unnamed
Le vigne dell’antica Roma, fra “l’otium” del proprietario ed il lavoro del vignaiolo
21 aprile 2020
4F90A1DF-B0E3-49E4-A2EB-3782DAD38C44
Tutti i giorni Earth Day
22 aprile 2020

I lavori in vigna di aprile: la sostituzione delle viti

92445574_3153736567991159_8689279865616072704_o

Fa parte della normale vita di un vigna: ogni tanto, soprattutto andando in là con gli anni, anche le viti possono morire. Succede per tanti motivi: malattie o parassiti che prendono il sopravvento, colpi di freddo o per semplice fine del ciclo vitale. Quindi, togliamo le viti morte e al loro posto piantiamo nuove barbatelle, le piccole viti.

 

Prima scaviamo per togliere le radici della vecchia vite e riempiamo di nuovo la buca. Questo passaggio ammorbidisce la zolla di terra che cos’ è pronta per l’impianto.

Per piantare le barbatelle poi Michele usa la gruccia, lo strumento che vedete nella foto e nel video. È una barra che finisce con due punte. Fra queste è possibile inserire la piantina e, facendo forza sulla barra, piantarla nel terreno senza danneggiarla. Sono infatti le punte a premere e a scavare nel terreno. Si tratta di uno strumento da lavoro antichissimo. Risale ai tempi degli antichi Romani. Allora si chiamava “pastinum”.

Comments are closed.