vino). Vicino c’è una figura femminile di servizio.

Sappiamo di più su come li consumavano. Sembra che rituali legati al vino fossero già presenti in Etruria fin dalla fine dell’età del Bronzo. Tuttavia il contatto con la cultura greca segnò una profonda evoluzione. Il vino si legò in modo più profondo alla dimensione religiosa, utilizzato in modo collettivo nelle celebrazioni agli Dei e nelle cerimonie funebri. La maggior produzione lo rese anche più disponibile e divenne protagonista dei riti sociali, i banchetti ed i simposi (momenti dopo la cena, in cui si beveva vino, assistendo a spettacoli di musica e danza, con conversazioni e giochi). I meno abbienti probabilmente consumavano anche loro un vinello leggero, derivato dal ripasso con acqua delle vinacce, pratica frequente anche in epoca Romana e fino all’Ottocento.

La prima forma di banchetto, che segna il passaggio dalla “barbarie” a forme di civiltà più evolute, è quella seduta, che compare in Etruria almeno dall’inizio del VII sec. a.C., dall’influenza della cultura greca. Nei modelli greci dello status aristocratico, il banchetto non avviene più in modo barbaro e scomposto ma stando seduti di fronte ad una tavola. Dal VI sec. a.C., sempre da modelli culturali greci, si introdusse la figura del banchettante semi sdraiato sul letto conviviale, col gomito appoggiato ad uno o più cuscini. Su ciascun letto trovavano posto due o tre persone. Davanti a ciascuno erano sistemati tavolini piuttosto bassi, per il cibo e le coppe di vino.

etst-2014-0015-fig12

Una caratteristica tipicamente etrusca è la presenza delle donne ai banchetti, rappresentate dopo il 500 a.C., a volte adagiate accanto all’uomo e, più tardi, sedute vicino. Nel mondo greco il simposio era invece solo maschile o al più aperto alle etere (prostitute di alto livello).  I greci (e i romani delle origini) consideravano questa presenza come un segno di corruzione morale. In realtà la donna, nel mondo etrusco, beneficiava di una considerazione civile e sociale ben diversa dal ruolo subalterno del mondo greco-romano.  Al banchetto prendevano parte coppie sposate, ritratte nei sarcofagi o sugli affreschi come simbolo di unità famigliare. sposi-876xg-b

I commensali mangiavano con le mani, pulendosi spesso con ciotole d’acqua profumata e tovaglioli. Nella sala scorrazzavano animali domestici (cani, gatti, polli, anatre…), che mangiavano i resti di cibo che cadevano (o erano buttati) a terra. Il banchetto era sempre accompagnato da musica, soprattutto dai flauti. Ci potevano essere anche spettacoli di danza e di giocolieri. Si giocava anche: ai dadi o con la tabula lusoria (una specie di scacchi o dama). Il kottabos, arrivato dalla Sicilia greca, consisteva nel centrare un bersaglio con le ultime gocce di vino rimaste nella coppa.

etst-2014-0015-fig09

In autori greci e romani si trovano accuse morali rivolte al grande lusso dei banchetti etruschi, dove venivano esibiti vasellame pregiato, preziosi tessuti ricamati, serviti da numerosi servi. C’è chi riporta, scandalizzato, che addirittura banchettavano due volte al giorno (l’uso comune dei tempi antichi, sia presso i Greci che i Romani, era che a pranzo si consumasse un pasto molto frugale e veloce). Alcuni autori romani definivano gli etruschi “schiavi del ventre” (gastriduloi), tanto che era popolare l’immagine dell’Etrusco obeso diffusa da Catullo. Di nuovo, prendiamo queste critiche con le dovute cautele: gli Etruschi furono a lungo nemici  Roma, prima di essere conquistati. Tuttavia quest’immagine non presentava eccezioni solo negative, visto che nella cultura antica l’individuo “grasso” era colui che poteva permettersi di diventarlo, cioè era un simbolo di grande ricchezza e potere.

Come si beveva il vino allora?

Il vino, in antichità, era molto alcolico e concentrato. Ai banchetti e simposi (sempre per influenza greca) era diluito con acqua, perché era considerato da barbari perdere il controllo in società. Veniva anche aromatizzato ed addolcito, pratiche comuni nel passato antico e medievale, per coprire i difetti dovuti alle limitate tecniche produttive e di conservazione.

I vari oggetti usati per il vino e la tavola erano in ceramica o bronzo. Per essi gli archeologi usano i nomi greci perché il nome etrusco è spesso sconosciuto oppure incerto.

Al centro della sala, su un tavolo di servizio, era posto il cratere per il vino (krateres), riconoscibile per la larga imboccatura. A fianco c’era una grossa anfora per l’acqua (hydria), la quale era servita anche a tavola in piccoli secchi (situla). Il vino era portato in sala e mescolato nel cratere con acqua, fredda o calda a seconda delle stagioni. Erano aggiunti miele, erbe, fiori, spezie, resine, ecc.

 

Cratere_etrusco_con_comasti_tra_pseudo_iscizioni,_550-500_ac_ca

Cratere Etrusco, 550-500 a.C.

view_13_fig-40-grattugiaDel corredo dei simposi faceva parte anche la grattugia, usata appunto per grattugiare nel vino spezie, radici o, probabilmente (come succedeva nel mondo greco) anche il formaggio. Dal cratere il vino era poi attinto con dei mestoli o attingitoi come il kyathos, di foggia tipicamente etrusca, a metà fra una coppa per bere e una per attingere.

attingitoio in bronzo

Dionysus_seated_between_two_satyrs,_kyathos_in_an_Etruscan_shape,_Greek-Attic,_c._510-485_BC,_black-figure_terracotta_-_Blanton_Museum_of_Art_-_Austin,_Texas_-_DSC07651

Kyathos, a metà fra una coppa per bere ed una per attingere, è una forma tipicamente etrusca. Questo è una ceramica attica del 510-485 a.C. Le ricche città etrusche divennero un mercato molto importante per la ceramica greca, così che gli artigiani greci introdussero nella loro produzione anche forme etrusche, per andare incontro al gusto dei loro migliori acquirenti.

Era versato nelle brocche di servizio (oinochoe, anche questa una forma originaria etrusca) o direttamente nelle coppe dei commensali. Era anche filtrato con un colino, per eliminarne le torbidità.

colino in bronzo

Colino in bronzo, museo di Piombino

2011_NYR_02490_0161_000(an_etruscan_bucchero_pesante_trefoil_oinochoe_circa_mid_6th_century_bc)

Brocca etrusca in bucchero per il servizio del vino (oinochoe), metà del VI sec. a.C.

Per bere si usavano coppe in ceramica di diversa foggia, come il calice semplice (in etrusco probabilmente thavna). Una forma importata era la kylix (in etrusco culichna). Con manici più alti era invece il kantharos (in etrusco, probabilmente, zavena).

MMA_etruscan_cup_6

coppa da vino etrusca

 

 

Etruscan_cup_MET_03.24.31

Questa coppa a due manici bassi era detta kylix in greco. Era la coppa per eccellenza dei simposi greci, introdotta anche in Etruria.

 

MMA_etruscan_pottery_27

Il kanthoros era una forma di coppa tipicamente etrusca, con due alti manici. Questa coppa è una forma originaria etrusca che si diffuse ampiamente nel Mediterraneo ed entrò anche nella cultura greca, al punto di soppiantare la kylix.

 

bygos

Il kantharos divennne anche il simbolo di Dioniso nell’arte greca. Il Dio era infatti reso riconoscibile nell’iconografia raffigurandolo con questa coppa in mano.

 

Etruscan_sarcophagus_SMS_n1

I defunti invece erano rappresentati spesso con in mano una coppa molto bassa, quasi un piatto, la patera, coppa tipica dei riti sacrificali e religiosi. (sarcofago etrusco di epoca ellenistica, Siena).

 

ceramiche etruschep

LE CERAMICHE ETRUSCHE. Sulle tavole (e nelle tombe) si ritrovano sia ceramiche di produzione propria che importate, soprattutto dal mondo greco, per il quale le ricche città etrusche furono un mercato molto importante (addirittura il primo nel V sec. a. C.). Questo portò anche all’introduzione nelle ceramiche greche di modelli etruschi, per andare incontro al gusto dei ricchi committenti. Maestranze greche emigrarono anche in Etruria, dando un forte impulso alla produzione locale. D’altro canto gli Etruschi svilupparono sia stili propri che influenzati dalla cultura greca. Non furono però solo imitazioni: nacquero anche forme artistiche eclettiche originali, capaci di rielaborare elementi presi dalle diverse culture. Le ceramiche di produzione etrusca più antica erano prodotte con “l’impasto”, cioè argilla non depurata, aggiunta di tritumi calcarei o sabbia, decorati con incisioni o inserzioni di elementi in bronzo, ambra, osso o stagno. L’impasto fu utilizzato in maniera esclusiva fino al IX sec. a.C. L’influenza greca introdusse l’uso di argilla depurata lavorata al tornio, con motivi ornamentali dipinti. L’impasto allora si ridusse sempre più, mantenuto solo per i recipienti più modesti d’uso domestico. Dall’influenza della ceramica greca geometrica nacque una produzione locale, dalla metà del VIII sec., denominata ceramica etrusco-geometrica. A seguito dell’importazione di ceramiche corinzie e greco-orientali, nacque la ceramica etrusco-corinzia, con motivi e forme corinzie a cui si sovrappongono elementi greco-orientali, prodotta in Etruria dalla metà del VII alla metà circa del VI sec. a.C. Il bucchero è invece una ceramica tipicamente etrusca di colore nero, ottenuta per riduzione in cottura dell’ossido di ferro dell’argilla (che da rosso diventa nero). Cominciò ad essere prodotto intorno al VII sec. nell’Etruria Meridionale più costiera. Fra la fine VII e l’inizio del VI sec. a.C. la produzione raggiunse il suo apice ed il prodotto venne esportato in tutto il bacino del Mediterraneo. Nel V secolo iniziò però uno scadimento nella tecnica, riducendo la produzione a poche forme di uso domestico, fino a quando sarà soppiantato da altre ceramiche. L’introduzione delle ceramiche attiche influenzò invece lo sviluppo, dalla metà del VI sec. a.C., della ceramica etrusca a figure nere, che raffigurava spesso scene di miti greci. I pittori fusero diversi modelli: quello attico ma anche stile e motivi decorativi greco-orientali e forme tipicamente etrusche, dando vita a opere di carattere eclettico. Anche la ceramica etrusca a figure rosse nacque sotto l’influenza di creazioni attiche, intorno al V sec. a.C. Questi vasi si diffusero moltissimo, arrivando anche in Sardegna, Gallia, Corsica, Spagna ed Africa. Dal IV al I secolo si diffuse in tutto il bacino del Mediterraneo una ceramica a vernice nera uniforme, detta anche etrusco-campana.

 

224

IL CIBO Il piatto forte dei banchetti dei ricchi era la carne, allo spiedo o arrosto, soprattutto di maiale, pecora, cacciagione (cinghiale, cervo, orso, tasso, lepri…), piccoli animali selvatici (volatili, ghiri, …). Questi ultimi erano a disposizione anche dei meno abbienti. I bovini erano allevati più per il latte e i lavori nei campi che per la carne, come sarà poi per i Romani. Vicino al mare si mangiava anche pesce, il tonno era molto apprezzato. Sulle tavole c’erano poi formaggi, salumi, uova. Il miele era usato sia per dolci che per ricette “salate”. L’alimentazione era comunque basata sui cereali (soprattutto grano, farro ed orzo), legumi e verdure. Con questi preparavano pane (senza sale, come oggi in Toscana e altre zone del centro Italia), focacce, polentine, zuppe e minestre. Il condimento, come oggi, era l’olio d’oliva. Dalle campagne e dai boschi arrivano anche olive, noci, nocciole, castagne, fichi, susine, melograni, uva, pere e mele. (affresco della Tomba degli Scudi, Tarquinia).

Il vino era legato alla dimensione religiosa non solo nel consumo ai banchetti funebri o nei riti sacrificali. Presso gli Etruschi la coltivazione stessa della vite era così importante che la classe sacerdotale era custode delle tecniche di coltivazione della vigna, della definizione dell’orientamento dei vigneti e delle pratiche magiche per preservarli dal maltempo.

aruspice

Secondo gli Etruschi, la volontà Divina relativa al Fato umano si manifesta nel mondo con dei segni. L’insieme delle conoscenze, dei riti e delle pratiche che permettevano di leggere la volontà degli Dei costituiva la Disciplina Etrusca. Era considerata una conoscenza rivelata. Cicerone e Ovidio riportano la leggenda secondo la quale un contadino di Tarquinia, mentre arava un campo, vide saltare fuori da un solco un fanciullo, Tagete, “sapiente come un vecchio”. Al grido del contadino accorsero gli abitanti dell’Etruria che appresero da Tagete i fondamenti della Disciplina. La scienza divinatoria era appannaggio di una classe di aristocratici-sacerdoti, con diversi nomi a seconda della specializzazione (es. gli aruspici interpretavano le viscere degli animali, gli auguri il volo degli uccelli, i fulgitur i fulmini, …). La Disciplina godette di ampio prestigio anche a Roma, al punto di entrare nella religione ufficiale. Questo bronzetto rappresenta un aruspice.

Questi rituali si mantennero anche in   epoca Romana, in particolare durante i Vinalia Rustica, festività celebrate il 19 agosto. Plinio Il Vecchio (Plin., Nat. Hist.) cita la pratica di deporre fra le vigne un grappolo d’uva posticcio, che attirasse su di sé i danni e risparmiasse il resto. Il sacerdote di Giove (il Flamen Dialis) celebrava l’auspicatio vindemiae. Cicerone cita anche le auguratio vineta, pratiche augurali che fa risalire ad Atto Navio, augure famoso al tempo di Tarquinio Prisco. Atto Navio, quando era un giovane pastore di scrofe, ne perdette una e promise che, se l’avesse ritrovata, avrebbe donato alle divinità il grappolo più grande della sua vigna. Fu esaudito e allora si pose al centro della vigna, la divise in quattro parti, secondo le pratiche della Disciplina Etrusca, ed interpretò il volo degli uccelli. Siccome gli uccelli avevano dato auspici sfavorevoli per le prime tre, cercò nella quarta parte e vi trovò un grappolo di mirabile grandezza.

La potatura presentava un alto contenuto simbolico: come forma di controllo e regolazione della produzione delle viti, veniva percepita come segno di valore e di regalità. In tombe dell’Età del Ferro la presenta di un falcetto per potare non rappresentava il mero strumento da lavoro, ma il simbolo distintivo della proprietà di vigneti e quindi di alto lignaggio. Questa concezione rimase anche a Roma: Virgilio, nel descrivere gli avi latini da cui discendeva la stirpe di Augusto nell’Eneide (libro VII), cita Sabino, descritto come coltivatore di viti e connotato da un falcetto ricurvo.

Le divinità connesse al vino erano due:

Fufluns

Fufluns

TINA/TINIA/TIN. É la massima divinità etrusca e ha come attributo principale il fulmine. Tina è una divinità celeste ma presenta anche aspetti legati alla vegetazione, in particolare alla viticoltura. Plinio tramanda che a Populonia esisteva una raffigurazione di Tina ricavata da un unico grosso ceppo di vite.  Più tardi venne assimilato a Zeus-Giove.

FUFLUNS. Il nome ha come radice puple (germoglio), richiamando il suo legame originario con le forze della Natura. Nel “Fegato di Piacenza”, un bronzetto che riporta una sorta di “mappa” delle divinità etrusche, è elencato fra le divinità silvestri. Dalla metà del VI sec. a.C. venne assimilato sempre più al greco Dioniso, che, dall’appellativo Dionysos Bakchos, diventerà il latino Bacco. Nel IV secolo si diffusero sempre più in Etruria i riti dionisiaci, raggiungendo una grande diffusione nel IV-III sec. a.C. soprattutto fra gli aristocratici, al punto che erano organizzati collegi di Baccanti. Livio sostiene che proprio dall’Etruria questi culti arrivarono a Roma, dove furono proibiti dal senato nel 186 a.C. perché turbativi dell’ordine e della morale pubblica. Questi riti sono stati scambiati spesso per puri eccessi sessuali e di sfrenatezza.  In realtà, nella filosofia greca il vino è connesso alla potenza di un furore esaltante e liberatorio. L’estasi che si libera al culmine dell’eccitazione dionisiaca è una forma di conoscenza più alta, il mezzo per unirsi al divino.

Comments are closed.