008
Gli Etruschi e il vino III: la produzione
14 settembre 2018
S3S_Guado al Melo_Atis
Atis Super 3 Stelle dalla Guida Veronelli
9 ottobre 2018

Criseo 2016, un grande bianco da complantazione a Bolgheri

guida vitae 2019 Criseo

I Sommelier AIS hanno deciso di dare il massimo riconoscimento (4 viti) della loro guida Vitae 2019 al nostro Criseo Bolgheri DOC Bianco, annata 2016. Voci di corridoio ci hanno fatto sapere che è arrivato anche in finale per i TreBicchieri del Gambero Rosso! Purtroppo non ce l’ha fatta quest’anno, ma comunque rimane un bel riconoscimento di qualità.

Criseo 2016 ha già preso tanti importanti riconoscimenti e recensioni entusiaste, fra tutti ricordiamo anche i 91 punti di Wine Enthusiast. Anche le annate precedenti hanno avuto successo. Ricordiamo ad esempio il giornalista americano Tom Hyland che lo ha definito qualche anno fa: “the best Italian white wine you’ve never tried” (Il miglior vino bianco italiano che non hai mai provato).

Tuttavia non ci stupisce tutto questo: ogni giorno sentiamo le lodi e l’amore per questo vino dai nostri visitatori e clienti più affezionati. Questo è, alla fine, il parere più importante noi. E non è retorica: è chi ha speso per acquistarlo, anche non pochissimo, e noi dobbiamo dargli qualcosa di grande, quel qualcosa capace di regalargli momenti di grande piacevolezza, a tu per tu col nostro terroir.

Criseo è infatti l’espressione assoluta del nostro territorio e del vino artigianale italiano: un bianco che nasce da una singola piccola vigna (Campo Bianco), da 5 varietà in complantazione, raccolte e vinificate insieme in modo sensibile e rispettoso delle uve, senza aggiunte o correzioni in cantina (previo un grande lavoro di cura e selezione in vigna), affinato per 1 anno sui lieviti in acciaio e almeno un altro anno in bottiglia.

Un grande vino bianco a Bolgheri?

Non deve stupire: ormai Bolgheri è conosciuta quasi solo per i rossi ma è sempre stata terra anche di bianchi. Già nelle nostre vigne è documentata la presenza importante di uve bianche (Vermentino, Trebbiano toscano e altre) da metà Ottocento, quando era parte della tenuta Espinassi Moratti. La stessa tenuta, nel 1925, vinse il primo premio all’esposizione vinicola di Roma per il proprio vino bianco.

Il territorio, per fare un grande vino, è condizione necessaria ma non sufficiente. Poi ci vuole la cura e la sensibilità di chi vi opera, i gesti del lavoro umano che si mette al servizio della Terra, capace di portare il terroir a compiersi al suo massimo. Noi abbiamo Michele Scienza, con la sua sensibilità, esperienza  e competenza sia in vigna che in cantina, con la sua voglia di percorrere vie spesso controcorrente che lo portano all’essenza del suo territorio, senza curarsi delle mode del momento. Una di queste è proprio l’aver scommesso, vent’anni fa, sulla possibilità di poter fare un grande vino bianco a Bolgheri, da complantazione. Può dire di esserci riuscito.

Grazie a tutti

 

Lascia un commento