tre-bicchieri-2020-aziende
Premiazione dei Vini TreBicchieri del Gambero Rosso, Criseo 2017 in degustazione il 27 ottobre
21 ottobre 2019
CopertinaEventoFB1200x628-1
Mostra Mercato dei Vignaioli Indipendenti 2019
18 novembre 2019

Un Mercoledì da Vignaiolo: il racconto di cosa significa essere un vignaiolo FIVI

75233951_10157020291919332_293505527999102976_o

Grazie di cuore a la Divina Enoteca di Firenze che ci ha ospitato per il Mercoledì da Vignaiolo, evento in cui FIVI è stata protagonista.

Il nostro Michele e Angela Fronti (azienda Istine di Radda in Chianti) hanno fatto da relatori, raccontando della FIVI, dei suoi ideali e delle sue manifestazioni (soprattutto la Mostra Mercato di Piacenza, l’evento clou di noi vignaioli FIVI), dell’essere vignaiolo. In degustazione, per spirito di gruppo, non c’erano i nostri vini e quelli di Angela, ma di altri colleghi vignaioli (vedete la foto sotto).

Cos’è la FIVI, per chi non la conosce ancora? Si tratta della Federazione dei Vignaioli Indipendenti Italiani. Nata nel 2008 (noi siamo soci dalla sua fondazione), mette insieme aziende medio-piccole di tutta Italia, contraddistinte dal fatto di essere vignaioli.

Il vignaiolo nel passato era semplicemente chi lavorava in vigna. Oggi essere vignaioli significa avere un’azienda vitivinicola e gestirla direttamente, in modo spesso famigliare, seguendo personalmente tutti i processi, dalla coltivazione della vigna, fino alla bottiglia finita.

Molti chiedono perchè “indipendenti”? Da cosa? Questo termine ha un significato storico, che nasce con le prime associazioni di questo tipo nel XX secolo. Il vignaiolo indipendente era proprio quello che faceva tutto da sè, produceva la sua uva, la lavorava e vendeva con la sua etichetta, mettendoci la sua faccia ed esponendosi personalmente sul mercato. Era nata per distinguerlo dai molti vignaioli non indipendenti, perchè invece svolgevano solo un passaggio della trafila produttiva (in genere la coltivazione dell’uva), per poi cederla ad una cantina sociale o venderla a  privati (o lo stesso per il vino sfuso).

FIVI è nata come una sorta di sindicato, per dialogare innanzi tutto col mondo politico ed amministrativo, che tanto influisce con leggi e disposizioni sul nostro lavoro, ma che era quasi sempre condizionato dai big del vino (dall’industria, dai grandi produttori e dalle cantine sociali), dimenticandosi spesso delle richieste e necessità delle molte migliaia di piccoli produttori.

Poi è diventata anche una voce per dialogare con i nostri clienti, con gli appassionati di vino o semplici consumatori, per farci promotori della realtà dei vignaioli d’Italia, piccole e medie aziende famigliari che sono l’ossatura fondamentale di questa nostra millenaria tradizione.

Ricordiamoci che i vignaioli sono i più solerti custodi dei loro territori, delle tradizioni e dell’artigianalità del vino, i principali fautori della necessità di lavorare in modo sostenibile (pur con diverse scelte, ma con la stessa finalità di rispetto per la terra).

72838979_10157020291754332_9056861802670850048_o 72882800_10157020291389332_5915564714271703040_o 73005503_10157020291614332_892878754005647360_o 73417798_10157020291469332_9046774187212931072_o

Comments are closed.