Invito ad un consumo moderato

Il vino è piacere dei sensi, dello spirito e, per la sua cultura, dell’intelligenza.

Contiene però alcool che presenta diverse controindicazioni. Tuttavia fra l’assoluta irresponsabilità e il proibizionismo più ottuso, scegliamo la via della libertà di un consumo consapevole e moderato. Questo è parte dello stile di vita italiano : il vino allieta soprattutto i pasti, dove lo spirito conviviale porta ad un consumo piacevole e non eccessivo.

La quantità di alcool che si può assumere senza problemi varia col peso della persona e con la tolleranza personale. E’ meglio chiedere consiglio al proprio medico. Dovrebbe comunque essere assunto preferibilmente a stomaco pieno e lentamente.

L’alcool è sempre sconsigliato ai soggetti in crescita (bambini, ragazzi ed alle donne incinte), per persone affette da alcune malattie; può essere controindicato nel caso si assumano alcuni farmaci… Chiedete consiglio al vostro medico.

Se assunto in modo improprio l’alcool fa male a tutti. Evitate l’alcol se dovete guidare un mezzo o svolgere altri compiti di responsabilità: può creare sonnolenza, rallentare i riflessi, far abbassare la concentrazione, ridurre il campo visivo, rendere euforici e/o aggressivi. Un consumo molto elevato e continuato nel tempo può portare a dipendenza e a malattie anche molto gravi.


Il vino eleva l’anima e i pensieri, e le inquietudini si allontanano dal cuore dell’uomo.

Pindaro (518 – 438 a.C. circa)